Calendario

mar
5
mar
2013
InTOframe @ Luft
mar 5 – mar 9 all-day

Intoframe_Zerogrammi

5/6/7/8/9 Marzo 2013 – laboratorio
9 Marzo 2013 – performance finale
Luft, Via Pinelli 54, Torino e vie della città di Torino

InTOframe
Performance e laboratorio di danza
Ideazione Cie. Zerogrammi / Stefano Mazzotta, Rosanna Todisco

Laboratorio formativo e coreografia Stefano Mazzotta con la collaborazione di Emanuele Sciannamea, e gli insegnanti del Liceo Classico Vincenzo Gioberti di Torino Sebastiana Bonaffini, e Paolo Mirabella

Cast/Staff Cie. Zerogrammi / Stefano Mazzotta e Emanuele Sciannamea e i“giovani inviati speciali di inToframe”

Il laboratorio inTOframe | immagini da una città mobile, coinvolge un gruppo di 35 giovani (liceali, universitari, performer, fotografi) in un percorso artistico di scoperta della città di Torino, attraverso una riflessione sui luoghi urbani e sui suoi abitanti. L’osservazione degli spazi comuni e dei gesti e movimenti delle persone che li attraversano, mediata dall’utilizzo dello strumento video/fotografico e preceduta da un importante lavoro di analisi del movimento e delle sue implicazioni psicologiche ed emotive, intende aiutare i giovani partecipanti a re-inventare i movimenti necessari per declinare una nuova grammatica del “corpo in relazione” negli spazi urbani, con particolare attenzione alle modalità di movimento che favoriscono comunicazione e empatia tra le persone.

Performance (9 marzo 2013)

Il percorso artistico produce un’azione performativa finale in piazza Castello nella quale i giovani realizzano un Flash mob. Parallelamente al lavoro di costruzione della performance, i giovani partecipanti, dopo essere stati osservatori della città, diventano protagonisti nella realizzazione di un cortometraggio.

Il laboratorio (24-25-26 luglio 2013)

Il laboratorio ha la durata di 5 giorni di 4 ore ciascuno

Durata/tempistiche
5/6/7/8/9 Marzo 2013

Orario
h. 10.00 – 13.00

Età
giovani liceali, universitari, performer under 30

Iscrizione
gratuito

Cie. Zerogrammi

La compagnia di teatrodanza Zerogrammi è costituita nel 2006 dai coreografi e danzatori Stefano Mazzotta e Emanuele Sciannamea, entrambi diplomati presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Il nome della compagnia, incarnandone gli intenti artistici, intende esprimere e perseguire un fondante bisogno di leggerezza calviniana che, attraversando trasversalmente il linguaggio coreutico, restituisca al mestiere del teatro chiarezza e onestà comunicativa. Da questi presupposti prendono vita, sulla scena, personaggi danzanti che raccontano la vita sin nei suoi aspetti più piccoli, impercettibili, quotidiani. Il segno coreografico di Zerogrammi, che sempre ama attingere al ricco vocabolario della gestualità più comune e condivisibile per elevarla a simbolo sulla scena, si pone al servizio di una drammaturgia dalla struttura decisamente più teatrale che coreutica, per fare in modo che sempre il danzare sia il risultato di chiare e imprescindibili urgenze drammaturgiche e umane. Ognuna delle creazioni della compagnia è il risultato di intensi programmi di residenza artistica, formazione, studio dell’immagine (foto e video) e dialogo tra linguaggi complementari che offrano altrettanti complementari punti di vista sulla costruzione del racconto. Per tale ragione, parallelamente all’attività produttiva, C.ie Zerogrammi cura progettualità speciali dedicate alla diffusione dei linguaggi dell’arte contemporanea. La pratica del linguaggio fisico è, non solo occasione di crescita artistica ma diviene il mezzo attraverso il quale si strutturano e sviluppano progetti di carattere sociale, educativo, riabilitativo.

Info
Associazione Didee arti e comunicazione
piattaforma.danza@gmail.com
Sito web: www.lapiattaforma.eu
lug
14
dom
2013
We Used To Be Lovers @ Cantieri OGR
lug 14 – lug 16 all-day

A cura Associazione Didee / La Piattaforma teatrocoreografico. Photo by Enrico Desantis

15-17 luglio 2013 – laboratorio
17 luglio 2013 – performance finale e incontro rete transfrontaliera Italia – Svizzera

presso Cantieri OGR nell’ambito di La Piattaforma teatrocoeroegrafico 2013
Falchera-Barriera di Milano-Porta Palazzo-Cantieri OGR (TO)
We Used To Be Lovers
Performance e laboratorio sulla creazione contemporanea e site specific
Ideazione Francesca Cola / Associazione VOLVON
Cast/Staff Francesca Cola / Gemini Excerpt / 20 danzatori e danzatrici
Scopo del progetto è quello di unire, condividere e contaminare diverse competenze artistiche e stilistiche, per meglio valorizzare la performance (teatro-danza contemporaneo) negli spazi urbani dismessi o fonti di conflitto sociale. Francesca Cola, svolge da anni un lavoro di valorizzazione dell’arte contemporanea nell’ambito della globalità dei linguaggi intersecando le diverse possibilità di espressione : il codice sonoro, con quello corporeo (teatro, danza) con quello fotografico e video. In questo caso si darà vita ad un intervento di “coreografia” sul territorio urbano, coinvolgendo allievi di scuole di danza o teatro o la stessa cittadinanza che vuole essere coinvolta, sotto forma di evento site specific accompagnato dalla musica live del duo elettro-acustico Gemini Excerpt.
Il format, già sperimentato in altri contesti, ha permesso un forte coinvolgimento del pubblico permettendo di fruire dello spettacolo in modo più incisivo.
La performance (17 luglio 2013, h. 19:30)
Nell’ambito di La Piattaforma teatrocoreografico 2013 – XI edizione si propone un momento finale aperto al pubblico all’interno dei Cantieri OGR.
Il laboratorio (15-17 luglio 2013)
Il laboratorio prevede una durata di 3 giorni proposti nei mesi di luglio 2013. Il laboratorio è aperto ad attori, danzatori e curatori d’arte interessati ad aderire al progetto.
Si lavorerà durante la mattinata attraverso un training di anatomia esperienziale per sondare le possibilità di relazione tra corpo e corpo, tra corpi che generano una massa e un corpo preso nella sua singolarità.
Si studierà la relazione tra corpo, spazio esterno inteso come architettura, immagine e contesto sociale.
Durata/tempistiche
15-17 luglio 2013
Orario
h. 14.00 – 19.00 (fino ore 24 il 17 Luglio)
Età
adulti
Iscrizione
Gratuito
Francesca Cola
Danzatrice, Performer e Danza Movimento Terapeuta, laureata in Storia del Teatro di Ricerca con una tesi di ricerca sulla percezione dello spettatore si forma nell’ambito delle arti performative con i Teatri anni Novanta. Collabora stabilmente con il teatro del Lemming dal 2002 al 2005 e con il Laboratorio Operativo Sistemi Sensibili (Luigi Coppola) dal 2005 al 2008. Approfondisce gli studi con Nicola Hümpel (director, Berlin), Michele Abbondanza (dancer and choreographer, Milano), Caden Manson and Jemma Nelson from Big Art Group (directors and videoperformers, New York) Donata D’urso (dancer and choreographer, Paris), Virgilio Sieni ( dancer and choreographer, Florence), Frey Faust, (dancer and choreographer), Benjamin Verdonk (Performer, Anversa). Segue il percorso “Piccola scuola nomade” con Leonardo Delogu-Teatro Valdoca.Nel 2008 è cofondatrice dell’Associazione Fiorile delle Arti e delle Culture che opera nell’ambito della formazione delle arti performative e dell’organizzazione culturale a livello Nazionale ed Europeo.
Vincitrice nel 2008 di una borsa di studio per una residenza internazionale di giovani artisti presso Inteatro Polverigi, inizia a produrre lavori personali che ottengono risultati a livello Nazionale e Internazionale (Magmart Videoart Festival, MarteLive, Corrispondenze 2011, BitFilm Festival di Amburgo patrocinato da MTV, Quadriennale di Arti Performative di Praga, Teatro Valle Occupato di Roma). Nel 2010 fonda il gruppo VOLVON. Nel 2012 e co-fondatrice dello Spazio torinese per le arti contemporanee “Superbudda”. I suoi lavori spaziano dalla ricerca di una nuova semiotica espressiva attraverso l’utilizzo integrato del linguaggio corporeo-gestuale e l’utilizzo del mezzo elettronico per l’elaborazione di mappe sonore, con un occhio sempre attento alla percezione dello spettatore e al vissuto esperienziale della performance.
Info
Associazione Didee arti e comunicazione
piattaforma.danza@gmail.com
Sito web: www.lapiattaforma.eu
lug
16
mar
2013
Serata PerCorpi Visionari – Festival La Piattaforma @ OGR - Officine Grandi Riparazioni
lug 16 all-day

Lunar_Raffaele_Irace Quantum_Gentilini_Kennedy_Armati_Bretscher

17 luglio 2013
OGR – Officine Grandi Riparazioni - Via Castelfidardo, 22 – Torino

Serata PerCorpi Visionari

In programma gli eventi

Lunar di Raffaele Irace
una produzione The very secret dance society / CTR Centro Teatrale di Ricerca di Venezia
con Vittoria Carpegna, Vanessa Michielon, Francesa Porta
costumi-sculture di Sonia Biacchi
musiche Belma Beslic Gal
ore 21

Quantum di Filippo Armati
una produzione Associazione LitroCentimetro
con Margarita Kennedy e Filippo Armati
ore 21,45

Introduzione – ore 19,30
We Used To Be Lovers di Francesca Cola

In concomitanza con il Festival La Piattaforma teatrocoreografico

La fertilità creativa e le visioni concettuali dei coreografi italiani e svizzeri s’incontrano e si sviluppano nella serata evento dedicata a PerCorpi Visionari, organizzata dall’Associazione Didee – arti e comunicazione in concomitanza col festival La Piattaforma teatrocoreografico.
Nel contesto del progetto Interreg PerCorpi Visionari, sostenuto dal Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Svizzera 2007-2013, Associazione Didee individua il suo percorso nell’accrescere la relazione transfrontaliera tra gli artisti dei territori coinvolti, promuovendo scambi, creazioni comuni e confronti attorno alla diffusione della danza e alla sua manifestazione nella natura.

