Meina

Meina Città

Come raggiungerci:

- In treno: il centro di Meina si trova a pochi passi dalla stazione ferroviaria di Meina, nella quale fermano i treni della linea Milano – Gallarate – Arona – Domodossola. Da Milano P.G. e Milano Centrale il tempo di percorrenza per raggiungere la stazione di Meina è di circa un’ora.

- In autobus: autolinee SAF (linea Verbania-Stresa-Arona-Milano http://www.safduemila.com/files/2013.6.9-9.9-vb-arona-milano–2013.6.5-.pdf) e Pirazzi (linea Arona – Meina- Alto Vergante- Gignese http://www.pirazzi.it/ita/autolinee.html )

- In battello: è possibile raggiungere Meina dal lago tramite la Società di Navigazione Lago Maggiore. Per gli orari e le tratte consultare il sito http://www.navlaghi.it/ita/m_illago.html

- In auto: percorrere l’autostrada A26, uscita Meina- Ghevio. Si prosegue seguendo le indicazioni stradali per Meina centro. Sono presenti diversi parcheggi pubblici nelle immediate vicinanze del centro storico e del lungolago. Tutta la sponda occidentale del lago, inoltre, da Castelletto Ticino sino a Stresa, passando per Meina, è costeggiata dalla statale 33 del Sempione.
Distanze e tempi di percorrenza: Torino, 128 Km, 120 minuti – Milano 74 Km, 60 minuti- Arona 5 Km, 5 minuti – Verbania 28 Km, 30 minuti – Novara 43 Km, 50 minuti, Malpensa – Meina 32,5 km.

Servizio navetta Torino-Meina
http://www.distrettolaghi.it/eventi/servizio-navetta-estiva-torino-lago-maggiore-dal-30-giugno-al-30-settembre

Servizio Navetta gratuito da/per Museo della Villa Faraggiana:

Nei giorni 25-26-27 luglio sarà a disposizione del pubblico un servizio navetta gratuito per il Museo della Villa Faraggiana con partenza e arrivo da piazza Carabelli, con frequenza e orari ancora da definire.

Per prenotare gratuitamente le visite di Villaggio d’Artista clicca qui.

lug
7
dom
2013
Delcio Montagnin – Arte in gioco @ Comune di Meina
lug 7 – lug 11 all-day

Delcio Montagnin Riciclo-installazione LOGO ARTE GIOCO

8/10/12 Luglio 2013
Comune – Meina (NO)
P.zza Carabelli, 5

Delcio Montagnin – Arte in gioco
Laboratorio di riciclo estetico dell’oggetto
con la collaborazione di Giuliano Montagnin
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Il laboratorio è rivolto ai ragazzi e ragazze dei Centri estivi del Vergante e ha come scopo quello di indirizzare il loro potenziale artistico ed espressivo verso ciò che meno di ogni altra cosa sembra possederne: gli oggetti e le cose rotte, brutte, scartate. Attraverso la forma e il colore, ma soprattutto attraverso il fare, il laboratorio metterà l’Arte in gioco. Sia nel senso di accostarsi all’arte tramite il gioco, sia in quello di far entrare e di far operare l’arte nel quotidiano attraverso le cose e gli oggetti più comuni. Gli oggetti rinati attraverso il laboratorio verranno allestiti ed esposti per tutta la durata del festival (dall’8 al 27 luglio) presso l’imbarcadero di Meina.

Orario
h 9.30-12.30

Età
10-14 anni

Delcio Montagnin
Nato a São Paulo del Brasile nel 1945. Molto giovane, inizia a studiare pittura classica col maestro-pittore Pietro Alzaga e scultura classica col maestro-scultore Alfredo Oliani, ambedue formatisi a Firenze. Studia pittura contemporanea alla Chelsea School of Art di Londra.
La sua ricerca artistica ha sempre avuto l’intento di rievocare nell’arte del nostro tempo valori e principi estetici ispirati ai linguaggi classici e alle forme armoniche della natura. Sono state organizzate molte mostre personali in Brasile.
Per oltre quarant’anni ha lavorato nel campo dell’editoria come illustratore e grafico pubblicitario. In Italia, per dieci anni, è stato illustratore presso le principali testate della Rizzoli, realizzando ad esempio numerose copertine del settimanale l’Europeo.
Da sei anni collabora, come scenografo e costruttore di pupazzi, all’allestimento degli spettacoli teatrali dell’Atelier.
www.delcio.it

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

lug
19
ven
2013
Laboratorio teatrale con Danio Manfredini @ Sala Consiliare del Comune
lug 19 – lug 21 all-day

©daniomanfredini_lab.jpg

20/21/22 luglio 2013
Sala Consiliare del Comune – Piazza Carabelli, Meina (NO)

Laboratorio teatrale a cura di Danio Manfredini
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Un laboratorio a partire da Danio Manfredini e dalla sua personale esperienza artistica che si basa sulla ricerca delle possibilità espressive dell’attore, figura che egli concepisce come creatore, come materia viva il cui estro nasce da un profondo lavoro su di sé, dalla sua intimità e consapevolezza.
Il corpo come luogo fondamentale di ascolto ed espressione, esplorazione della vocalità, esplorazione della memoria emotiva come aspetti del training preparatorio dell’attore.
Considerazione delle fondamentali convenzioni appartenenti all’arte del teatro e consapevolezza del disegno complessivo che conduce alla recitazione di un’opera teatrale.

Durata 
3 giorni

Orario
h 10.00 – 13.00 e 14.00 – 19.00

Iscrizione
130 €
Selezione su curriculum: per partecipare occorre inviare il proprio curriculum, completo di recapito telefonico e e-mail, a associazionelis@gmail.com
Scadenza 12 luglio
MODULO DI ISCRIZIONE AI LABORATORI

Danio Manfredini
Il percorso di formazione di autore-attore di Danio Manfredini risale agli anni ’70, la sua strada è caratterizzata dal rigore nella ricerca teatrale condotta, fuori da ogni percorso codificato, apparentemente anarchico, ma basato su una ferrea disciplina etica ed espressiva. Punto di riferimento importante è la pittura, intesa nel senso più intimo e profondo di visioni interne che caratterizzano fortemente l’incontro tra il pubblico e l’attore.
Alcune delle sue opere, Miracolo della rosa, Al presente, Cinema Cielo, vinsero il Premio Ubu . Tra gli ultimi lavori Il principe Amleto (2012) una produzione Danio Manfredini e La Corte Ospitale.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

lug
23
mar
2013
Lettere di Lucile D. @ Sala Consiliare del Comune
lug 23 – lug 25 all-day

Paola Romanò

24-/25 luglio 2013 : prove aperte
26/luglio 2013: presentazione e lecture ore 21.30
Sala Consiliare del Comune, piazza Carabelli- Meina (NO)

Lettere di Lucile D. – Vita immaginaria e morte pubblica di Lucile Desmoulin
Lectures teatrale e prove aperte
Drammaturgia e regia di Paolo Bignamini
con Paola Romanò
scene e aiuto regia Francesca Barattini
assistente Shantala Faccinetto
partecipano alla residenza Maria Maderna – Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, Erica Ruck – Université Paris 8, Amelia Valtolina – Università degli Studi di Bergamo
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Solo il silenzio, dopo quella battuta: “Viva il re!”
E’ un’antiparola, come la definisce Paul Celan ne Il meridiano: “ (…) la parola che strappa il filo, (…) un atto di libertà (…)”. Anne-Lucile-Philippe Duplessis sposa nel 1790 il giornalista rivoluzionario Camille Desmoulin. Il loro testimone di nozze: Robespierre. Pochi anni dopo, nel 1794, i coniugi Desmoulin vengono ghigliottinati a distanza di una settimana l’una dall’altro, Camille – accusato di essere dantonista – il 5 aprile; Lucile il 13 aprile. La morte di Danton di Georg Büchner si conclude proprio con l’arresto di Lucile, la quale, al grido di “Viva il re”, “viene circondata dalle guardie e condotta via”.

Della settimana di solitudine che separa la perdita dal marito dalla perdita della vita, Büchner non scrive: è in questo immenso spazio bianco in calce al testo, in questa pausa di segno e di senso che si proveranno a cercare le parole della nostra azione teatrale. Le sue lettere d’amore (supposte, inventate, appositamente scritte) per il marito Camille rappresenteranno la traccia di una biografia immaginaria, un monologo che vaga nel silenzio di un passato di accese passioni e che finisce in un presente – di nuovo – di silenzio. Un silenzio che risuona dell’insostenibile vuoto della perdita.

Il debutto dello spettacolo sarà al Teatro Oscar di Milano nel mese di novembre 2013. Durante il periodo di residenza al Villaggio d’artista, Paolo Bignamini e i suoi collaboratori presenteranno al pubblico il loro lavoro, interagendo con esso attraverso prove aperte e lecture.

Orario
Presentazione e lecture alle h. 21.30

Paola Romanò
Al debutto come attrice di prosa, ha al suo attivo una prestigiosa carriera di soprano in Italia e all’estero. Intraprende molto giovane lo studio del canto presso il Conservatorio G. Verdi di Milano dove consegue il diploma. Nel 1988, vincitrice del terzo Concorso Internazionale Luciano Pavarotti, canta Luisa Miller a fianco del celebre tenore. Paola Romanò è stata, a partire dal 1997, ospite per sei anni all’Arena di Verona dove ha cantato in quattro produzioni di Nabucco, in Aida ed in Macbeth. Ha al suo attivo ripetute collaborazioni con direttori come Arena, Bartoletti, Byckov, Gatti, Metha, Oren e registi come Cavani, De Ana, Pizzi, Ronconi, Tiezzi. DAL 2000 si è esibita in celebri teatri italiani e internazionali ricoprendo importanti ruoli. Docente di canto, tiene regolarmente masterclass di canto in Italia e all’estero.