Lunar
Le dimensioni del movimento ‘peso-spazio-tempo-flusso’, studiate cento anni fa da Laban, nella proposta coreografica di Raffaele Irace (IT), si spingono fino all’analisi dei frattali.
In quale modo le geometrie della natura si manifestano durante il movimento danzato? Possiamo seguire queste strutture per la produzione di movimento del corpo? Riconosciamo modelli frattali nel corpo umano? Perché siamo affascinati da queste forme e qual’é il messaggio al loro interno? Ecco alcune delle domande chiave per la ricerca coreografica di Raffaele Irace che prendono forma nell’evento Lunar. Mentre la musicista Belma Beslic Gal crea una struttura portante di sonorità che appartengono al cosmo, la designer veneziana Sonia Biacchi realizza tre spettacolari costumi ispirati al moto geometrico continuo delle forme frattali, cogliendone la frammentazione che al contempo cela l’armonia assoluta delle forme ripetuta all’infinito.

Durata
30minuti

Raffaele Irace
Raffaele Irace interpreta come danzatore le opere dei più grandi maestri della coreografia internazionale, tra cui i più celebri Maurice Bejàrt, Carolyn Carlson, Mats Ek, William Forsythe, Jacopo Godani, Robert North. Dal 2008, alla guida come direttore e coreografo del suo ensemble The very secret dance society, Irace porta i suoi lavori coreografici in tournée in Italia e all’estero con sempre maggior successo (Francia, Germania, Macedonia,Turchia) presso molti festival nazionali ed internazionali di danza contemporanea, tra cui La Biennale Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo 2009 e La Biennale di Venezia nel 2012.
www.verysecretdance.com

Quantum
Quantum esplora il concetto di spazio e tempo ispirandosi a teorie della fisica quantistica. La sfida è riuscire a produrre una plasticità di movimenti ispirata da teorie di spazio e tempo dilatato, rispetto alla percezione classica della realtà. I modelli teorici della scienza contemporanea che spiegano la nostra esperienza, nella storia hanno modificato profondamente la nostra idea di realtà (Cartesio, Galileo, Newton, Einstein, solo per citarne alcuni).
Armati, assieme a Margarita Kennedy, hanno lavorato studiando il corpo anatomicamente e ricostruendo combinazioni di movimento da poter riprodurre in maniera istantanea. La loro ricerca li ha portati a sviluppare una tecnica della danza, chiamata Quantum Technique, con otto elementi chiave che possono combinare a loro piacimento. Ispirandosi alla fisica quantistica, che prevede una realtà a più dimensioni, cercano di muoversi all’interno di uno spazio virtuale. La consapevolezza fisica, la capacità di produrre movimenti in maniera istantanea e ciclica, l’allenamento a concetti di spazio e tempo diversi da quelli classici, li porta a produrre un diverso tipo di plasticità corporea.

Durata
30minuti

Filippo Armati
Filippo Armati ha studiato al Dams di Bologna e al Laban Centre di Londra. In seguito ha lavorato tra Berlino, Parigi e Londra come danzatore e coreografo freelance. Ha firmato una dozzina di lavori che ha proposto in tutta Europa. Nel 2006 ha rappresentato la Svizzera italiana alle giornate svizzere di danza contemporanea ed ha vinto un premio della Società Svizzera degli Autori per il carattere innovativo della sua opera. Ha partecipato alla formazione Ex.er.ce nel 2007, coordinata da Mathilde Monnier e Xavier Le Roy a Montpellier. Nel 2008 ha beneficiato di una residenza artistica al Cairo in collaborazione con artisti egiziani e mediorientali. Dal 2010 ha fondato a Losone il Festival di arti performative La Fabbrica.
www.performa-festival.ch

Costo
Ingresso 7 euro – ridotto 5

La serata è proposta da Associazione Didee nell’ambito del progetto PerCorpi Visionari in concomitanza col festival La Piattaforma teatrocoreografico.

Info

Associazione Didee – arti e comunicazione
Festival La Piattaforma teatrocoreografico
c/o Luft – via Pinelli 54 – 10144 Torino
t.+39 011 19706468 – m.+39 347 2487314
piattaforma.danza@gmail.com
www.lapiattaforma.eu

lug
23
mar
2013
Lettere di Lucile D. @ Sala Consiliare del Comune
lug 23 – lug 25 all-day

Paola Romanò

24-/25 luglio 2013 : prove aperte
26/luglio 2013: presentazione e lecture ore 21.30
Sala Consiliare del Comune, piazza Carabelli- Meina (NO)

Lettere di Lucile D. – Vita immaginaria e morte pubblica di Lucile Desmoulin
Lectures teatrale e prove aperte
Drammaturgia e regia di Paolo Bignamini
con Paola Romanò
scene e aiuto regia Francesca Barattini
assistente Shantala Faccinetto
partecipano alla residenza Maria Maderna – Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, Erica Ruck – Université Paris 8, Amelia Valtolina – Università degli Studi di Bergamo
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Solo il silenzio, dopo quella battuta: “Viva il re!”
E’ un’antiparola, come la definisce Paul Celan ne Il meridiano: “ (…) la parola che strappa il filo, (…) un atto di libertà (…)”. Anne-Lucile-Philippe Duplessis sposa nel 1790 il giornalista rivoluzionario Camille Desmoulin. Il loro testimone di nozze: Robespierre. Pochi anni dopo, nel 1794, i coniugi Desmoulin vengono ghigliottinati a distanza di una settimana l’una dall’altro, Camille – accusato di essere dantonista – il 5 aprile; Lucile il 13 aprile. La morte di Danton di Georg Büchner si conclude proprio con l’arresto di Lucile, la quale, al grido di “Viva il re”, “viene circondata dalle guardie e condotta via”.

Della settimana di solitudine che separa la perdita dal marito dalla perdita della vita, Büchner non scrive: è in questo immenso spazio bianco in calce al testo, in questa pausa di segno e di senso che si proveranno a cercare le parole della nostra azione teatrale. Le sue lettere d’amore (supposte, inventate, appositamente scritte) per il marito Camille rappresenteranno la traccia di una biografia immaginaria, un monologo che vaga nel silenzio di un passato di accese passioni e che finisce in un presente – di nuovo – di silenzio. Un silenzio che risuona dell’insostenibile vuoto della perdita.

Il debutto dello spettacolo sarà al Teatro Oscar di Milano nel mese di novembre 2013. Durante il periodo di residenza al Villaggio d’artista, Paolo Bignamini e i suoi collaboratori presenteranno al pubblico il loro lavoro, interagendo con esso attraverso prove aperte e lecture.

Orario
Presentazione e lecture alle h. 21.30

Paola Romanò
Al debutto come attrice di prosa, ha al suo attivo una prestigiosa carriera di soprano in Italia e all’estero. Intraprende molto giovane lo studio del canto presso il Conservatorio G. Verdi di Milano dove consegue il diploma. Nel 1988, vincitrice del terzo Concorso Internazionale Luciano Pavarotti, canta Luisa Miller a fianco del celebre tenore. Paola Romanò è stata, a partire dal 1997, ospite per sei anni all’Arena di Verona dove ha cantato in quattro produzioni di Nabucco, in Aida ed in Macbeth. Ha al suo attivo ripetute collaborazioni con direttori come Arena, Bartoletti, Byckov, Gatti, Metha, Oren e registi come Cavani, De Ana, Pizzi, Ronconi, Tiezzi. DAL 2000 si è esibita in celebri teatri italiani e internazionali ricoprendo importanti ruoli. Docente di canto, tiene regolarmente masterclass di canto in Italia e all’estero.

Paolo Bignamini
Nato nel 1976, giornalista, drammaturgo e regista, è direttore artistico del circuito teatrale ScenAperta della Provincia di Milano (progetto Metropòli).
I suoi spettacoli sono stati rappresentati nei teatri delle più importanti città italiane. Scrive sulle pagine di cultura de IlSole24Ore.com e tiene laboratori di scrittura teatrale all’Università degli Studi di Milano e all’Università degli Studi di Bergamo. E’ docente di drammaturgia alla NABA Nuova Accademia di Belle Arti di Milano.

ScenAperta Altomilanese Teatri http://scenapertaamt.blogspot.it/
Pacta dei Teatri http://pacta.org/
deSidera http://www.teatrodesidera.it/home.php
In collaborazione con Università degli Studi di Bergamo.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

 

lug
24
mer
2013
Add Up > Meinascapes @ Centro storico di Meina e lungolago
lug 24 all-day

Senzaconfinidipelle_the light(h)er 04

25/ luglio 2013
Centro storico di Meina e lungolago – Meina (NO)
In caso di pioggia la performance sarà rimandata al 26 luglio alle h.20.00

Add Up > Meinascapes
Performance di danza da strada
produzione Senza Confini Di Pelle, Associazione LIS lab Performing Arts
in collaborazione con Piemonte dal Vivo – Circuito Regionale dello Spettacolo
direzione Dario La Stella – Valentina Solinas
performer Dario La Stella – Valentina Solinas
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Il progetto di ricerca e creazione coreografica Add Up, che Senza Confini Di Pelle porta avanti dal 2011 attraverso tappe e collaborazioni nazionali e internazionali, è uno strumento di indagine sociologica che sviluppa risorse artistiche proprie della danza, della performance, dell’happening.
Il progetto indaga come la danza possa esprimere l’identità di un luogo intercettando la relazione tra urbanizzazione e socialità ed evidenziando come il rapporto tra identità sociale e luogo urbano sia una relazione dinamica e svela come i luoghi preposti ad uno specifico utilizzo dall’urbanistica vengano sovvertiti da un loro diverso “uso”, sperimentando nuovi modelli per “abitare” gli spazi pubblici.
La performance “Add Up > Meinascapes” è l’illustrazione del nostro personale “attraversamento” di Meina, costruito sulla base di suggestioni fisiche, emotive e visive, rubate nelle vie di Meina, assorbite e impresse nei nostri corpi e restituite al pubblico attraverso la rielaborazione astratta e al contempo narrativa della danza.
La performance ha una struttura coreografica malleabile e sensibile all’ambiente in cui avviene, di cui mira a cogliere l’aspetto poetico ed evocativo.

Inizio performances
h 19.00

Senza Confini Di Pelle è un progetto di sperimentazione sul linguaggio delle arti performative nato a Torino nel 2002. Il nucleo di Senza Confini Di Pelle è composto da Dario La Stella e Valentina Solinas. Ogni lavoro è uno studio critico sul mondo contemporaneo attraverso l’elaborazione di contenuti politici ed elementi performativi. La ricerca è focalizzata alla produzione di senso nel fare artistico: ogni opera è un lavoro originale nato da un’idea concettuale. Senza Confini Di Pelle trova la sua massima espressione nello spettacolo dal vivo utilizzando il corpo come elemento centrale della sua ricerca, sintetizzando danza, teatro, video e testo in un unico contenitore performativo. Senza Confini Di Pelle si muove in contesti molto differenti: festival internazionali di arte performativa, progetti con i cittadini, workshop con le Università, scambi culturali internazionali, spettacoli e performance di arte performativa.
Nel 2011 la compagnia ha rappresentato lo spettacolo “15 Landscapes” in due teatri a New York City e ha condotto un seminario sulla performance all’università di Washington – Bothell, Seattle.
Con il progetto internazionale ADD UP inizia nel 2011 una collaborazione con realtà e residenze artistiche nazionali e internazionali tra cui Sala Crisantempo, – Istituto Italiano di Cultura di San Paolo – compagnia Nucleo De Garagem – SESC SP Santo Amaro (San Paolo – Brasile), Mecklenburg Inspiriert (Kuhlungsborn – Germania), Festival La Piattaforma – Mosaico Danza/ Festival INTERPLAY (Torino – Italia), Urban Barriera di Milano (Torino – Italia), A di città Festival (Rosarno – Italia), DAMS di Torino, Artegiovane Torino, Les Brigittines (Belgio), La Briqueterìe (Francia), Zamek (Polonia)
Nel 2013 ”Add Up Space and Power” è uno dei 3 progetti coreografici selezionati per “Metamorphoses”, progetto che si svilupperà tra il 2013 e il 2014 con il supporto del Programma Culturale dell’Unione Europea avviato da: La Briqueterie Centro per lo Sviluppo Coreografico Val de Marne (Vitry-sur-Seine – Francia), Les Brigittines Centro Arte Contemporanea per il Movimento (Bruxelles – Belgio) e il Centro Culturale Zamek (Poznan – Polonia).

Dario La Stella
Danzatore, coreografo, autore, regista e performer.
Nato a Torino, Italia nel 1972. Studia danza e teatro e lavora tra gli altri con Raffaella Giordano, Judith Malina (Living Theatre), Roberto Castello, La Fura dels Baus. Dal 1997 conduce una ricerca personale sulla performatività del corpo, sviluppando la sua idea di azione performativa. Premio come miglior attore ai Film Festival di Valencia e Chianciano Terme con il cortometraggio La Bumba (2006). Nel 2002 ha fondato il progetto di ricerca sul linguaggio delle arti performative Senza Confini Di Pelle dove lavora come autore, regista, coreografo e performer. Dal 2008 conduce seminari per il CRUD (Centro Regionale Universitario per la Danza), Università di Torino – Facoltà di Scienze dell’Educazione. Nel 2008 ha fondato il progetto di residenza artistica Reiss Arti Performative. Laureato in Comunicazione Interculturale presso l’Università di Torino.

 Valentina Solinas
Danzatrice, regista e performer.
Nata a Genova, Italia nel 1973. Dal 1998 al 2001 studia danza e teatro presso la scuola del Teatro Nuovo di Torino . Nel 2004 si diploma presso la Scuola Professionale delle Arti Teatrali Teatranzartedrama di Torino, studia inoltre con Adriana Innocenti, Raffaella Giordano, Roberto Castello, Giorgio Rossi, Emma Dante, Cristina Castrillo. Tra il 2006 e il 2007 scrive e dirige insieme a Dario la Stella la sit-com “Banchi” per il progetto Antropop, con gli attori non professionisti del mercato di piazza Foroni, Torino. Dal 2004 fa parte di Senza Confini Di Pelle dove lavora come autrice, regista e interprete. Lavora tra gli altri con Tino Sehgal e Roberto Castello. Laureata in Psicologia presso l’Università di Torino.

www.senzaconfinidipelle.com
http://metamorphoses2014.wordpress.com/2013/04/15/the-selected-are/

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

Als de wolf van Huis is (Quando il lupo non è in casa) @ Museo di Villa Faraggiana
lug 24 – lug 26 all-day

Wolf35_©Sven Van Gestel.jpg

25/26/27 luglio 2013 (24 luglio preview)
Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

Als de wolf van Huis is (Quando il lupo non è in casa)
di DeGeneraal / Jean-Marie Oriot (Belgio)
con la collaborazione di Thomas Roper (Spagna/Nuova Zelanda)
Installazione interattiva e performance
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

C’è un bosco in una sala. Gli alberi sono di cartone, alcune storie sono appese ai loro rami, una dolce musica proviene da dentro i loro tronchi. Alcuni sono più di semplici alberi… Ma questo piccolo bosco è anche il luogo dove il lupo vive.
Se avete coraggio, andate a fare una passeggiata tra quegli alberi. Con i tuoi genitori, coi tuoi fratelli o sorelle, con tua zia o tuo nonno, coi tuoi figli…
Nella casa di Cappuccetto Rosso troverete tutto il necessario per trascorrere al sicuro del tempo di qualità. Otterrete un cestino da picnic. In cui vi è la torta di Cappuccetto Rosso. Gretel ha cucinato alcuni deliziosi biscotti per lei e suo fratello ha preparato un bel tè caldo. Cenerentola si prese cura delle bevande fresche. Il lupo è lontano da casa, per un po’… Ha lasciato il suo posto e le sue cose senza pensare che qualcuno avrebbe osato venire a ficcare il naso. Fate molta attenzione se si passa attraverso la sua roba. Il lupo ha un fiuto incredibile ed è un incredibile inseguitore.
Godetevi un piacevole pic-nic nel bosco, prima che ritorni…

Ingressi
h. 17.00, 18.30, 20.00

Il progetto
Als de wolf van Huis is (quando il lupo non è a casa) non è uno spettacolo. Si tratta di una installazione interattiva, una struttura in cui un gruppo di persone (famiglia, amici) si riuniscono e trascorrere del tempo insieme, fuori dalla vita di tutti i giorni. Fare qualcosa di ordinario, divertente e amichevole – un picnic – in un ambiente non-così-ordinario – un impianto di plastica – è un modo fantastico di creare una situazione in cui le cose che di solito non di dicono o di solito non accadono, si dicono e si verificano. Innescando così anche la fantasia dei bambini.
Da un punto di vista formale, con Als de wolf van Huis is, De Generaal esplora un nuovo modo di fare teatro senza attori. Perché una delle sua dichiarazioni principali è che tutti gli elementi scenici che costruiscono una performance (set, attori, suono, luce, oggetti di scena…) devono essere portati allo stesso livello di percezione e di espressione, senza gerarchia.
Il lupo è un personaggio della tradizione europea. È l’archetipo di ciò di cui abbiamo paura. Della paura che vive dentro ognuno di noi di fronte alla vita, rappresentata dalla foresta. Il lupo si nasconde nella foresta attraverso cui dobbiamo passare.
Invitando a venire a godere di un pic-nic nel luogo in cui il lupo vive, creiamo un’occasione per affrontare le nostre paure e giocare con loro.
La foresta, come la vita, è contrassegnata da momenti ludici, momenti di calma, tristi, creativi o poetici, ma è anche il luogo dove il lupo è. Circondato da nostri cari, ci sentiamo più forti nell’avvicinarci con prudenza a questo luogo, scoprirlo con calma e fiducia, relativizzare la nostra paura, prenderci gioco di lui…
Forse alla fine si comprenderà che, per essere in grado di godere del nostro viaggio attraverso la vita e la foresta, l’unica cosa di cui vale la pena avere paura è la paura stessa.