Paolo Bignamini
Nato nel 1976, giornalista, drammaturgo e regista, è direttore artistico del circuito teatrale ScenAperta della Provincia di Milano (progetto Metropòli).
I suoi spettacoli sono stati rappresentati nei teatri delle più importanti città italiane. Scrive sulle pagine di cultura de IlSole24Ore.com e tiene laboratori di scrittura teatrale all’Università degli Studi di Milano e all’Università degli Studi di Bergamo. E’ docente di drammaturgia alla NABA Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

ScenAperta Altomilanese Teatri http://scenapertaamt.blogspot.it/
Pacta dei Teatri http://pacta.org/
deSidera http://www.teatrodesidera.it/home.php
In collaborazione con Università degli Studi di Bergamo.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

 

lug
24
mer
2013
Add Up > Meinascapes @ Centro storico di Meina e lungolago
lug 24 all-day

Senzaconfinidipelle_the light(h)er 04

25/ luglio 2013
Centro storico di Meina e lungolago – Meina (NO)
In caso di pioggia la performance sarà rimandata al 26 luglio alle h.20.00

Add Up > Meinascapes
Performance di danza da strada
produzione Senza Confini Di Pelle, Associazione LIS lab Performing Arts
in collaborazione con Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale dello Spettacolo
direzione Dario La Stella – Valentina Solinas
performer Dario La Stella – Valentina Solinas
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Il progetto di ricerca e creazione coreografica Add Up, che Senza Confini Di Pelle porta avanti dal 2011 attraverso tappe e collaborazioni nazionali e internazionali, è uno strumento di indagine sociologica che sviluppa risorse artistiche proprie della danza, della performance, dell’happening.
Il progetto indaga come la danza possa esprimere l’identità di un luogo intercettando la relazione tra urbanizzazione e socialità ed evidenziando come il rapporto tra identità sociale e luogo urbano sia una relazione dinamica e svela come i luoghi preposti ad uno specifico utilizzo dall’urbanistica vengano sovvertiti da un loro diverso “uso”, sperimentando nuovi modelli per “abitare” gli spazi pubblici.
La performance “Add Up > Meinascapes” è l’illustrazione del nostro personale “attraversamento” di Meina, costruito sulla base di suggestioni fisiche, emotive e visive, rubate nelle vie di Meina, assorbite e impresse nei nostri corpi e restituite al pubblico attraverso la rielaborazione astratta e al contempo narrativa della danza.
La performance ha una struttura coreografica malleabile e sensibile all’ambiente in cui avviene, di cui mira a cogliere l’aspetto poetico ed evocativo.

Inizio performances
h 19.00

Senza Confini Di Pelle è un progetto di sperimentazione sul linguaggio delle arti performative nato a Torino nel 2002. Il nucleo di Senza Confini Di Pelle è composto da Dario La Stella e Valentina Solinas. Ogni lavoro è uno studio critico sul mondo contemporaneo attraverso l’elaborazione di contenuti politici ed elementi performativi. La ricerca è focalizzata alla produzione di senso nel fare artistico: ogni opera è un lavoro originale nato da un’idea concettuale. Senza Confini Di Pelle trova la sua massima espressione nello spettacolo dal vivo utilizzando il corpo come elemento centrale della sua ricerca, sintetizzando danza, teatro, video e testo in un unico contenitore performativo. Senza Confini Di Pelle si muove in contesti molto differenti: festival internazionali di arte performativa, progetti con i cittadini, workshop con le Università, scambi culturali internazionali, spettacoli e performance di arte performativa.
Nel 2011 la compagnia ha rappresentato lo spettacolo “15 Landscapes” in due teatri a New York City e ha condotto un seminario sulla performance all’università di Washington – Bothell, Seattle.
Con il progetto internazionale ADD UP inizia nel 2011 una collaborazione con realtà e residenze artistiche nazionali e internazionali tra cui Sala Crisantempo, – Istituto Italiano di Cultura di San Paolo – compagnia Nucleo De Garagem – SESC SP Santo Amaro (San Paolo – Brasile), Mecklenburg Inspiriert (Kuhlungsborn – Germania), Festival La Piattaforma – Mosaico Danza/ Festival INTERPLAY (Torino – Italia), Urban Barriera di Milano (Torino – Italia), A di città Festival (Rosarno – Italia), DAMS di Torino, Artegiovane Torino, Les Brigittines (Belgio), La Briqueterìe (Francia), Zamek (Polonia)
Nel 2013 ”Add Up Space and Power” è uno dei 3 progetti coreografici selezionati per “Metamorphoses”, progetto che si svilupperà tra il 2013 e il 2014 con il supporto del Programma Culturale dell’Unione Europea avviato da: La Briqueterie Centro per lo Sviluppo Coreografico Val de Marne (Vitry-sur-Seine – Francia), Les Brigittines Centro Arte Contemporanea per il Movimento (Bruxelles – Belgio) e il Centro Culturale Zamek (Poznan – Polonia).

Dario La Stella
Danzatore, coreografo, autore, regista e performer.
Nato a Torino, Italia nel 1972. Studia danza e teatro e lavora tra gli altri con Raffaella Giordano, Judith Malina (Living Theatre), Roberto Castello, La Fura dels Baus. Dal 1997 conduce una ricerca personale sulla performatività del corpo, sviluppando la sua idea di azione performativa. Premio come miglior attore ai Film Festival di Valencia e Chianciano Terme con il cortometraggio La Bumba (2006). Nel 2002 ha fondato il progetto di ricerca sul linguaggio delle arti performative Senza Confini Di Pelle dove lavora come autore, regista, coreografo e performer. Dal 2008 conduce seminari per il CRUD (Centro Regionale Universitario per la Danza), Università di Torino – Facoltà di Scienze dell’Educazione. Nel 2008 ha fondato il progetto di residenza artistica Reiss Arti Performative. Laureato in Comunicazione Interculturale presso l’Università di Torino.

 Valentina Solinas
Danzatrice, regista e performer.
Nata a Genova, Italia nel 1973. Dal 1998 al 2001 studia danza e teatro presso la scuola del Teatro Nuovo di Torino . Nel 2004 si diploma presso la Scuola Professionale delle Arti Teatrali Teatranzartedrama di Torino, studia inoltre con Adriana Innocenti, Raffaella Giordano, Roberto Castello, Giorgio Rossi, Emma Dante, Cristina Castrillo. Tra il 2006 e il 2007 scrive e dirige insieme a Dario la Stella la sit-com “Banchi” per il progetto Antropop, con gli attori non professionisti del mercato di piazza Foroni, Torino. Dal 2004 fa parte di Senza Confini Di Pelle dove lavora come autrice, regista e interprete. Lavora tra gli altri con Tino Sehgal e Roberto Castello. Laureata in Psicologia presso l’Università di Torino.

www.senzaconfinidipelle.com
http://metamorphoses2014.wordpress.com/2013/04/15/the-selected-are/

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

Als de wolf van Huis is (Quando il lupo non è in casa) @ Museo di Villa Faraggiana
lug 24 – lug 26 all-day

Wolf35_©Sven Van Gestel.jpg

25/26/27 luglio 2013 (24 luglio preview)
Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

Als de wolf van Huis is (Quando il lupo non è in casa)
di DeGeneraal / Jean-Marie Oriot (Belgio)
con la collaborazione di Thomas Roper (Spagna/Nuova Zelanda)
Installazione interattiva e performance
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

C’è un bosco in una sala. Gli alberi sono di cartone, alcune storie sono appese ai loro rami, una dolce musica proviene da dentro i loro tronchi. Alcuni sono più di semplici alberi… Ma questo piccolo bosco è anche il luogo dove il lupo vive.
Se avete coraggio, andate a fare una passeggiata tra quegli alberi. Con i tuoi genitori, coi tuoi fratelli o sorelle, con tua zia o tuo nonno, coi tuoi figli…
Nella casa di Cappuccetto Rosso troverete tutto il necessario per trascorrere al sicuro del tempo di qualità. Otterrete un cestino da picnic. In cui vi è la torta di Cappuccetto Rosso. Gretel ha cucinato alcuni deliziosi biscotti per lei e suo fratello ha preparato un bel tè caldo. Cenerentola si prese cura delle bevande fresche. Il lupo è lontano da casa, per un po’… Ha lasciato il suo posto e le sue cose senza pensare che qualcuno avrebbe osato venire a ficcare il naso. Fate molta attenzione se si passa attraverso la sua roba. Il lupo ha un fiuto incredibile ed è un incredibile inseguitore.
Godetevi un piacevole pic-nic nel bosco, prima che ritorni…

Ingressi
h. 17.00, 18.30, 20.00

Il progetto
Als de wolf van Huis is (quando il lupo non è a casa) non è uno spettacolo. Si tratta di una installazione interattiva, una struttura in cui un gruppo di persone (famiglia, amici) si riuniscono e trascorrere del tempo insieme, fuori dalla vita di tutti i giorni. Fare qualcosa di ordinario, divertente e amichevole – un picnic – in un ambiente non-così-ordinario – un impianto di plastica – è un modo fantastico di creare una situazione in cui le cose che di solito non di dicono o di solito non accadono, si dicono e si verificano. Innescando così anche la fantasia dei bambini.
Da un punto di vista formale, con Als de wolf van Huis is, De Generaal esplora un nuovo modo di fare teatro senza attori. Perché una delle sua dichiarazioni principali è che tutti gli elementi scenici che costruiscono una performance (set, attori, suono, luce, oggetti di scena…) devono essere portati allo stesso livello di percezione e di espressione, senza gerarchia.
Il lupo è un personaggio della tradizione europea. È l’archetipo di ciò di cui abbiamo paura. Della paura che vive dentro ognuno di noi di fronte alla vita, rappresentata dalla foresta. Il lupo si nasconde nella foresta attraverso cui dobbiamo passare.
Invitando a venire a godere di un pic-nic nel luogo in cui il lupo vive, creiamo un’occasione per affrontare le nostre paure e giocare con loro.
La foresta, come la vita, è contrassegnata da momenti ludici, momenti di calma, tristi, creativi o poetici, ma è anche il luogo dove il lupo è. Circondato da nostri cari, ci sentiamo più forti nell’avvicinarci con prudenza a questo luogo, scoprirlo con calma e fiducia, relativizzare la nostra paura, prenderci gioco di lui…
Forse alla fine si comprenderà che, per essere in grado di godere del nostro viaggio attraverso la vita e la foresta, l’unica cosa di cui vale la pena avere paura è la paura stessa.