De Generaal / Jean-Marie Oriot
Jean-Marie Oriot ha studiato Belle Arti in Francia e dal 1992 lavora come pittore di palco, scultore, creatore di oggetti di scena e dal 1996 come scenografo, per diversi registi, compagnie e produzioni di tutto il mondo.
Dal 2010, è un membro del INHEPI, un network internazionale di artisti Indépendants, co-fondato con Sara Topsøe Jensen (Carte Blanche, Danimarca) e Antonella Cirigliano (LisLab, Italia). Ha co-fondato nel 2007 De Generaal, in Belgio, una casa di produzione e di creazione di installazioni sensoriali sperimentali e spettacoli sulla «poetica dello spazio.

Thomas Roper
Inglese ma cresciuto in Nuova Zelanda, nel 1994 entra nel Teatro de los Sentidos come capo della progettazione e della produzione. Ha viaggiato molto attraverso l’Europa e il Sud America, installando grandi labirinti multisensoriali. Dal 2000 ha intrapreso la carriera solista nella scultura, installazione e pittura.
http://degeneraal.eu

Prenotazione obbligatoria

Servizio Navetta gratuito da/per Museo della Villa Faraggiana:

Nei giorni 25-26-27 luglio sarà a disposizione del pubblico un servizio navetta gratuito per il Museo della Villa Faraggiana con partenza e arrivo da piazza Carabelli, con frequenza e orari ancora da definire.

Per prenotare gratuitamente le visite clicca qui.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

Cicloinstallazione per velocipedi sonori @ Via Viotti
lug 24 – lug 25 all-day

Pane e Mate Cicloinstallazione

25/26 luglio 2013
via Viotti, Meina (NO)

Cicloinstallazione per velocipedi sonori
Installazione interattiva con Teatro Laboratorio di Figura Pane e Mate (Italia)
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La bicicletta e la musica hanno in comune il potere magico che eleva chi le sperimenta nelle alte sfere di spazi insospettati popolati da sensazioni deliziose e sorprendenti. Il telaio dell’arpa o quello della bicicletta, il rullio delle ruote o quello del tamburo, i pedali dell’organo o quelli del velocipede sono piccoli indizi di implicazioni e assonanze immaginarie che portano lontano.
“Cicloinstallazione per velocipedi sonori” è una grande installazione rivolta a bambini, genitori e ragazzi. Comprende una serie di macchine sonore realizzate con materiale ciclistico e laboratori creativi dedicati a bambini, genitori e ragazzi.
Nell’installazione gli spettatori potranno sperimentare attivamente, accompagnati da alcune guide, il suono del diaposon-forcella, ma anche la pompa a coulisse, la pedaliera-xilofono, il telaio-triangolo, il flauto-manubrio, il cerchionofono e mille altri strumenti della fanfara ciclistica.

Durata
2 giorni

Orario
h.17.00 alle 21.00

Teatro Laboratorio di Figura Pane e Mate
Pane e Mate è un Associazione Culturale con sede a Fallavecchia, antico borgo agricolo del Parco del Ticino a due passi dall’abbazia di Morimondo. Qui ha trasformato una scuola media inutilizzata da anni nella sua SCUOLA DELLA FANTASIA, un luogo a due passi da Milano dedicato a bambini di tutte le età, dove poter vivere una giornata a contatto con la natura, ma soprattutto essere coinvolti in allestimenti teatrali dove sia possibile sperimentare una proposta di educazione multisensoriale, un vero e proprio “viaggio sensoriale”.
http://www.teatropanemate.it

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

La danza in 1 minuto @ Via Viotti
lug 24 – lug 25 all-day

 

Sola_HannaShaktiBuhler_LaDanzaIn1minuto

25/26 luglio 2013
Via Viotti, angolo piazza Carabelli – Meina (NO)
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La Danza in 1 minuto
Proiezione video
Ideazione e conduzione Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte (Italia)
Presentazione a cura di Lucia De Rienzo (25 luglio ore 17.00, 26 luglio ore 21.00)

La danza in 1 minuto è un contest nazionale di video di danza, un progetto promosso e curato da COORPI in collaborazione con Cinedans (NL), il più longevo e prestigioso festival internazionale di video danza in Europa. Un’opportunità per esprimere, attraverso un video della durata di 60”, quali significati possa assumere la danza nel senso più ampio del termine.
Un’occasione di promozione della cultura della danza.
http://vimeo.com/coorpi

Orario
h 17.00 – 21.30

COORPI – Coordinamento Danza Piemonte
COORPI è un’associazione culturale, costituita nel 2002, con lo scopo di valorizzare le realtà coreutiche presenti sul territorio e sostenerne lo sviluppo professionale e creativo. La disseminazione e condivisone di informazioni, la documentazione, l’arricchimento della proposta formativa, la ricerca, la promozione nel rispetto dell’eterogeneità delle espressioni coreutiche e la sensibilizzazione di nuovi pubblici, sono fra gli obiettivi primari dell’associazione.
www.coorpi.org

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

 

L’affondamento non completo @ Piazza Carabelli – Meina (NO)
lug 24 – lug 26 all-day

©Beck -Studio barca 2 seppia

25/26/27 luglio 2013
Piazza Carabelli – Meina (NO)

L’affondamento non completo
di Christian Beck (Germania)
Installazione
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La barca è sbarcata.
Gli argonauti sono scomparsi.
Dal largo chiamano soltanto i cigni.
Un relitto fatto di canna comune (bamboo) e corda di fibre sisal.
Sulla posizione 45°47’24” nord e 8°32’16” est
Nella piazza Carabelli di Meina.

Christian Beck
Pittore, grafico, scenografo. Nato a Jena, Germania. Studia scenografia presso l’Accademia d’Arte di Berlino. Associato per molti anni con il regista Enrique Vargas e il Teatro de los Sentidos, che svolgono i loro spettacoli a Bogotà, Lubiana, Londra, Aarhus e Modena. Come pittore, freelance stage e costume designer vive e lavora tra Berlino e Lipsia.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

So Stare (questo tempo e questo luogo) @ Museo di Villa Faraggiana
lug 24 – lug 26 all-day

©Amat SoStare

25/26/27 luglio 2013
Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

So Stare (questo tempo e questo luogo)
di 
Francesca Amat (Italia)
Installazione d’interazione
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Gli alberi dei giardini sono testimoni anziani e profondi, accompagnano la vita in totale silenzio.
Alcune sedie bianche, diverse tra loro, su cui sedersi e sostare, di fronte al grande e pacifico lago.
Insieme agli alberi in ascolto e all’abbraccio del lago che leviga i rami rendendoli bianchi, i visitatori potranno diventare come quegli alberi muti, testimoni di un luogo, parte integrante dell’installazione e attori di un gesto. Ciascun ospite esplorerà lo spazio per giungere ad un cerchio il cui centro è un giovane albero, dal cerchio partono sedici sentieri. Ciascuno potrà sceglierne uno, lo porterà alla sedia a lui destinata, sopra la sedia troverà un legno e un lembo di stoffa. Si potrà sedere, indossare gli auricolari ascoltare un brano che porta in un campo profondo e contemplare la vastità del lago.
Sedie dimenticate nelle cantine del tempo ora appaiono in un giardino per offrire l’occasione di sospendere i pensieri e di compiere un piccolo gesto. Le sedie saranno luoghi di memoria, come alberi.
Terminato il momento contemplativo, ognuno potrà prendere il proprio legno insieme alla striscia di stoffa che simboleggia il suo nome, potrà avvolgere il legno con la stoffa o semplicemente appoggiare la stoffa sul legno e poi tornare lungo il sentiero da cui è venuto e posare il proprio legno all’interno del grande cerchio dove sorge l’albero e da cui si diramano i sentieri. Si formerà così un’installazione via via in work in progress, legno su legno, nome su nome, all’interno del grande cerchio . Questo grande cerchio conterrà simbolicamente tanti nomi avvolti nei legni bianchi, scolpiti e restituiti dal lago, scelti e donati da tutti coloro che in questo tempo hanno contemplato questo luogo con lo stesso profondo silenzio degli alberi.
Il mandala di partenza sarà creato dall’artista, su questo le persone potranno aggiungere legni e pezzi di stoffe. Al termine dei tre giorni avremo un mandala scultoreo, realizzato dall’artista a dai visitatori.
L’installazione è accompagnata da un brano musicale comune a tutte le sedie, ascoltabile attraverso appositi auricolari. La comunità dei visitatori parteciperà di un comune ascolto.
Il brano ogni tanto muove suoni antichi di campana e con campana conclude. Bordoni in tensione forte accarezzati dal flauto con sentinelle e morbidi presagi di esseri acquatici in lontananza, per sentire il lago vicino, tenendo il legno in mano.

Credits musicali
Il brano musicale utilizzato nell’installazione è: “Salmo Leviatanico n° 2”, di Corrado Fantoni e David Monacchi; tratto dall’opera “RDHEK”.
Corrado Fantoni, symphonia e organo a canne
David Monacchi, flauto bansuri in Si b

Orario
h 17.00 – 18.00 – 19.00 – 20.00

Prenotazione consigliata

Francesca Amat
Artista poliedrica, si muove attraverso i linguaggi propri delle varie arti intersecando pittura, teatro, musica, performance.
Numerose le collaborazioni con altri artisti, tra cui Alberto Casiraghi (edizioni Pulcinoelefante), Alda Merini ed il compositore Corrado Fantoni. Da molti anni si dedica anche all’ attività pedagogica, con laboratori creativi per adulti, bambini e disabili. In un percorso di 20 anni ha ideato e condotto fiabe sul tema dell’ ecologia e dei diritti umani per scuole, centri diurni, carceri, della provincia di Milano,Novara e Verbania.
Ha fondato l’Associazione Zeusperendi e in seguito L’Atelier del Vento. Vive a Meina, sul Lago Maggiore.
https://www.facebook.com/AtelierDelVento
http://www.atelierdelvento.it/
https://www.facebook.com/francesca.amat.1/photos

Servizio Navetta gratuito da/per Museo della Villa Faraggiana:

Nei giorni 25-26-27 luglio sarà a disposizione del pubblico un servizio navetta gratuito per il Museo della Villa Faraggiana con partenza e arrivo da piazza Carabelli, con frequenza e orari ancora da definire.

Per prenotare gratuitamente le visite clicca qui.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

lug
25
gio
2013
Bandanza @ Centro storico di Meina e lungolago
lug 25 – lug 27 all-day

Paola Colonna_Bandanza

25-26-27  luglio 2013 – laboratorio
27 luglio 2013 – performance
Centro storico di Meina (NO)

Bandanza
Performance e laboratorio di danza
Ideazione Paola Colonna / Associazione Didee
Cast/Staff Paola Colonna / Banda di Invorio / 15-20 danzatori e danzatrici
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Scopo del progetto è quello di unire, condividere e contaminare diverse competenze artistiche e stilistiche, per meglio valorizzare l’arte performativa e spettacolare. Paola Colonna, che svolge da anni un lavoro di valorizzazione dell’arte tersicorea in ambito cittadino e non solo, ha avuto in precedenza la possibilità di sperimentare la propria esperienza coreografica e registica nella costruzione di eventi performativi di gruppi molto numerosi ed eterogenei (coreografia di gruppo con 100 danzatori per Spettacolo di Gabriele Vacis “Vocazione set”, con 300 danzatori di Io danzo, e Valenza Po con almeno 100 danzatori). In questo caso si darà vita ad un intervento di “coreografia” sul territorio urbano, coinvolgendo allievi delle scuole dell’obbligo, allievi di scuole di danza o teatro o la stessa cittadinanza che vuole essere coinvolta, sotto forma di Parata accompagnata dalla musica dal vivo della Banda Musicale di Invorio che sfila per le vie cittadine.
Il format, già sperimentato in altri contesti, ha permesso un forte coinvolgimento del pubblico e permettendo di fruire dello spettacolo in modo più incisivo.

La performance (27 luglio 2013, h. 21.00)
Scopo del progetto è quello di unire, condividere e contaminare diverse competenze artistiche e stilistiche, per meglio valorizzare l’arte performativa e spettacolare.
Paola Colonna, che svolge da anni un lavoro di valorizzazione dell’arte tersicorea in ambito cittadino e non, ha avuto in precedenza la possibilità di sperimentare la propria esperienza coreografica e registica nella costruzione di eventi performativi di gruppi anche molto numerosi ed eterogenei.
In questo caso si tratterebbe di creare un intervento di coreografia sul territorio urbano sotto forma di Parata accompagnata dalla musica dal vivo della Banda Musicale di Invorio che sfila per le vie cittadine.
Il format, già sperimentato in altri contesti, ha permesso un forte coinvolgimento del pubblico e permettendo di fruire dello spettacolo in modo più incisivo.

 Il laboratorio (25-26-27 luglio 2013)

Il laboratorio avrà la durata di 3 giorni di almeno 4 ore ciascuno aperto a tutti e non solo ai danzatori, ma anche a tutti i giovani e gli adulti interessati ad aderire al progetto.
Nel laboratorio si creerà la coreografia semplice ed efficace da inserire nella marcia della Banda Musicale di Invorio che il giorno dello spettacolo, sfilerà per le vie del Paese, coinvolgendo il pubblico di passaggio.
Camminate e movimenti d’insieme accompagneranno le note delle musiche tradizionali bandistiche, in un percorso prestabilito e soprattutto accessibile per il passaggio della Banda e delle azioni coreografiche.

Durata/tempistiche
25-26-27 luglio 2013

Orario
h. 10.00 – 13.00

Età
Bambini, giovani, adulti

Iscrizione
GRATUITO con tesseramento all’Associazione
MODULO DI ISCRIZIONE AI LABORATORI

Paola Colonna

Dal 1970 al 1982 studia danza classica con Loredana Furno, Giulio Cantello, Dennis Wayne (New York), facendo parte della Compagnia di Torino della Furno.
Nel 1983 passa alla danza moderna presso il Teatro Nuovo di Torino; in questo ambito crea la sua compagnia Rapatika, che si è esibita in numerosi festival e rassegne nazionali ed internazionali. Più tardi si avvicina alla danza contemporanea studiando, tra gli altri, con Peter Goss, Roberto Castello e Julie Anne Stanzak della Pina Bausch TanzTheater.
Contemporaneamente si è dedicata alla didattica e gestisce da diversi anni lo spazio-danza GENE’5 nella città di Torino. È stata il presidente dell’Associazione Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte e dal 2003 è ideatrice, organizzatrice e direttrice artistica de La Piattaforma.
http://www.lapiattaforma.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=50&Itemid=220

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

Elektronic Lyset – concerto al buio dedicato alla luce @ Lido di Meina
lug 25 @ 19:30

Elektronic Lyset

25 luglio 2013
Lido di Meina – Meina (NO)

Elektronic Lyset – concerto al buio dedicato alla luce
Concerto di Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana (ideazione in collaborazione con Margherita Hack)
Esecuzione Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana, Cristiano Calcagnile
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

La storia che vorremmo raccontare è in realtà l’intreccio di più storie e più vite che si snodano nell’arco di duemila anni; la prima è quella di Re Magnus il cieco che nasce a Skjeberg isolata cittadina nel cuore della Norvegia, diviene re a soli 13 anni e a 18, ferito in battaglia da un nemico perde la vista, regnando così nell’oscurità per il resto della vita.
La seconda storia, 800 anni dopo, è quella di Erik Stordhal nativo della stessa cittadina e cieco dalla nascita che decide, una volta ereditata la fattoria di suo padre di edificare un monumento al Re guerriero e attorno a questo creare un centro culturale, lo Storedal Kultursenter dedicato ai non vedenti . All’interno di questa contesto che comprende sculture, padiglioni culturali e storici, percorsi di apprendimento per non vedenti nel 1974 viene inaugurata una scultura sonora ‘Ode til lyset’ (ode alla luce) realizzata dallo scultore Arnold Haukcland e dal compositore norvegese Arne Nordheim, pioniere assoluto della musica elettronica contemporanea.
La scultura a forma due braccia rivolte al cielo stilizzate, alta venti metri e disseminata di diffusori acustici lungo il tronco ed i rami trasforma la luce in suono.
Attraverso i sensori di cui è disseminata e di un computer posto all’interno del corpo centrale, cattura anche le minime variazioni di intensità e gradazione di luce ed altri parametri legati all’umidità dell’aria ed  al vento per pilotare i campioni sonori creati da Nordheim e cambiarne l’intensità, il tipo e la provenienza in tempo reale, creando così una riproduzione sonora della luce e degli eventi atmosferici mai uguale a se stessa.
La terza storia è quella di Marco Olivieri che nel 2009, con il consenso dello stesso compositore ormai in punto di morte, accampato direttamente sotto la scultura registra ,con un complesso sistema di microfoni posizionati sugli assi cardinali, per sei giorni e sei notti ininterrottamente i suoni e le provenienze che vengono da lei prodotti per poi rimescolarli, ricombinarli in una originale ed inedita rielaborazione elettronica dal vivo: una ricostruzione di una giornata impossibile in cui l’alba e il tramonto si fondono, il sole e la pioggia coesistono, e il vento e la sua assenza sono contemporanei.Agli effluvi musicali che costituiscono il tappeto sonoro del lavoro abbiamo integrato testi, parole, poesie che parlano e raccontano la luce quasi fosse una sorta di narrazione primigenia che ci consente di attraversare il tempo.
Quello che Elektronic Lyset si propone è di rimanere fedele il più possibile all’intento degli autori e del loro mecenate ‘ fare ascoltare la luce ‘ , coglierne i suoni e le vibrazioni come se d’improvviso ci trovassimo nell’oscurità più nera della notte.

Orario
h 21.30
Ingresso gratuito (dalle h. 20.00 alle h.21.30 ricco buffet a 5 €)

Storico
Elektornic Lyset è stato presentato al Festival Drodesera nel 2009 nella forma esclusiva di concerto eseguito all’alba.
Nel 2010 è stata aggiunta la struttura narrativa ed è stato presentato in forma di “evento speciale” al Festival della Letteratura di Mantova con la collaborazione e la presenza scenica di Margherita Hack.
A partire dalle due esperienze precedenti il progetto ha assunto la forma che attualmente proponiamo, mantenendo la compresenza della parte musicale e narrativa e modificandosi ogni volta nell’allestimento a seconda del luogo di spettacolo.
La proposta viene realizzata con la presenza di Marco Olivieri, Fabrizio Orlandi, Claudio Ponzana ed un ospite speciale invitato a collaborare ogni volta sul progetto.
L’ospite speciale che parteciperà alla versione presentata a Villaggio d’Artista 2013 è il percussionista Cristiano Calcagnile.