De Generaal / Jean-Marie Oriot
Jean-Marie Oriot ha studiato Belle Arti in Francia e dal 1992 lavora come pittore di palco, scultore, creatore di oggetti di scena e dal 1996 come scenografo, per diversi registi, compagnie e produzioni di tutto il mondo.
Dal 2010, è un membro del INHEPI, un network internazionale di artisti Indépendants, co-fondato con Sara Topsøe Jensen (Carte Blanche, Danimarca) e Antonella Cirigliano (LisLab, Italia). Ha co-fondato nel 2007 De Generaal, in Belgio, una casa di produzione e di creazione di installazioni sensoriali sperimentali e spettacoli sulla «poetica dello spazio.

Thomas Roper
Inglese ma cresciuto in Nuova Zelanda, nel 1994 entra nel Teatro de los Sentidos come capo della progettazione e della produzione. Ha viaggiato molto attraverso l’Europa e il Sud America, installando grandi labirinti multisensoriali. Dal 2000 ha intrapreso la carriera solista nella scultura, installazione e pittura.
http://degeneraal.eu

Prenotazione obbligatoria

Servizio Navetta gratuito da/per Museo della Villa Faraggiana:

Nei giorni 25-26-27 luglio sarà a disposizione del pubblico un servizio navetta gratuito per il Museo della Villa Faraggiana con partenza e arrivo da piazza Carabelli, con frequenza e orari ancora da definire.

Per prenotare gratuitamente le visite clicca qui.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

Cicloinstallazione per velocipedi sonori @ Via Viotti
lug 24 – lug 25 all-day

Pane e Mate Cicloinstallazione

25/26 luglio 2013
via Viotti, Meina (NO)

Cicloinstallazione per velocipedi sonori
Installazione interattiva con Teatro Laboratorio di Figura Pane e Mate (Italia)
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La bicicletta e la musica hanno in comune il potere magico che eleva chi le sperimenta nelle alte sfere di spazi insospettati popolati da sensazioni deliziose e sorprendenti. Il telaio dell’arpa o quello della bicicletta, il rullio delle ruote o quello del tamburo, i pedali dell’organo o quelli del velocipede sono piccoli indizi di implicazioni e assonanze immaginarie che portano lontano.
“Cicloinstallazione per velocipedi sonori” è una grande installazione rivolta a bambini, genitori e ragazzi. Comprende una serie di macchine sonore realizzate con materiale ciclistico e laboratori creativi dedicati a bambini, genitori e ragazzi.
Nell’installazione gli spettatori potranno sperimentare attivamente, accompagnati da alcune guide, il suono del diaposon-forcella, ma anche la pompa a coulisse, la pedaliera-xilofono, il telaio-triangolo, il flauto-manubrio, il cerchionofono e mille altri strumenti della fanfara ciclistica.

Durata
2 giorni

Orario
h.17.00 alle 21.00

Teatro Laboratorio di Figura Pane e Mate
Pane e Mate è un Associazione Culturale con sede a Fallavecchia, antico borgo agricolo del Parco del Ticino a due passi dall’abbazia di Morimondo. Qui ha trasformato una scuola media inutilizzata da anni nella sua SCUOLA DELLA FANTASIA, un luogo a due passi da Milano dedicato a bambini di tutte le età, dove poter vivere una giornata a contatto con la natura, ma soprattutto essere coinvolti in allestimenti teatrali dove sia possibile sperimentare una proposta di educazione multisensoriale, un vero e proprio “viaggio sensoriale”.
http://www.teatropanemate.it

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

La danza in 1 minuto @ Via Viotti
lug 24 – lug 25 all-day

 

Sola_HannaShaktiBuhler_LaDanzaIn1minuto

25/26 luglio 2013
Via Viotti, angolo piazza Carabelli – Meina (NO)
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La Danza in 1 minuto
Proiezione video
Ideazione e conduzione Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte (Italia)
Presentazione a cura di Lucia De Rienzo (25 luglio ore 17.00, 26 luglio ore 21.00)

La danza in 1 minuto è un contest nazionale di video di danza, un progetto promosso e curato da COORPI in collaborazione con Cinedans (NL), il più longevo e prestigioso festival internazionale di video danza in Europa. Un’opportunità per esprimere, attraverso un video della durata di 60”, quali significati possa assumere la danza nel senso più ampio del termine.
Un’occasione di promozione della cultura della danza.
http://vimeo.com/coorpi

Orario
h 17.00 – 21.30

COORPI – Coordinamento Danza Piemonte
COORPI è un’associazione culturale, costituita nel 2002, con lo scopo di valorizzare le realtà coreutiche presenti sul territorio e sostenerne lo sviluppo professionale e creativo. La disseminazione e condivisone di informazioni, la documentazione, l’arricchimento della proposta formativa, la ricerca, la promozione nel rispetto dell’eterogeneità delle espressioni coreutiche e la sensibilizzazione di nuovi pubblici, sono fra gli obiettivi primari dell’associazione.
www.coorpi.org

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

 

L’affondamento non completo @ Piazza Carabelli – Meina (NO)
lug 24 – lug 26 all-day

©Beck -Studio barca 2 seppia

25/26/27 luglio 2013
Piazza Carabelli – Meina (NO)

L’affondamento non completo
di Christian Beck (Germania)
Installazione
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La barca è sbarcata.
Gli argonauti sono scomparsi.
Dal largo chiamano soltanto i cigni.
Un relitto fatto di canna comune (bamboo) e corda di fibre sisal.
Sulla posizione 45°47’24” nord e 8°32’16” est
Nella piazza Carabelli di Meina.

Christian Beck
Pittore, grafico, scenografo. Nato a Jena, Germania. Studia scenografia presso l’Accademia d’Arte di Berlino. Associato per molti anni con il regista Enrique Vargas e il Teatro de los Sentidos, che svolgono i loro spettacoli a Bogotà, Lubiana, Londra, Aarhus e Modena. Come pittore, freelance stage e costume designer vive e lavora tra Berlino e Lipsia.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

REC – Lezioni di movimento @ Piazza Carabelli – Meina (NO)
lug 24 – lug 26 all-day

Enya Idda_REC-abitudini in movimento

25/26/27 luglio 2013
Piazza Carabelli – Meina (NO)

REC – Lezioni di movimento
di Enya Idda (Italia)
con la collaborazione di Irene Visal Mursia (Italia),
Lezioni di movimento aperte a tutti
Mattino dalle h. 10, pomeriggio dalle h. 18 e sera dalle h. 20
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Una produzione di A 2°d
Conduzione Enya Idda

Si tratta di osservare le abitudini di un microcosmo come una piazza, dove nel bar il gesto di caricare la macchina del caffè segna il tempo, le camminate delle persone che attraversano la piazza nelle stesse traiettorie ogni giorno.
Si tratta di registrare questo meccanismo e trarne una sintesi gestuale, una sequenza che narra la vita. Una vita scandita da orari e dalla ripetizione dei gesti: metto la mano in tasca guardo il cellulare, lo rimetto in tasca , mi metto a posto i capelli, cerco le chiavi, apro la portiera della macchina infilo la chiave, metto in moto, cintura, mi metto a posto i capelli, metto la mano in tasca guardo il cellulare, rimetto a posto il cellulare, metto in moto, vado. E’ già una drammaturgia.
Si tratta quindi di creare una sequenza di gesti che compongano una cerimonia.Gesti offerti al sole la mattina, agli esseri del pianeta al pomeriggio, e all’arrivo della notte alla sera. Offrire quindi la vita.La domanda è: si può sacralizzare l’alienazione? Se questo avviene posso prendere consapevolezza del torpore d’abitudini in cui viviamo? Quali abitudini sono al servizio della mia felicità?

Orario
h. 10.00 – 18.00 – 20.00

Enya Idda
Enya Daniela Idda ha una formazione molto ampia che spazia da corsi di cinematografia all’arteterapia, dall’hara yoga allo studio della psicogenealogia. Ha inoltre maturato negli anni diverse esperienze nella ricerca teatrale e performativa, collaborando a molti progetti.
Dal 1993 ha realizzato mostre, installazioni e performance teatrali in molti spazi culturali di Milano e dintorni.
Ha partecipato alla fondazione dell’Associazione Anamani per la ricerca delle origini dell’arte, dell’Associazione UDDU per la promozione e divulgazione delle Arti Sceniche ed alla fondazione del gruppo A2°d.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

So Stare (questo tempo e questo luogo) @ Museo di Villa Faraggiana
lug 24 – lug 26 all-day

©Amat SoStare

25/26/27 luglio 2013
Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

So Stare (questo tempo e questo luogo)
di 
Francesca Amat (Italia)
Installazione d’interazione
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Gli alberi dei giardini sono testimoni anziani e profondi, accompagnano la vita in totale silenzio.
Alcune sedie bianche, diverse tra loro, su cui sedersi e sostare, di fronte al grande e pacifico lago.
Insieme agli alberi in ascolto e all’abbraccio del lago che leviga i rami rendendoli bianchi, i visitatori potranno diventare come quegli alberi muti, testimoni di un luogo, parte integrante dell’installazione e attori di un gesto. Ciascun ospite esplorerà lo spazio per giungere ad un cerchio il cui centro è un giovane albero, dal cerchio partono sedici sentieri. Ciascuno potrà sceglierne uno, lo porterà alla sedia a lui destinata, sopra la sedia troverà un legno e un lembo di stoffa. Si potrà sedere, indossare gli auricolari ascoltare un brano che porta in un campo profondo e contemplare la vastità del lago.
Sedie dimenticate nelle cantine del tempo ora appaiono in un giardino per offrire l’occasione di sospendere i pensieri e di compiere un piccolo gesto. Le sedie saranno luoghi di memoria, come alberi.
Terminato il momento contemplativo, ognuno potrà prendere il proprio legno insieme alla striscia di stoffa che simboleggia il suo nome, potrà avvolgere il legno con la stoffa o semplicemente appoggiare la stoffa sul legno e poi tornare lungo il sentiero da cui è venuto e posare il proprio legno all’interno del grande cerchio dove sorge l’albero e da cui si diramano i sentieri. Si formerà così un’installazione via via in work in progress, legno su legno, nome su nome, all’interno del grande cerchio . Questo grande cerchio conterrà simbolicamente tanti nomi avvolti nei legni bianchi, scolpiti e restituiti dal lago, scelti e donati da tutti coloro che in questo tempo hanno contemplato questo luogo con lo stesso profondo silenzio degli alberi.
Il mandala di partenza sarà creato dall’artista, su questo le persone potranno aggiungere legni e pezzi di stoffe. Al termine dei tre giorni avremo un mandala scultoreo, realizzato dall’artista a dai visitatori.
L’installazione è accompagnata da un brano musicale comune a tutte le sedie, ascoltabile attraverso appositi auricolari. La comunità dei visitatori parteciperà di un comune ascolto.
Il brano ogni tanto muove suoni antichi di campana e con campana conclude. Bordoni in tensione forte accarezzati dal flauto con sentinelle e morbidi presagi di esseri acquatici in lontananza, per sentire il lago vicino, tenendo il legno in mano.