Fabrizio Orlandi
Nato a Modena il 2/3/1957, dal 1981 è operatore culturale e teatrale e ha collaborato con diverse realtà istituzionali come il Comune di Modena, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Festival del Teatro in Piazza di Santarcangelo di Romagna. Di formazione tendenzialmente eclettica ha svolto diverse funzioni: organizzatore, tecnico, drammaturgo e in alcune occasione anche attore. È direttore tecnico del Festival Vie Scena Contemporanea. E’ stato direttore tecnico del Festival Santarcangelo dei Teatri nel periodo 2009-2012. A luglio 2011 ha ricevuto il Premio della rivista “Lo Straniero” per la sezione Teatro.

Marco Olivieri
Fonico, sound designer e compositore ha collaborato con molti musicisti e artisti di fama internazionale sia in live che in studio. Operando da molti anni anche in ambito teatrale ha potuto affinare competenze e gusti che travalicano i consueti confini di genere realizzando progetti e ricerche sulla spazializzazione sonora e sulla sonorizzazione di spettacoli multidisciplinari.Attualmente collabora come sound designer al prossimo progetto produttivo di Bob Wilson, che debutterà al Festival di Manchester 2013.

Claudio Ponzana
Nato nel 1966; si occupa di teatro dal 1988. Ha lavorato come attore, tecnico e organizzatore. Dal 2000 al 2004 ha lavorato con Enrique Vargas e il Teatro de los Sentidos, con il quale ha realizzato numerose esperienze internazionali.
Dal 2001al 2010 ha lavorato con il Teatro delle Ariette in Italia ed Europa come organizzatore e attore.
Attualmente la sua principale attività è la cura della distribuzione internazionale del Teatro de los Sentidos, e continua la sua attività come attore, ideatore e realizzatore di eventi culturali.

Cristiano Calcagnile
Nasce a Milano nel 1970, nel 1990 entra a far parte della prestigiosa classe di percussioni del Professor David Searcy (già timpanista del Teatro alla Scala), Mike Queen e Jonathan Scully, presso la Scuola Civica di Milano, dove si diploma. Si specializza in musica jazz presso l’accademia di Siena Jazz e dal 1995 comincia l’attività di musicista professionista svolgendo tournée e concerti in importanti festival, rassegne e club in Giappone, Australia, Brasile, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia, Svezia, Indonesia, Tunisia, India, in tutta Italia ed Europa.

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

lug
26
ven
2013
Gommapiuma e natura @ Piazza San Carlo
lug 26 all-day

@Carnevalspettacolo

27 luglio 2013
Piazza San Carlo – Meina (NO)

Gommapiuma e natura
Parata e laboratorio
Organizzazione Associazione LIS lab Performing Arts
Cast/Staff Associazione Carnevalspettacolo
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

Il laboratorio
Due o più operatori muniti di forbici adatte, colla, gommapiuma neutra e colorata, cartamodelli e pezzi pretagliati per i più piccoli, assistono i bambini nella realizzazione di creazioni (sia le orecchie di Pimpa che di Lupo Alberto, sia forme preparate con cartamodelli che assolutamente libere) che poi potranno tenere.
Il principio è quello di stimolare la manualità e la fantasia!

Orario
Laboratorio: h 17.00 – 21.00

Associazione Carnevalspettacolo
L’associazione Carnevalspettacolo si costituisce nel 1997, per rinnovare la tradizione secolare del Carnevale di Ghemme. . I costumi sono realizzati in gommapiuma, la caratteristica principale di Carnevalspettacolo Dedica la manifestazione alle grandi firme del fumetto e dell’illustrazione come Jacovitti, Altan, Silver e Mordillo. Le creazioni spesso vengono richieste dagli Autori per fare da contorno ad altri eventi in molte parti Italia. L’Associazione è in grado di allestire ovunque mostre e i laboratori di manipolazione della gommapiuma.
http://www.carnevalspettacolo.com/

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

K Two di Cie Nicole Seiler @ Centro Storico di Meina
lug 26 @ 16:00

NicoleSeiler_KTwo_04_©Guillaume Perretweb

26 luglio 2013
Centro storico – Meina (NO)

K Two di Cie Nicole Seiler
di Cie Nicole Seiler (Svizzera)
Intervento di danza urbana
Ideazione e coreografia Nicole Seiler
In collaborazione con Kylie Walters
Danzatrici Nicole Seiler – Young Soon Cho Jaquet
Costumi Claude Rueger
Tour manager Tutu Production
Nell’ambito di Villaggio d’artista – Meina 2013

K Two è una performance improvvisata basata sul personaggio di Madame K (multimedia assolo coreografico 2004). Due danzatori esplorano i limiti dei movimenti dei personaggi di un videogioco attraverso il corpo umano. Come negli spettacoli di strada, questa performance mette in scena il videogame e i due individui catturati al suo interno in uno spazio pubblico.
«Vicino alla fontana nel centro del paese una folla si è riunita in cerchio intorno agli artisti, i quali imitano i movimenti dei personaggi dei videogiochi. Sono molto convincenti. Gli occhi degli esecutori sono fissi, senza espressione. Nicole Seiler e Kylie Walters si spostano entrambi in linea retta, con movimenti a scatti simili a quelli di un robot. Il loro lento modo di camminare fa pensare a dei personaggi fatti di pixel.»

Ana Cardoso – L’Express – 16 luglio 2008

Durata
½ h

Orario
h. 18.00

Nicole Seiler
Nata nel 1970 a Zurigo, Nicole Seiler ha studiato danza e teatro presso la Scuola Teatro Dimitri a Verscio (CH), presso la Vlaamse Dansacademie a Bruges (BE) e Rudra Béjart di Losanna (CH). Come performer ha collaborato a numerose produzioni diverse, con aziende come Cie Buissonnière, il Teatro Malandro, Alias ​​Compagnie, il Cie Philippe Saire e Massimo Furlan. Ha creato una propria azienda a Losanna nel 2002.
Nell’approccio artistico di Nicole Seiler l’immagine e il video giocano un ruolo decisivo. La sua ricerca multimediale, che coniuga danza e video, dà luogo a spettacoli di danza molteplici, video e installazioni coreografiche. Negli ultimi anni ha creato un ciclo di spettacoli incentrati sul rapporto tra immagine e suono. Dal 2004 la società ha compiuto un tour a livello internazionale. Nel 2009 Nicole Seiler ha ricevuto il premio culturale per la danza dalla Fondation Vaudoise pour la Culture.
http://www.nicoleseiler.com/en/projects/k-two/ 

Info

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
Facebook: Villaggio d’artista

set
14
sab
2013
In Sale – Performance Armati/Cola @ Lab Comacina e Fiume
set 14 all-day

Arspolis 3

14 settembre 2013
Lab Comacina e Fiume (Viale Cassarate e via Capelli), Lugano

In Sale
Performance di Filippo Armati e Francesca Cola
nell’ambito di Arspolis 3 -Pánta rhêi hōs potamós

Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel medesimo stato, ma a causa dell’impetuosità e della velocità del mutamento essa si disperde e si raccoglie, viene e va.

Eraclito

Arspolis organizza il suo annuale appuntamento, che giunge alla quarta edizione, invitando un gruppo d’artisti svizzeri e internazionali a presentare lavori sul tema dell’acqua. Uno degli obiettivi di questo evento arspolis, come progetto culturale e sociale incentrato sull’arte contemporanea, è il coinvolgimento della popolazione nell’ambito della sensibilizzazione sull’importanza fondamentale dell’acqua, della sua conservazione, del suo uso per la vita, nonché del suo valore ancestrale e simbolico.

L’occasione dell’intervento di riqualifica della foce, che grazie alla sua proposta innovativa, in linea, come si legge dal sito ufficiale della città, con le più recenti disposizioni federali in materia di gestione dei corsi d’acqua, farà diventare il fiume finalmente accessibile e usufruibile come spazio per il tempo libero, è anche l’occasione da non perdere per Arspolis di interessarsi al risultato che potrebbe scaturire dall’unione della progettualità mentale, libera e disinvolta dell’arte con la pianificazione reale di un territorio soggetto a un radicale cambiamento, che in questo caso coinvolge l’area della foce del fiume Cassarate.

L’area di intervento scelta per la manifestazione di quest’anno è localizzata attorno all’ultima parte di fiume tra il penultimo e l’ultimo ponte stradale, che è situato appena prima della foce. Gli artisti si confronteranno con il tema dell’acqua lavorando concretamente a contatto con il fiume e con il lago. Le opere d’arte saranno studiate e realizzate in rapporto diretto con questi beni preziosi e diventeranno stimolo per discussioni sulla realtà e sulle sue specificità contestuali, la sua storia, il suo territorio e la sua gente. Si solleveranno questioni di pubblico interesse così da coinvolgere i visitatori presenti in un’analisi inevitabile delle proprie abitudini e delle proprie priorità. Tutte le produzioni saranno presentate in vari allestimenti, che si distribuiranno lungo i due marciapiedi alberati a fianco del fiume, fino ad arrivare negli spazi interni ed esterni del Lab Comacina. Anche per quest’anno sono stati invitati alcuni editori per presentare le recenti produzioni legate al mondo dell’arte. L’entrata all’evento è completamente gratuita e sarà allestita un’area bar nelle vicinanze.