Credits musicali
Il brano musicale utilizzato nell’installazione è: “Salmo Leviatanico n° 2”, di Corrado Fantoni e David Monacchi; tratto dall’opera “RDHEK”.
Corrado Fantoni, symphonia e organo a canne
David Monacchi, flauto bansuri in Si b

Orario
h 17.00 – 18.00 – 19.00 – 20.00

Prenotazione consigliata

Francesca Amat
Artista poliedrica, si muove attraverso i linguaggi propri delle varie arti intersecando pittura, teatro, musica, performance.
Numerose le collaborazioni con altri artisti, tra cui Alberto Casiraghi (edizioni Pulcinoelefante), Alda Merini ed il compositore Corrado Fantoni. Da molti anni si dedica anche all’ attività pedagogica, con laboratori creativi per adulti, bambini e disabili. In un percorso di 20 anni ha ideato e condotto fiabe sul tema dell’ ecologia e dei diritti umani per scuole, centri diurni, carceri, della provincia di Milano,Novara e Verbania.
Ha fondato l’Associazione Zeusperendi e in seguito L’Atelier del Vento. Vive a Meina, sul Lago Maggiore.
https://www.facebook.com/AtelierDelVento
http://www.atelierdelvento.it/
https://www.facebook.com/francesca.amat.1/photos

Servizio Navetta gratuito da/per Museo della Villa Faraggiana:

Nei giorni 25-26-27 luglio sarà a disposizione del pubblico un servizio navetta gratuito per il Museo della Villa Faraggiana con partenza e arrivo da piazza Carabelli, con frequenza e orari ancora da definire.

Per prenotare gratuitamente le visite clicca qui.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

lug
25
gio
2013
Elektronic Lyset – concerto al buio dedicato alla luce @ Lido di Meina
lug 25 @ 19:30

Elektronic Lyset

25 luglio 2013
Lido di Meina – Meina (NO)

Elektronic Lyset – concerto al buio dedicato alla luce
Concerto di Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana (ideazione in collaborazione con Margherita Hack)
Esecuzione Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana, Cristiano Calcagnile
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La storia che vorremmo raccontare è in realtà l’intreccio di più storie e più vite che si snodano nell’arco di duemila anni; la prima è quella di Re Magnus il cieco che nasce a Skjeberg isolata cittadina nel cuore della Norvegia, diviene re a soli 13 anni e a 18, ferito in battaglia da un nemico perde la vista, regnando così nell’oscurità per il resto della vita.
La seconda storia, 800 anni dopo, è quella di Erik Stordhal nativo della stessa cittadina e cieco dalla nascita che decide, una volta ereditata la fattoria di suo padre di edificare un monumento al Re guerriero e attorno a questo creare un centro culturale, lo Storedal Kultursenter dedicato ai non vedenti . All’interno di questa contesto che comprende sculture, padiglioni culturali e storici, percorsi di apprendimento per non vedenti nel 1974 viene inaugurata una scultura sonora ‘Ode til lyset’ (ode alla luce) realizzata dallo scultore Arnold Haukcland e dal compositore norvegese Arne Nordheim, pioniere assoluto della musica elettronica contemporanea.
La scultura a forma due braccia rivolte al cielo stilizzate, alta venti metri e disseminata di diffusori acustici lungo il tronco ed i rami trasforma la luce in suono.
Attraverso i sensori di cui è disseminata e di un computer posto all’interno del corpo centrale, cattura anche le minime variazioni di intensità e gradazione di luce ed altri parametri legati all’umidità dell’aria ed  al vento per pilotare i campioni sonori creati da Nordheim e cambiarne l’intensità, il tipo e la provenienza in tempo reale, creando così una riproduzione sonora della luce e degli eventi atmosferici mai uguale a se stessa.
La terza storia è quella di Marco Olivieri che nel 2009, con il consenso dello stesso compositore ormai in punto di morte, accampato direttamente sotto la scultura registra ,con un complesso sistema di microfoni posizionati sugli assi cardinali, per sei giorni e sei notti ininterrottamente i suoni e le provenienze che vengono da lei prodotti per poi rimescolarli, ricombinarli in una originale ed inedita rielaborazione elettronica dal vivo: una ricostruzione di una giornata impossibile in cui l’alba e il tramonto si fondono, il sole e la pioggia coesistono, e il vento e la sua assenza sono contemporanei.Agli effluvi musicali che costituiscono il tappeto sonoro del lavoro abbiamo integrato testi, parole, poesie che parlano e raccontano la luce quasi fosse una sorta di narrazione primigenia che ci consente di attraversare il tempo.
Quello che Elektronic Lyset si propone è di rimanere fedele il più possibile all’intento degli autori e del loro mecenate ‘ fare ascoltare la luce ‘ , coglierne i suoni e le vibrazioni come se d’improvviso ci trovassimo nell’oscurità più nera della notte.

Orario
h 21.30
Ingresso gratuito (dalle h. 20.00 alle h.21.30 ricco buffet a 5 €)

Storico
Elektornic Lyset è stato presentato al Festival Drodesera nel 2009 nella forma esclusiva di concerto eseguito all’alba.
Nel 2010 è stata aggiunta la struttura narrativa ed è stato presentato in forma di “evento speciale” al Festival della Letteratura di Mantova con la collaborazione e la presenza scenica di Margherita Hack.
A partire dalle due esperienze precedenti il progetto ha assunto la forma che attualmente proponiamo, mantenendo la compresenza della parte musicale e narrativa e modificandosi ogni volta nell’allestimento a seconda del luogo di spettacolo.
La proposta viene realizzata con la presenza di Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana ed un ospite speciale invitato a collaborare ogni volta sul progetto.
L’ospite speciale che parteciperà alla versione presentata a Villaggio d’Artista 2013 è il percussionista Cristiano Calcagnile.

Fabrizio Orlandi
Nato a Modena il 2/3/1957, dal 1981 è operatore culturale e teatrale e ha collaborato con diverse realtà istituzionali come il Comune di Modena, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Festival del Teatro in Piazza di Santarcangelo di Romagna. Di formazione tendenzialmente eclettica ha svolto diverse funzioni: organizzatore, tecnico, drammaturgo e in alcune occasione anche attore. È direttore tecnico del Festival Vie Scena Contemporanea. E’ stato direttore tecnico del Festival Santarcangelo dei Teatri nel periodo 2009-2012. A luglio 2011 ha ricevuto il Premio della rivista “Lo Straniero” per la sezione Teatro.

Marco Olivieri
Fonico, sound designer e compositore ha collaborato con molti musicisti e artisti di fama internazionale sia in live che in studio. Operando da molti anni anche in ambito teatrale ha potuto affinare competenze e gusti che travalicano i consueti confini di genere realizzando progetti e ricerche sulla spazializzazione sonora e sulla sonorizzazione di spettacoli multidisciplinari.Attualmente collabora come sound designer al prossimo progetto produttivo di Bob Wilson, che debutterà al Festival di Manchester 2013.

Claudio Ponzana
Nato nel 1966; si occupa di teatro dal 1988. Ha lavorato come attore, tecnico e organizzatore. Dal 2000 al 2004 ha lavorato con Enrique Vargas e il Teatro de los Sentidos, con il quale ha realizzato numerose esperienze internazionali.
Dal 2001al 2010 ha lavorato con il Teatro delle Ariette in Italia ed Europa come organizzatore e attore.
Attualmente la sua principale attività è la cura della distribuzione internazionale del Teatro de los Sentidos, e continua la sua attività come attore, ideatore e realizzatore di eventi culturali.

Cristiano Calcagnile
Nasce a Milano nel 1970, nel 1990 entra a far parte della prestigiosa classe di percussioni del Professor David Searcy (già timpanista del Teatro alla Scala), Mike Queen e Jonathan Scully, presso la Scuola Civica di Milano, dove si diploma. Si specializza in musica jazz presso l’accademia di Siena Jazz e dal 1995 comincia l’attività di musicista professionista svolgendo tournée e concerti in importanti festival, rassegne e club in Giappone, Australia, Brasile, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia, Svezia, Indonesia, Tunisia, India, in tutta Italia ed Europa.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

lug
26
ven
2013
Gommapiuma e natura @ Piazza San Carlo
lug 26 all-day

@Carnevalspettacolo

27 luglio 2013
Piazza San Carlo – Meina (NO)

Gommapiuma e natura
Parata e laboratorio
Organizzazione Associazione LIS lab Performing Arts
Cast/Staff Associazione Carnevalspettacolo
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Il laboratorio
Due o più operatori muniti di forbici adatte, colla, gommapiuma neutra e colorata, cartamodelli e pezzi pretagliati per i più piccoli, assistono i bambini nella realizzazione di creazioni (sia le orecchie di Pimpa che di Lupo Alberto, sia forme preparate con cartamodelli che assolutamente libere) che poi potranno tenere.
Il principio è quello di stimolare la manualità e la fantasia!

Orario
Laboratorio: h 17.00 – 21.00

Associazione Carnevalspettacolo
L’associazione Carnevalspettacolo si costituisce nel 1997, per rinnovare la tradizione secolare del Carnevale di Ghemme. . I costumi sono realizzati in gommapiuma, la caratteristica principale di Carnevalspettacolo Dedica la manifestazione alle grandi firme del fumetto e dell’illustrazione come Jacovitti, Altan, Silver e Mordillo. Le creazioni spesso vengono richieste dagli Autori per fare da contorno ad altri eventi in molte parti Italia. L’Associazione è in grado di allestire ovunque mostre e i laboratori di manipolazione della gommapiuma.
http://www.carnevalspettacolo.com/

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

K Two di Cie Nicole Seiler @ Centro Storico di Meina
lug 26 @ 16:00

NicoleSeiler_KTwo_04_©Guillaume Perretweb

26 luglio 2013
Centro storico – Meina (NO)

K Two di Cie Nicole Seiler
di Cie Nicole Seiler (Svizzera)
Intervento di danza urbana
Ideazione e coreografia Nicole Seiler
In collaborazione con Kylie Walters
Danzatrici Nicole Seiler – Young Soon Cho Jaquet
Costumi Claude Rueger
Tour manager Tutu Production
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

K Two è una performance improvvisata basata sul personaggio di Madame K (multimedia assolo coreografico 2004). Due danzatori esplorano i limiti dei movimenti dei personaggi di un videogioco attraverso il corpo umano. Come negli spettacoli di strada, questa performance mette in scena il videogame e i due individui catturati al suo interno in uno spazio pubblico.
«Vicino alla fontana nel centro del paese una folla si è riunita in cerchio intorno agli artisti, i quali imitano i movimenti dei personaggi dei videogiochi. Sono molto convincenti. Gli occhi degli esecutori sono fissi, senza espressione. Nicole Seiler e Kylie Walters si spostano entrambi in linea retta, con movimenti a scatti simili a quelli di un robot. Il loro lento modo di camminare fa pensare a dei personaggi fatti di pixel.»

Ana Cardoso – L’Express – 16 luglio 2008

Durata
½ h

Orario
h. 18.00

Nicole Seiler
Nata nel 1970 a Zurigo, Nicole Seiler ha studiato danza e teatro presso la Scuola Teatro Dimitri a Verscio (CH), presso la Vlaamse Dansacademie a Bruges (BE) e Rudra Béjart di Losanna (CH). Come performer ha collaborato a numerose produzioni diverse, con aziende come Cie Buissonnière, il Teatro Malandro, Alias ​​Compagnie, il Cie Philippe Saire e Massimo Furlan. Ha creato una propria azienda a Losanna nel 2002.
Nell’approccio artistico di Nicole Seiler l’immagine e il video giocano un ruolo decisivo. La sua ricerca multimediale, che coniuga danza e video, dà luogo a spettacoli di danza molteplici, video e installazioni coreografiche. Negli ultimi anni ha creato un ciclo di spettacoli incentrati sul rapporto tra immagine e suono. Dal 2004 la società ha compiuto un tour a livello internazionale. Nel 2009 Nicole Seiler ha ricevuto il premio culturale per la danza dalla Fondation Vaudoise pour la Culture.
http://www.nicoleseiler.com/en/projects/k-two/ 

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

giu
21
sab
2014
Trattato della Lontananza + Wolkenheimat @ Museo di Villa Faraggiana
giu 21 @ 19:00 – 20:00

TRATTATO DELLA LONTANANZA ph giuliano di bello09

21 giugno 2014
Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

Trattato della Lontananza + Wolkenheimat
teatrodanza e video installazione
a cura di Zerogrammi

Trattato della Lontananza:
regia e coreografia Emanuele Sciannamea
con Pieradolfo Ciulli, Roberta De Rosa, Stefano Roveda
costumi e scene Zerogrammi
produzione Zerogrammi
coproduzione Fondazione Teatro Piemonte Europa, Festival TEATRO A CORTE, Festival Oerol
con il sostegno di Regione Piemonte, MiBACT.

Wolkenheimat:
regia e coreografia Emanuele Sciannamea
con Pieradolfo Ciulli
costumi Zerogrammi
produzione Zerogrammi
coproduzione Festival Oerol, Teatro a Corte, Fondazione Teatro Piemonte Europa

Il Trattato della Lontananza, creazione per tre danzatori, è una storia di attraversamenti di soglie, di confini, di distanze. Qui il lontano si fa linea di frontiera e luogo cui appartengono la solitudine e la difficoltà di incontrare e comprendere l’altro. Oggi la lontananza non è più lontana ma prossima, transitabile, persino domestica. Il Trattato della Lontananza, luogo di una geografia interiore, è il tentativo maldestro, goffo e superficiale di cercare l’altro, di attirare la sua attenzione, per non sentirsi smarriti e isolati, perché dell’altro c’è un bisogno primordiale. Ma incontrarsi davvero è complicato, come lo è pensare all’altro come a un approdo, a un salvatore, a qualcuno che ci accoglie senza riserva alcuna. I continui incontri e scontri tra gli interpreti, rendono evidente l’incapacità, dettata da orgoglio, paura e insicurezza, di offrirci all’altro con lealtà; il rischio è di risultare una brutta copia di se stessi. Condividiamo una casa, un letto, i figli, il lavoro, i mezzi pubblici, i tavolini al ristorante, le spiagge affollate, gli uffici…siamo così vicini, eppure così lontani. (E. Sciannamea)

 Wolkenheimat è un video realizzato sull’isola di Terschelling, una laguna che si estende a perdita d’occhio, immensa, accarezzata dal moto perpetuo delle acque del Mare Del Nord che scoprono e coprono questo luogo senza tempo; è la scenografia naturale dove ha debuttato questo assolo. Il titolo del lavoro, Wolkenheimat, deriva dal tedesco “casa sulle nuvole”, un luogo dove fermarsi a contemplare il lontano orizzonte, una linea che circonda, contiene, definisce, ma allo stesso tempo sfonda, disperde, sorpassa.
L’interprete, attraverso la danza, prova a dialogare con la parte più integra di sè stesso.  Arriva dall’orizzonte, cammina attraverso la sua immagine, e quando è davanti al pubblico non sa più chi è. Da questo momento tutta la performance si snoda in un conflitto con sè stesso, nel tentativo di misurare questa lontananza da sè, di misurarsi con essa, di vederci chiaro e da vicino. Ogni tanto perdersi tra le nuvole potrebbe aiutare ad avvicinarci a noi stessi, o almeno a colmare questa lontananza, se ne siamo capaci. (E. Sciannamea)

Quella di Zerogrammi è una danza di piccoli gesti quotidiani, di dettagli minimi, invisibili, imperfetti che rivelano, pur nella loro inconsistenza, gli aspetti più profondi dell’essere umano. La poetica di Zerogrammi vuole restituire alla danza la leggerezza di un linguaggio diretto, colorato, poetico, il paradosso che è la vita stessa, la sensazione che quest’ultimo provoca, piangere dal ridere e ridere di dolore. Sono fondatori e coreografi stabili della compagnia Stefano Mazzotta ed Emanuele Sciannamea, entrambi diplomati presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano. Ogni loro produzione scaturisce non solo dal lavoro in sala ma da un oculato programma di residenze coreografiche, attività di formazione e scambio di competenze tra artisti, progetti video e fotografici intorno alle tematiche narrate. Ogni azione ad esse connessa diviene un segno, una tappa di un diario di viaggio che è ricerca (anche geografica) della più efficace forma di condivisione e di un’onestà scenica costruita sulle parole urgenza e necessità. In scena in Italia e all’Estero, le produzioni della compagnia sono state insignite di riconoscimenti tra cui Premio Hystrio 2013, Golden Mask 2012, Premio Vignale Danza 2011, Premio Miglior Spettacolo Giocateatro 2009 e Premio Danz’è/Festival Oriente Occidente 2008. Dal 2012 Zerogrammi è attiva presso la sua nuova sede torinese, LUFT, uno spazio creativo dove la compagnia ospita attività di produzione, formazione e e residenze artistiche. Zerogrammi è sostenuta da Regione Piemonte e Ministero Per i Beni e le Attività Culturali.
www.zerogrammi.org

Destinatari
Pubblico dai 13 anni

Durata
60 min.

Costo
5 €
prenotazione consigliata

Contatti
Per info e prevendite biglietti:

Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

giu
28
sab
2014
.h.g. @ Sala Consiliare del Comune
giu 28 @ 14:30 – giu 29 @ 17:30

TricksterP_.h.g

28/29 giugno 2014
Sala Consiliare del Comune – Meina (NO)

.h.g.
Installazione interattiva e formazione
a cura di TricksterP
concetto e realizzazione Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl
collaborazione artistica Simona Gonella

 .h.g. nasce come rilettura della fiaba classica di Hansel e Gretel e si sviluppa come un percorso fisico-sensoriale guidato da auricolari; un’installazione in 9 differenti stanze in cui spazio visivo e spazio sonoro si intersecano e dialogano tra loro.
All’inizio del percorso lo spettatore viene munito di cuffie ed invitato a seguire le indicazioni che riceverà attraverso di esse. Le stanze che deve percorrere sono spoglie, al loro interno poche tracce, segni di un turbamento interiore o, più semplicemente, indizi per riannodare i fili della narrazione. La fiaba viene così ripercorsa cercando i punti di rottura e quelli di intersezione, gli anelli di congiunzione tra il mondo dell’infanzia e quello adulto. Sono stanze dove l’estetica si unisce al sensoriale. Lo spettatore percorre lo spazio in assoluta solitudine accompagnato solo dalla voce in cuffia che gli indica come e quando muoversi all’interno dell’installazione. Oltre all’aspetto visivo, una delle principali caratteristiche di .h.g. è rappresentata dallo spazio sonoro realizzato con un sistema di registrazione binaurale. A differenza del sistema stereofonico , il sistema binaurale riproduce tutti e tre i piani della realtà acustica (destra/sinistra; alto/basso; fronte/retro) stimolando il cervello umano ad una percezione sonora tridimensionale estremamente realistica. L’effetto tridimensionale delle regi- strazioni binaurali può essere percepito solo attraverso l’uso di cuffie stereofoniche, per ovvie ragioni di prossimità fisica, la riproduzione attraverso altoparlanti annulla infatti l’effetto tridimensionale. In .h.g. l’utilizzo di auricolari consente anche di creare uno spazio intimo per ciascuno spettatore in cui il piano del reale e quello dell’immaginario possano alternarsi e confondersi; il gioco drammaturgico si articola in una costante compresenza di questi due livelli.