La performance di Armati e Cola, in linea con il tema del festival, si svilupperà in maniera interattiva e avrà luogo più volte nell’arco della manifestazione. Il pubblico potrà indossare delle cuffie per seguire le performance.

“Questa impostazione ci ha portato a riflettere sull’acqua e su uno degli elementi che identifica maggiormente l’acqua: l’acqua dolce e l’acqua salata. Siccome la Svizzera non ha il mare, i corsi che attraversano e costeggiano Lugano sono tutti corsi di acqua dolce. Al contrario molte coste dell’Italia sono bagnate dall’acqua salata, e quindi è un elemento molto presente anche nell’immaginario delle persone. Con questa collaborazione italo-svizzera Cola-Armati, vorremmo provare a sostituire simbolicamente per una sera, durante la manifestazione con la nostra proposta performativa, quel “sale” che manca.”

Francesca Cola / Filippo Armati

Artisti invitati
Said Afifi (MA), Filippo Armati (CH) & Francesca Cola (I), Janet Bellotto (CAN), Marco Bongiorni (I), Alex Dorici (CH), Lucas Herzig (CH), Martina Jacoma (CH), Hektor Mamet (CH), Marta Margnetti (CH), Natasha Melis (CH), Dario Pecoraro (I), Tommaso Pedone (I), Sandrine Pelletier (CH), Javier Peñafiel (E), Angelo Sarleti (I), Jalal Sepehr (IR), Sidi Vanetti (CH) & Andreas Gysin (CH)

Orario
dalle 18.00 alle 24.00

Arspolis 3
In collaborazione con

Arte Urbana Lugano, Dicastero Giovani ed Eventi Città di Lugano, Visarte Ticino, Lugano Level, Artribune, PerCorpi Visionari (Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007 – 2013 su Fondo FESR e con Regione Piemonte e Canton Ticino), Associazione LitroCentimetro, Performa Festival

Con il sostegno di
Fondo Cantonale Swisslos, Clément Project, PURO design Locarno

Info
Associazione LitroCentimetro
litrocentimetro@corpivisionari.eu

http://www.arspolis.ch/index.html

Pagina ufficiale dell’evento: www.arspolis.ch/event3.html
Pagina facebook: www.facebook.com/arspolis

 

ott
2
mer
2013
Performa Festival 2013 @ Losone
ott 2 – ott 4 all-day

Performa_Festival2013

3/4/5 ottobre 2013
Losone, Locarno, Bellinzona

Performa Festival è arrivato alla sua quarta edizione! Il festival che promuove la creatività, dando rilevanza alle arti sceniche, ha ottenuto riconoscimenti importanti e si profila nel panorama culturale ticinese come una delle manifestazioni più effervescenti e dinamiche. Quest’anno moltissimi gli artisti che si esprimeranno in questa piattaforma, mettendo in gioco la loro fantasia con la complicità e l’entusiasmo del pubblico.

Spettacoli, installazioni, performance urbane, concerti, video invaderanno Losone, ma anche Locarno e Bellinzona per un evento che si preannuncia stimolante, coinvolgente e spettacolare.

A Bellinzona, Giovedì 3 ottobre, l’anticipazione! Dalle ore 19.00, in collaborazione con la storica Osteria dello Zoccolino ci sarà un simpaticissimo concerto , tutto da scoprire. A seguire, in collaborazione con il Teatro Sociale, andrà in scena lo spettacolo del gruppo Barokthegreat: una sfida al movimento e al ritmo, una sfida alle percezioni.

Venerdì 4 Ottobre dalle 19.00 avrà luogo l’inaugurazione vera e propria del festival in quella che è la sua sede storica, La Fabbrica di Losone. Il vernissage vedrà coinvolti gli artisti visivi Hector Mamet, Veronica Tanzi, Elisa Bollazzi e Laura Solari, che invaderanno gli spazi della struttura con le loro opere/installazioni. Il concerto del trio Pervanger, Colatrella, Lupazzi, allieterà la serata sulle note di un sound Bossanova. Il collettivo basilese Inouite coinvolgerà spettatori singoli in un’installazione interattiva che mette in gioco il proprio destino. Si potrà fin da subito seguire anche il progetto La danza in 1 minuto, un progetto video molto creativo, a cura dell’associazione Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte. A partire dalle ore 21.00 andrà in scena Tanzfaktor, una piattaforma svizzera di pezzi brevi che circuita in grandi manifestazioni di città svizzere di cui Losone sarà l’unica tappa nella Svizzera italiana.

Sabato 5 Ottobre altre numerose sorprese: si inizia con la performance del compositore Gabriele Marangoni che, assieme ad altri nove musicisti e un direttore d’orchestra, coinvolgerà un coro di cento e più volontari, che, attraverso una partitura intuitiva da lui creata, saranno protagonisti del concerto in Piazza Grande a Locarno. Dalle 17.30 ci sarà la possibilità di partecipare ad un workshop sui sensi tenuto da Bhakti Ananda.

L’artista Francesca Cola inviterà fino a tre spettatori in una performance sensuale che metterà a dura prova la resistenza dei partecipanti. La sua performance è il risultato di un percorso di scambio di metodi e prassi fra coreografi svizzeri e italiani nell’ambito del progetto PerCorpi Visionari (PO Italia -Svizzera 2007-2013 / Fondo Europeo di sviluppo regionale), percorso inaugurato nel corso del festival La Piattaforma – a Torino nel mese di luglio scorso.

I concerti dei Mandrake e dei News for Lulu, gruppi emergenti lombardi, organizzati in collaborazione con Risonanza Rec e il Comune di Losone, invaderanno con sound folk, rock e funk l’Osteria La Fabbrica. A seguire le performance di Sarah Waelchli e Giorgia Nardin che prenderanno in prestito le menti degli spettatori, per stimolarle all’interno di itinerari diversi, garantite dalla genialità di queste due giovanissime autrici. Chiacchiere e musica all’Osteria riuniranno artisti e pubblico in un momento di scambio.

Domenica 6 Ottobre un workshop di yoga pomeridiano riunirà creativi e curiosi, per un momento di rilassamento fisico e mentale, con Bhakti Ananda. Francesca Cola sfiderà ancora un secondo giorno gli spettatori in cerca di emozioni. Dalle 17.00 ricco programma con le giovani autrici Svizzere Sarah Lerch, Margarita Kennedy e la ticinese Francesca Sproccati che propongono brevi performance molto originali e diverse tra loro. In seguito, il gruppo losonese Eleonore quartet ci porterà nel suo mondo musicale folk e funky, sull’ondata del successo ottenuto a Palco ai Giovani 2012.

E per non concludere, a partie dalle ore 21.00 circa, Myyyystick Barritoooo!! Sull’onda del successo dell’anno scorso e delle innumerevoli presenze sceniche in manifestazioni diverse nella Svizzera italiana, Performa celebra un artista regionale eclettico e energetico, che con il suo buonumore e stile, fa impazzire le folle di buon umore!

La partecipazione attiva del pubblico è richiesta da subito! Chi volesse partecipare al concerto in Piazza Grande a Locarno, sabato 5 Ottobre dalle 16.00, può contattare Gabriele Marangoni scrivendo a pushkunst@gmail.com .

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web www.performa-festival.ch oppure l’indirizzo www.lafabbrica.ch

ott
9
mer
2013
Laban Event 2013 @ Monte Verità
ott 9 – ott 12 all-day


Laban Event 2013

10/11/12/13 ottobre 2013
Monte Verità – Ascona (CH)

Laban Event 2013
organizzazione a cura di Con_creta
con la partecipazione di COORPI – Coordinamento Danza Piemonte

Nel 2013 ricorre il centenario della prima Scuola estiva per le arti di Rudolf von Laban sul Monte Verità di Ascona (Svizzera), luogo conosciuto negli ambiti della danza, del teatro e delle terapie espressive europee e mondiali come sito di ricerca e di studio. Per celebrare questo importante centenario si incontreranno al Laban Event 2013, che si tiene al Monte Verità dal 10 al 13 ottobre, ricercatori e studiosi di fama internazionale, attraverso un fitto programma di seminari e laboratori.

L’evento è organizzato dalla coreografa Nunzia Tirelli, ricercatrice e studiosa contemporanea dell’arte del movimento di Laban, co fondatrice di Con_creta a Mendrisio, con la partecipazione di Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte, nell’ambito del progetto PerCorpiVisionari su P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013, e conFondazione Monte Verità, Associazione Litro Centimetro e Fondazione La Fabbrica.

Il progetto PerCorpi Visionari, che riunisce partner italiani e svizzeri, è nato con la volontà di incrementare le possibilità di scambio e dialogo fra le realtà transfrontaliere e, allo stesso tempo, promuovere una nuova cultura della danza dando ampio spazio alla formazione, con particolare riguardo al pubblico. Del progetto transfrontaliero fa parte anche l’associazione COORPI – Coordinamento Danza Piemonte di Torino che, grazie al Laban Event 2013, offrirà ad artisti piemontesi la possibilità di partecipare ad un appuntamento di alta formazione internazionale.