Nato dall’incontro di Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl, TricksterP è un progetto di ricerca artistica che si muove in un territorio di confine e contaminazione tra diversi linguaggi. Dopo una prima fase imperniata su una specifica ricerca sulla centralità e la fisicità del performer, nel corso degli anni il progetto Trickster si allontana dal concetto di teatro in senso stretto per indagare possibili segni espressivi trasversali che, tanto concettualmente quanto formalmente, siano il risultato della commistione di strumenti artistici estremamente eterogenei. La ricerca sul performer si sposta in maniera prioritaria sullo spettatore che diviene uno dei principali nuclei d’interesse del progetto: la riflessione sulle implicazioni del destinatario nel concetto dell’opera e sul significato dell’essere spettatore nella nostra contemporaneità, sono costanti ricorrenti che accomunano i diversi lavori di TricksterP.
La poetica di Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl predilige un’estetica fortemente essenziale che si allontana dal livello narrativo per immergersi nel livello immaginifico ed evocativo. Oltre che nei lavori artistici, la vocazione sperimentale del progetto si è concretizzata nella creazione de la casa del tabacco, spazio di creazione e sperimentazione situato nel borgo di Novazzano, a pochi chilometri dal confine italo-svizzero, e sede del progetto Trickster.
A tutt’oggi i lavori di TricksterP sono stati presentati in Europa, Asia, America del nord e America del sud.
www.trickster-p.ch

Destinatari
Dai 9  anni

Durata
30 min.
ingressi ogni 20 min.

Costo
5 €
prenotazione obbligatoria

Contatti
Per info e prevendite biglietti:

Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

 

giu
29
dom
2014
Residenza artistica per bambini @ Spazio Lavanderia del Museo di Villa Faraggiana
giu 29 – lug 6 all-day

 

Atelier del Vento_Residenza artistica per bambini_Scheda

30 giugno – 4 luglio 2014
7 luglio – 11 luglio 2014
Spazio Lavanderia del Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

Residenza artistica per bambini
a cura di Associazione LIS Lab e Atelier del Vento
condotto da Francesca Amat
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

L’Associazione LIS LAB e Atelier del vento propongono un appassionante campus estivo per i vostri bambini, che potranno passare due settimane di gioco e di divertimento grazie al teatro e all’arte! Una piacevole alternativa a cura dell’artista Francesca Amat che da anni lavora con i bambini e i ragazzi, passando dal teatro all’animazione attraverso il gioco. Insieme a lei ci saranno altri collaboratori con esperienza nel settore. Il metodo offre percorsi che valorizzano la persona e il bambino attraverso l’esperienza artistica, per favorire l’incontro con il propri talenti. La finalità è rivolta alla socializzazione e sviluppo armonico del bambino e dell’adulto con gli strumenti che le arti visive e performative offrono.

Atelier del Vento è un centro di studi e ricerca che promuove laboratori pedagogici di arti creative: arti visive, manipolative e performative. I corsi e laboratori sono rivolti a bambini e insegnanti per sperimentare la via dell’arte e scoprire le proprie potenzialità espressive.Atelier del Vento promuove corsi annuali e laboratori presso le sedi di Borgomanero (Spazio ViGi – Casa Allegria) e Arona (Meltin Pop – Scuola Allegria). Svolge attività di formazione presso scuole pubbliche e private, enti, Biblioteche.

Francesca Amat è un’artista poliedrica, si muove attraverso i linguaggi delle arti intersecando l’arte visiva con il teatro musicale e la performance. Alla propria attività di ricerca affianca l’attività pedagogica: ha insegnato arte e teatralità in oltre 50 scuole nella provincia di Novara e Verbania, da 20 anni si dedica all’ideazione e conduzione di laboratori creativi per l’infanzia e centri diurni, partecipando a festival in Italia e all’estero. Parallelamente conduce corsi di formazione per insegnanti ed educatori. I temi trattati riguardano i diritti umani, l’ecologia e l’intercultura e si realizzano con finalità di socializzazione e sviluppo armonico del bambino e dell’adulto. Ha pubblicato disegni con Franco Cosimo Panini ragazzi, Sinnos Edizioni, Edizioni Pulcino Elefante, Campanotto, Edizioni la Vita Felice. Sue opere e installazioni di arte visiva sono state ospitate in mostre e festival in Italia e all’estero. Dal 2008 al 2011 ha collaborato al Progetto “Nati Per Leggere”. Dal 2009 partecipa al Festival Tuttestorie di Cagliari portando mostre, spettacoli e laboratori. Nel 2010 ha fondato L’Atelier del Vento che promuove corsi e laboratori di arte visiva e performativa in  ambito pubblico e privato.

Destinatari
Bambini dai 6 agli 11 anni

Date e orari
dal 30 giungo al 4 luglio
e dal 7 luglio all’11 luglio
dalle 8.30 alle 16
Nota: è possibile partecipare anche solo ad una delle due settimane proposte

Costo
90 € a settimana (160 € due settimane), copertura assicurativa obbligatoria 10 € (valida un anno).
Pranzo al sacco a cura dei genitori. Posti limitati.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
4
ven
2014
Incontro sulla danza contemporanea @ Sala Consiliare del Comune
lug 4 @ 12:00 – 14:00

Incontro sulla danza contemporanea_Filippo Armati_© elisa mösle

4 luglio  2014
Sala consiliare del Comune, Piazza Carabelli – Meina (NO)

Incontro sulla danza contemporanea
Incontro formativo
a cura di Filippo Armati
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

Durante il suo percorso di formazione e professionale, il danzatore e performer svizzero Filippo Armati ha sviluppato una metodologia di lavoro, che presenterà in questo incontro, basata sui principi di coreutica di Laban e sulle influenze che questi hanno avuto su altri coreografi del XX secolo (Cunningham, Forsythe, Hauert). Questo metodo si basa sull’isolare i movimenti, sulla composizione istantanea, sulla consapevolezza del corpo e la possibilità di comporre istantaneamente movimenti con continuità.

Filippo Armati è laureato la Facoltà di Lettere all’università di Bologna, finendo i suoi studi in spettacolo, storia delle religioni e filosofia. In seguito è stato ammesso all’accademia di danza contemporanea Laban Centre di Londra, in cui ha potuto sviluppare anche uno studio di ricerca post-laurea. Nel 2007 è stato selezionato per partecipare al corso di ricerca Ex.er.ce a Montpellier e nel 2008 beneficia di una borsa di studio indetta da Prohelvetia al Cairo in cui sviluppa diversi progetti culturaliLavora come interprete per diversi coreografi e compagnie in tutta Europa. Dal 2003 sviluppa coreografia e lavori suoi, presentati in diversi paesi. Tc-no (2003) My Life As An Art Piece (2005), Ilegal art (2006), 101 Solos (2007), Music my body (2010), Quantum (2012), In Sale (2013), Quantum II (2014) sono i suoi lavori maggiormente conosciuti. Ha collaborato nel suo percorso con diversi coreografi e artisti creando coreografie, performances o progetti specifici. È stato invitato tra i coreografi più rappresentativi della Svizzera nel 2006 e nel 2013 alla biennale di danza Svizzera (Swiss Dance Days). Nel 2011 ha creato assieme all’artista visivo e musicista Tiziano Mincioni lo spazio culturale LA FONDERIA a Bellinzona, uno spazio in cui hanno curato assieme eventi culturali multidisciplinari. Nel 2010 fonda il festival multidisciplinare PERFORMA.

Destinatari
Ragazzi e adulti

Durata
2 h.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

Le foglie e il vento @ Museo di Villa Faraggiana
lug 4 @ 16:30 – 17:30

Le foglie e il vento_foto di Elisabetta Ajani_1

4 luglio 2014
Museo di Villa Faraggiana  – Meina (NO)

Le foglie e il vento
Performance di danza
a cura di Associazione Didee
progetto e regia Mariachiara Raviola
con Francesca Cinalli e Stefano Botti
paesaggio sonoro Paolo De Santis
sguardo coreografico Aldo Torta
produzione Associazione Didee arti e comunicazione e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Piemonte dal Vivo
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

Liberamente ispirato a La Foglia Muriel di Leo Buscaglia. La vita di una foglia e del suo albero, un racconto danzato per adulti e bambini, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, narra dei cicli della natura del continuo trasformarsi della vita. A seguire ci sarà un momento d’incontro tra gli artisti e il pubblico.

L’Associazione Didee – arti e comunicazione ha in sé diverse figure professionali che operano in molteplici campi (coreografico, teatrale, comunicativo, culturale, educativo e preventivo), orbitanti attorno all’interesse principale di divulgazione, promozione e formazione della danza e della poetica del gesto nei suoi significati espressivi, sociali ed artistici.
Con l’ideazione e la realizzazione di La Piattaforma – tetrocoreograficotorinese&co, (dal 2003 il contributo della Regione Piemonte, del Comune di Torino, della Fondazione CRT e dal 2008 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali), Didee concretizza l’obiettivo di monitoraggio e vetrina delle realtà di danza contemporanea e di ricerca emergenti sul territorio regionale e italiano, e promuove lo sviluppo di reti sinergiche tra gli artisti di differenti codici espressivi e altri progetti di evento e spettacolo.
www.lapiattaforma.eu

Destinatari
Adulti e bambini

Orario
h. 18.30

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

Le foglie e il vento @ Museo di Villa Faraggiana
lug 4 @ 16:30 – 17:30

Le foglie e il vento_foto di Elisabetta Ajani_1

4 luglio 2014
Museo di Villa Faraggiana  – Meina (NO)

Le foglie e il vento
Performance di danza
a cura di Associazione Didee
progetto e regia Mariachiara Raviola
con Francesca Cinalli e Stefano Botti
paesaggio sonoro Paolo De Santis
sguardo coreografico Aldo Torta
produzione Associazione Didee arti e comunicazione e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Piemonte dal Vivo
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

Liberamente ispirato a La Foglia Muriel di Leo Buscaglia. La vita di una foglia e del suo albero, un racconto danzato per adulti e bambini, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, narra dei cicli della natura del continuo trasformarsi della vita. A seguire ci sarà un momento d’incontro tra gli artisti e il pubblico.

L’Associazione Didee – arti e comunicazione ha in sé diverse figure professionali che operano in molteplici campi (coreografico, teatrale, comunicativo, culturale, educativo e preventivo), orbitanti attorno all’interesse principale di divulgazione, promozione e formazione della danza e della poetica del gesto nei suoi significati espressivi, sociali ed artistici.
Con l’ideazione e la realizzazione di La Piattaforma – tetrocoreograficotorinese&co, (dal 2003 il contributo della Regione Piemonte, del Comune di Torino, della Fondazione CRT e dal 2008 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali), Didee concretizza l’obiettivo di monitoraggio e vetrina delle realtà di danza contemporanea e di ricerca emergenti sul territorio regionale e italiano, e promuove lo sviluppo di reti sinergiche tra gli artisti di differenti codici espressivi e altri progetti di evento e spettacolo.
www.lapiattaforma.eu

Destinatari
Adulti e bambini

Orario
h. 18.30

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
5
sab
2014
In Sale @ Piazza Carabelli – Meina (NO)
lug 5 @ 18:30 – 19:30

In Sale_Filippo Armati e Francesca Cola_foto di Manuela Bernasconi_alta

5 luglio  2014
Piazza Carabelli – Meina (NO)

In Sale
Perfomance interattiva audiovisiva
a cura di Filippo Armati
di e con Filippo Armati (CH) e Francesca Cola (IT)
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

I due artisti riflettono con il loro linguaggio sul tema dell’acqua. Il brainstorming che ha caratterizzato la loro rielaborazione sul tema è partito dalla differenza tra l’acqua dolce e l’acqua salata. Con questa collaborazione italo-svizzera Cola-Armati, provano a creare un nuovo luogo della visione e dell’ascolto, cercando di creare nello spettatore-uditore una deriva emotivo-percettiva che gli permetta di entrare in un “altrove” assaporando simbolicamente quel sale che manca. Percorso con audioguide.

Filippo Armati è laureato la Facoltà di Lettere all’università di Bologna, finendo i suoi studi in spettacolo, storia delle religioni e filosofia. In seguito è stato ammesso all’accademia di danza contemporanea Laban Centre di Londra, in cui ha potuto sviluppare anche uno studio di ricerca post-laurea. Nel 2007 è stato selezionato per partecipare al corso di ricerca Ex.er.ce a Montpellier e nel 2008 beneficia di una borsa di studio indetta da Prohelvetia al Cairo in cui sviluppa diversi progetti culturali.
Lavora come interprete per diversi coreografi e compagnie in tutta Europa. Dal 2003 sviluppa coreografia e lavori suoi, presentati in diversi paesi. Tc-no (2003) My Life As An Art Piece (2005), Ilegal art (2006), 101 Solos (2007), Music my body (2010), Quantum (2012), In Sale (2013), Quantum II (2014) sono i suoi lavori maggiormente conosciuti. Ha collaborato nel suo percorso con diversi coreografi e artisti creando coreografie, performances o progetti specifici. È stato invitato tra i coreografi più rappresentativi della Svizzera nel 2006 e nel 2013 alla biennale di danza Svizzera (Swiss Dance Days). Nel 2011 ha creato assieme all’artista visivo e musicista Tiziano Mincioni lo spazio culturale LA FONDERIA a Bellinzona, uno spazio in cui hanno curato assieme eventi culturali multidisciplinari. Nel 2010 fonda il festival multidisciplinare PERFORMA.

Destinatari
Ragazzi e adulti

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
11
ven
2014
ADD UP > Poetrywalk @ Vie e piazze di Ghevio
lug 11 @ 16:30 – 17:30

Add Up_Meinascapes _photo by Samantha Klein_1

11 luglio  2014
Vie e piazze di Ghevio (NO)

ADD UP > Poetrywalk
Performance di danza urbana
a cura di Senza Confini di Pelle
con Dario La Stella e Valentina Solinas
in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo

Il progetto ADD UP > POETRYWALK è uno strumento di indagine sociologica e antropologica sull’urbanizzazione di una data area che sviluppa risorse artistiche proprie della danza urbana, della performance, dell’happening, del walk show.
Poetrywalk è una passeggiata poetica alla scoperta dell’inaspettato in cui una comunità si racconta attraverso la costruzione dinamica delle sue storie e delle visioni che la prospettiva del paesaggio offre. Una passeggiata lungo le vie create dai racconti di chi ha vissuto quei luoghi e di chi li ha raccolti e composti secondo un itinerario che lascia spazio all’eventualità del quotidiano e alla possibilità di creare proprie mappe emotive, suggestioni del divenire, associazioni evocative, il riflesso dell’altrove. Una visita guidata, in cui l’esperienza del corpo che attraversa attiva le sue sensibilità per captare paesaggi e storie che intrecciano un quadro performativo in evoluzione. Un museo a cielo aperto si dispiega, svelando umori e fantasie, permeando prospettive del possibile.
La passeggiata è pensata come un walk show, una visita guidata in un museo in cui indossando delle cuffie si ricevono istruzioni circa il percorso di visita e nel contempo vengono evocate delle suggestioni poetiche di parole e musiche. Durante la passeggiata alcune azioni performative suggeriranno la prospettiva per una visione poetica.
Il progetto prevede una ricerca di una settimana per raccogliere i materiali narrativi e performativi utili alla composizione della passeggiata. Durante la ricerca è necessario creare un workshop aperto a cittadini di qualunque fascia di età e ad appassionati delle performing arts (allievi di teatro/danza).

 Senza Confini Di Pelle è un progetto di ricerca sul linguaggio delle arti performative nato da Dario La Stella e Valentina Solinas nel 2003 a Torino, Italia. Ogni spettacolo è uno studio critico del mondo contemporaneo. Il nostro progetto sintetizza danza, teatro, performance, video, testo in un unico contenitore performativo.
Senza Confini Di Pelle lavora in situazioni molto diverse: festival internazionali di performing art, progetti con i cittadini, workshop con le Università, progetti con persone disabili, scambi di lavoro internazionali.
www.senzaconfinidipelle.com

Durata
60 min.

Destinatari
Da 0 a 99 anni

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

 

La danza in 1 minuto @ Sala Consiliare del Comune
lug 11 @ 19:00 – 20:00

La danza in 1 minuto_credits MoreThanYouThink_Still01_72dpi

11 luglio 2014

Sala Consiliare del Comune – Meina (NO)
Nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

La Danza in 1 minuto
Presentazione e proiezione video
ideazione Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte (Italia)
in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo
presentazione a cura di Cristiana Candellero e Lucia De Rienzo

La danza in 1 minuto è un contest nazionale di video di danza giunto alla sua quarta edizione, un progetto promosso e curato da COORPI. Un’opportunità per esprimere, attraverso un video della durata di 60”, quali significati possa assumere la danza nel senso più ampio del termine. Tra le novità dell’edizione 2014 un premio speciale dedicato all’animazione, in collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics, e tre temi sui quali declinare le proposte video: le diverse modulazioni dell’impercettibile; quale Italia oggi e il rapporto tra suono e movimento video – coreografico.
http://vimeo.com/coorpi

Destinatari
Ragazzi e adulti

Orario
h  – 21.00

Durata
60 min.

COORPI – Coordinamento Danza Piemonte
COORPI è un’associazione culturale, costituita nel 2002, con lo scopo di valorizzare le realtà coreutiche presenti sul territorio e sostenerne lo sviluppo professionale e creativo. La disseminazione e condivisone di informazioni, la documentazione, l’arricchimento della proposta formativa, la ricerca, la promozione nel rispetto dell’eterogeneità delle espressioni coreutiche e la sensibilizzazione di nuovi pubblici, sono fra gli obiettivi primari dell’associazione.
www.coorpi.org

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

 

lug
12
sab
2014
#INTERSACTION @ Lido di Meina
lug 12 @ 15:15 – 17:30

Tommaso Sacchi

12 luglio 2014
Lido di Meina – Meina (NO)

#INTERSACTION.
Incontro e dialogo sulle differenti pratiche espressive
Aperitivo – seminario
a cura di Tommaso Sacchi
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

L’incontro è una riflessione che è propria delle nuove pratiche espressive del contemporaneo, ad esempio capire come alcune opere che vedono la loro realizzazione nell’arco di pochi istanti o di un arco temporale preciso e limitato abbiano alle spalle percorsi di lunga durata che ne determinano i processi ideativi e realizzativi. L’incontro è aperto non solo agli artisti a chiunque voglia avvicinarsi ai differenti ambiti della creatività.

Tommaso Sacchi ha diretto l’ufficio progettuale dell’Assessorato Cultura, Moda e Design del Comune di Milano (2011-2013). Curatore, organizzatore culturale e consulente per aziende e istituzioni nel campo della creatività e della produzione artistica.
È docente di Elementi di Comunicazione e Giornalismo per i corsi di laurea in Arti Visive e Fashion Design presso l’Accademia di Belle Arti A. Galli di Como e di Event Planning and Management per il Master internazionale in Arts Management dell’Istituto Europeo di Design di Firenze.
E’ co-curatore del progetto The Tomorrow (8a Berlin Biennale e 14a Biennale di Venezia). Ha coordinato la campagna nazionale #piumusicalive per l’agevolazione delle procedure per la produzione di performing arts.
Ha curato diversi palinsesti per alcuni tra i principali teatri milanesi (Audiotrium di Milano, Teatro Dal Verme).
E’ stato invitato come guest lecturer in diverse Università italiane (Università Cattolica del Sacro Cuore, Accademia di Belle Arti di Brera, NABA, Domus Academy, Scuola d’Arte Drammatica P. Grassi).
L’uscita del suo libro ‘Cultura e Città’ (Nda Press – 2014) è prevista per il prossimo mese di luglio.
FB: https://www.facebook.com/tommi.sacchi
Twitter: https://twitter.com/TommasoSacchi

Destinatari
Ragazzi e adulti

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

Mapping #3|Meina @ Sala Consiliare del Comune
lug 12 @ 19:00 – 20:00

Sara Marasso_Il Cantinere_Mapping3_Foto di Leonardo Schiavone copia 12 luglio  2014 Sala Consiliare del Comune – Meina (NO) Mapping #3|Meina Performance di danza e arte visiva a cura di Compagnia Sara Marasso | Il Cantiere con Maura Dessì, Sara Marasso, Teresa Norhona Feio contrabbasso e live electronics Stefano Risso, artista visiva Giulia Gallo, disegno luci Davide Rigodanza in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

“Mapping” utilizza le caratteristiche particolari di un luogo in un’ottica interdisciplinare che possa creare una coincidenza, una sovrapposizione e un interscambio tra lo spazio cosiddetto espositivo, e quello performativo o scenico, in una direzione di ricerca e riflessione sui luoghi della visione e sulla possibilità di trovare modi e linguaggi per un diverso e rinnovato contatto con il pubblico. Da un punto di vista di ricerca coreografica il progetto prevede l’inserimento di un gruppo di performers e di un musicista dal vivo. Il gruppo lavorerà sull’idea di mappatura attraverso la ricerca di modi misurazione dello spazio a partire dal corpo come unità di misura ed entità percettiva. Il progetto MAPPING ha vinto il bando Motori di Ricerca percorsi d’artisti fra coreografia e arti visive – curato da Chiara Castellazzi in collaborazione con Olga Gambari – e prevede la collaborazione tra la coreografa Sara Marasso e l’artista visiva Giulia Gallo.

Sara Marasso Coreografa e danzatrice, parallelamente a studi di cinema inizia ad interessarsi alla danza contemporanea incontrando a Torino Anna Sagna, Monica Francia, Giorgio Rossi, Paola Bianchi. Prosegue i suoi studi presso il Laban Centre for Contemporary Dance di Londra e successivamente a Parigi presso l’Universitè Paris VIII dove ottiene un diploma post-laurea presso il dipartimento danza. Approfondisce la danza contemporanea, il contact, l’improvvisazione ed inizia la pratica dello yoga con, tra gli altri, Patricia Kyupers, Andrew de L. Harwood, Julien Hamilton, Catherine Diverrès, Vim Vanderkeybus, Dominique Dupuy, Simone Sandroni. Nel 2004 vince il Concorso moving’up – mobilità nel mondo per giovani artisti – ed avvia un proprio percorso di ricerca coreografica intorno ai luoghi non convenzionali ed agli spazi urbani. Nel 2006 è selezionata per il progetto Dance Break di Torinodanza che co-produce una performance di danza urbana per Italyart Olimpiadi della Cultura Torino 2006. Nel 2007 Interplay Festival co-produce, con Lugar à Dança, lo spettacolo “The Tender Inspection” presentato nel cartellone del Festival dello stesso anno. Nel 2008 avvia una nuova fase di ricerca coreografica affrontando un percorso in assolo che inizia con “Solo Carta”, Lo spettacolo è selezionato quale unica proposta italiana al Festival Les Repérages Rencontres Internationales de la Jeunes Chorégraphie di Lille nel Marzo 2009 ed invitato successivamente a Charleroi per Charleroi Danses. Nel 2009 è selezionata per il progetto franco-italiano Marchè Commun per la creazione di una performance di danza contemporanea in spazio urbano, “Volte Sempre” che verrà presentata in tournè in diverse città. Nel 2010 “Soluzione parziale a problema transitorio”, che prosegue la sua ricerca sull’assolo, è prodotto da Torinodanza Festival in co-produzione con il Festival Interplay e con il supporto di Fondazione TPE e N.E.C. Núcleo de Experimentação Coreográfica di Porto. Lo spettacolo debutta nell’ambito del Festival Prospettiva del Teatro Stabile di Torino. Presentato, tra l’altro, in Serbia ed inserito nella programmazione ufficiale dell’Internationale Tanzmesse Dusseldorf 2012. L’ultima produzione “When I dance , I dance. When I sleep I sleep”, del 2012, rappresenta lo sviluppo e il risultato di questa ultima fase di ricerca, terza parte di una trilogia dedicata alla comunicazione e al segno. Ha collaborato negli anni con numerose scuole ed istituzioni per progetti di formazione. www.ilcantiere.net Destinatari da 0 a 99 anni Durata 60 min. Costo 5 €, prenotazione consigliata

Contatti

Per info e prevendite biglietti: Associazione LIS Lab Performing Arts Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO) Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00 + 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.comwww.associazione-lis.com www.corpivisionari.eu Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
13
dom
2014
Phoenix @ Villa Bossi
lug 13 @ 15:00 – lug 20 @ 19:00

Phoenix_ph. by Cindy Rudel

13 – 20 luglio 2014
(escluso lunedì 14)
Villa Bossi, SS Sempione 120 – Meina (NO)

Phoenix
a cura di Wunderland
Performance interattiva
direzione di scena e drammaturgia Sarah John (AUS)
direzione artistica e performer Mette Aakjær (DK)
compositore e sound design Thoranna Bjornsdottir (ISL)
collaborazione alla creazione, performers e danzatrici Cindy Rudel (DE), Nina Matthis (SWE/SRB) e Sara Vilardo (IT),
tecnico di interaction design Rune Brink (DK)
artista visuale Sigrid Astrup (NOR)
testi Sonja Winckelman Thomsen (DK)
traduzioni Sara Vilardo (IT)
direzione di produzione Kirsten Pallesen (DK)

Un’esperienza unica, un viaggio sensoriale, un’avventura personale. Phoenix è una performance interattiva, sviluppatasi dalla collaborazione di 9 artisti internazionali – perlopiú provenienti dal nord Europa – e con differenti background artistici. Lo spettatore si muoverà attraverso questa esperienza da solo, guidato da un sistema sonoro interattivo e dall’incontro coi performers.
Phoenix racchiude diverse forme artistiche: installazioni, soundscape, tecnologie interattive, testi poetici, video, esperienze sensoriali, incontri performativi e molto altro da scoprire. Una coproduzione Wunderland e LIS.

La poetica di Wunderland è creare esperienze, performances e workshops. Le performances hanno luogo di solito in spazi specifici, studiati, e hanno la caratteristica di essere interattive.
Alcuni dei loro lavori assumono la forma del “viaggio performativo”, un’esperienza dove il pubblico si sposta, uno ad uno o in piccoli gruppi, lungo un itinerario predefinito.
Nei lavori di Wunderland tutti i sensi vengono stimolati; le risorse performative possono essere di diverso tipo: dai testi, installazioni e i suoni d’ambiente, al corpo umano, il teatro e la danza.
Il gruppo Wunderland è stato fondato da Mette Aakjaer, una delle prime co-fondatrici dell’organizzazione UDflugt Network.
Wunderland lavora assieme a diversi altri artisti con differenti competenze e qualifiche a seconda dei progetti in corso.

Destinatari
Pubblico da 0 a 99 anni

Durata
55 min.

Costo
5 €
prenotazione obbligatoria

Contatti
Per info e prevendite biglietti:

Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

set
26
ven
2014
Soup – Performance Live a Meina @ Lavanderia di Villa Faraggiana
set 26 @ 11:00 – set 27 @ 21:00

Soup Centro Artistico Alik Cavaliere_foto di Samantha Klein2

26/27 settembre 2014
Lavanderia di Villa Faraggiana
Strada statale del Sempione – Meina (NO)

Soup

Performance live

di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
con Antonella Cirigliano, Daria Tonzig, Francesca Amat e Sara Vilardo
con la partecipazione degli studenti NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Maria Luisa Bafunno e Giulio Olivero.
tecnica e sound design Fabrizio Orlandi e Taddo Sergio Taddei
photo Samantha Klein (NABA)
organizzazione Michela Caretti, Annalisa Recchia e Laura Vignati
produzione LIS e Fondazione Teatro Coccia
per “PerCorpi Visionari – percorsi sconfinati tra danza e performance contemporanea” progetto Interreg di cooperazione transfrontaliera ITA-CH, in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo. Percorsi di formazione per Bottega d’artista.

Dolce, salato o piccante ?
Lo spettacolo è l’invito ad un banchetto surreale dove, in modo sempre diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato: memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi.
Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto.

Lo spettatore prende parte attiva ad un banchetto surreale dove performer-camerieri servono “pietanze diversamente commestibili”. Il contorno di ogni portata, vero piatto forte della serata, sono le domande e le risposte individuali che invogliano i commensali a rintracciare e condividere memorie sul cibo, sulle ricette, sulle preparazione, sugli ingredienti e le relazioni personali profondamente collegate a ciò di cui ci nutriamo.

Il pubblico, diviso in gruppi da 5-6 commensali tramite un gioco spaesante, verrà fatto accomodare ai tavoli dove, su piatti particolari, diversi per ogni spettatore, vengono servite con speciali attenzioni, mini-porzioni di frutta secca, erbe, semi, ma anche fiori e puri odori, poesie e ”insalate di quotidiani”. E mentre si offre, si pongono domande ai commensali le cui risposte diventano colloqui e scambi personali. Si aggiunge così altro nutrimento, nel senso di occasione di ascolto e crescita e condivisone di pensieri e memorie tra i partecipanti.

Segue poi un tempo di riunione collettiva del gruppo che costituisce una sorta di catarsi- distruzione nella digestione delle emozioni sperimentate.
In fine un momento di saluto intimo accompagna dolcemente il pubblico all’uscita e al ritorno al mondo ordinario.

Oggi il LIS è formato da Antonella Cirigliano e Daria Tonzig che si avvalgono di collaboratori su aree specifiche, prediligendo la multidisciplinarietà di linguaggi diversi: installazione, arte, musica che si incontrano nella scena della live performance dove spazio e tempo non ha più i codici tradizionali.

Orario
26 settembre ore 11.00 (riservato alle scuole) – ore 20.00
27 settembre ore 18.00 – ore 21.00

Costo
biglietto unico 5 euro

Info e prenotazioni
associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
+39 388 2579939 – +39 380 6538718