Nel 1913 Rudolf von Laban soggiorna con i suoi allievi a Monte Verità. Grazie alla sua figura innovativa di danzatore, pedagogo e teorico, le colline d’Ascona vedono la nascita di una pratica inedita, impregnata da una cultura visionaria che ha segnato indelebilmente il corso della danza e delle arti performative contemporanee. La ricerca continua lo ha portato a sviluppare una delle più complete teorie del movimento umano legato all’espressione, restituendo alla danza una visione filosofica e spirituale. Cent’anni dopo, il progetto muove dalla volontà di ri–costituire una comunità attiva in tale ambito nei territori delimitati a sud dalla città di Novara e dalle sponde novaresi del Lago Maggiore e a nord dalle sponde locarnesi, nel Canton Ticino. Una comunità che riattivi nel tessuto contemporaneo lo spirito rivoluzionario fondativo di quelle origini, indissolubilmente legate all’ambiente naturale circostante che lo ha generato e alimentato.

Con uno spirito contemporaneo e con le conoscenze di oggi, il Laban Event 2013 diviene teatro di avvicinamento, condivisione e approfondimento delle diverse applicazioni del complesso sistema dell’arte del movimento di Laban nei suoi principi teorici e pratici, oggi ampiamente documentati.

Il programma prevede workshop, conferenze e presentazioni al pubblico, a cura di docenti di fama internazionale e professionisti che hanno aderito con entusiasmo all’evento.

Giovedì 10 ottobre alle ore 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona, la scrittrice Evelyn Dörr, presenterà, in anteprima assoluta, il suo prossimo volume “So, go ahead Ladies …” cui farà seguito una presentazione pubblica dei lavori di ricerca “Choreological Studies” a cura di Debora Di Centa e Sylvie Robaldo.

Venerdì 11 ottobre alle ore 17 nel Parco del Monte Verità inaugurazione dell’opera di Miki Tallone Laban’s Training Area (Swiss Art Award 2012). Seguirà una performance sul percorso del Laban’s Training Area curata da Nunzia Tirelli, Debora di Centa e Sylvie Robaldo, coreologhe.

Il Teatro San Materno ospiterà lo spettacolo Rudolf Laban’s Suite ’24 e Nacht, in cartellone sabato 12 ottobre alle 20.30, ricreazione a cura di Alison Curtis-Jones, Valerie Preston-Dunlop e Oli Newman per l’accompagnamento musicale, con i danzatori del rinomato Trinity Laban Conservatoire di Musica e Danza di Londra. Gli assoli e i duetti della Suite ’24 sono spettacoli unici di danza teatro riproposti oggi, nel XXI secolo, e presentati per la prima volta nel 1924 e nel 1927.

Domenica 13 ottobre alle ore 9.30 chiude l’intenso programma la Tavola rotonda aperta al pubblico, che avrà luogo all’Auditorium della Fondazione Monte Verità, interamente dedicata ai nuovi orientamenti e sviluppi a partire dai diversi percorsi e scoperte di Rudolf von Laban. Modererà la Tavola rotonda Alessandro Pontremoli, Professore Associato di Discipline dello Spettacolo presso l’Università di Torino, mentre gli interventi di approfondimento sono affidati a Valerie Preston Dunlop, consulente e membro onorario Trinity Laban (UK); Eugenia Casini Ropa, studiosa della danza (IT); Peggy Hackney, presidente Integrated Movement Studies, Università di Berkeley, California (USA); Claudia Rosiny, responsabile per la promozione della danza e del teatro presso l’Ufficio Federale della Cultura Svizzera (CH); Evelyn Dörr, ricercatrice e scrittrice (DE); Rosa Maria Govoni, co direttore dell’istituto di psicoterapia espressiva Ati (IT); Rosemary Brandt, coordinatore e docente Choreological Studies, Trinity Laban (UK); Regina Miranda, presidente e direttore dell’istituto di Arte e Cultura Lims – NY (USA); Alison Curtis-Jones, coreografa docente e ricercatrice Trinity Laban (UK).

LABAN EVENT 2013 è promosso e organizzato da Con_creta

con la partecipazione di
Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte
Associazione LitroCentimetro
Fondazione La Fabbrica

con il sostegno di
Repubblica e Cantone Ticino – Fondo Swisslos
Fondazione Monte Verità.
Progetto PerCorpi Visionari su P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Svizzera 2007 – 2013.

Si ringraziano il Teatro del Gatto per il sostegno della serata del 10 ottobre, il Teatro San Materno per il sostegno della serata del 12 ottobre, il Dipartimento della divisione della cultura e degli studi universitari per l’accompagnamento.

 Per ulteriori informazioni:

Nunzia Tirelli (Con_creta)
info@laban.ch
www.laban.ch

COORPI – Coordinamento Danza Piemonte
coorpi@corpivisionari.eu
www.coorpi.org

PROGRAMMA LABAN EVENT 2013

Giovedì 10 ottobre
15,00 Auditorium – Apertura LABAN EVENT 2013
15,30 – 18,30 Sala Balint – Alison Curtis Jones- UK
Laboratorio Coreologico – Dynamic Body
15,30 – 18,30 Sala Gioia – Rosa Maria Govoni- IT
Laboratorio – Movimento Autentico
20,30 – 22,00 Teatro del Gatto – Evelyn Dörr- DE
So, go ahead Ladies… conferenza e presentazione pubblica dei lavori di ricerca Choreological Studies

Venerdì 11 ottobre
9,00 – 9,30 Monte Verità – Qi Gong con Marianne Steele- USA
Meditazione Coreutica con Nunzia Tirelli – CH
9,45 – 12,45 / 13,30 – 16,30 Sala Balint – Alison Curtis Jones- UK
Laboratorio Coreologico – Dynamic Body
9,45 – 12,45 / 13,30 – 16,30 Sala Gioia – Peggy Hackney- USA
Laboratorio Somatico – Integrating Polarities
17,00 Parco Monte Verità – Laban Training Area
Inaugurazione, Miki Tallone (Swiss Art Award 2012)
17,30 – 20,00 Sala Eranos – Eurolab Annual Meeting
20,30 – 22,00 Auditorium – Conferenza Pubblica con Eugenia Casini Ropa- IT
La lezione del Monte Verità tra passato e presente
Valery Preston-Dunlop- UK
Coinvolgimento Contemporaneo con il Passato

Sabato 12 ottobre
9,15 – 9,45 Monte Verità – Qi Gong con Marianne Steele- USA
Meditazione Coreutica con Nunzia Tirelli- CH
10 – 13 / 14 – 17 Sala Balint – Rosemary Brandt- UK
Laboratorio Coreologico – Architecture of the Dynamic Body
10 – 13 / 14 – 17 Sala Gioia – Peggy Hackney- USA
Laboratorio Somatico – Integrating Polarities
17,30 – 18,30 Auditorium – Regina Miranda- USA
Conferenza Body-Space Connections (BSC): Embodying Change
18,30 – 18,45 Auditorium – Francesco Buzzi- CH
L’architettura che danza. Un nuovo padiglione al Monte Verità
20,30 – 22,00 Teatro San Materno – Presentazione pubblica dei lavori di ri-creazioni Rudolf Laban’s Nacht and Suite ’24 a cura di Alison Curtis Jones- UK, Valerie Preston Dunlop– UK,e il musicistaOli Newman- UK

Domenica 13 ottobre
9,30 – 11,00 Auditorium – Tavola Rotonda (evento pubblico), intervengono Valerie Preston Dunlop, Peggy Hackney, Claudia Rosiny, Alessandro Pontremoli, Evelyn Dörr, Rosa Maria Govoni, Rosemary Brandt, Regina Miranda, Alison Curtis-Jones.
11,30 – 12,30 Monte Verità – Coro di Movimento (pubblico) coordinato da Nunzia Tirelli– CH

Riferimenti dei luoghi
Fondazione Monte Veritàvia Collina, 84 Ascona Tel. +41 91 785 40 40 / info@monteverita.org
Teatro del Gattovia Muraccio, 21 – Ascona – Tel. +41 91 792 21 21 / info@ilgatto.ch / www.ilgatto.ch
Teatro San Materno – via Losone, 3 – Ascona – Tel. +41 91 792 30 37 / info@teatrosanmaterno.ch / www.teatrosanmaterno.ch

Per ulteriori informazioni:
Nunzia Tirelli (Con_creta)
info@laban.ch
www.laban.ch

COORPI – Coordinamento Danza Piemonte
coorpi@corpivisionari.eu
www.coorpi.org

feb
5
mer
2014
SOUP performance live @ Piccolo Teatro Coccia di Novara
feb 5 – feb 6 all-day

SOUP - Performance LiveFoto Samantha Klein

6 febbraio 2014 alle ore 20.30
7 febbraio 2014 alle ore 10.00 – 12.00 – 20.30
Piccolo Teatro Coccia di Novara, Piazza Martiri 2

SOUP performance live

Studio di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
con Daria Tonzig, Sara Vilardo, Francesca Amat, Thomas Roper, Fabrizio Orlandi
e con la collaborazione di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Studenti Triennio in Scenografia, studenti di Performing Arts: Maria Luisa Bafunno, Giulio Olivero, Valentina Carnevali,Alice Zaninetti (scene, allestimenti e performer), supervisione alle scene Francesca Pedrotti (docente di Scenografia). Studenti Triennio in Pittura e Arti Visive: Samantha Caligaris (foto, documentazione visiva). Laureati del Triennio in Media Design e Arti Multimediali: Giulia Storti e Alfredo Mannino (video).
Allestimenti e Direzione Tecnica, audio, luci di Fabrizio Orlandi e Fabio Malizia.
Organizzazione: Michela Caretti (Fondazione Teatro Coccia), Annalisa Recchia (LIS). Promozione, ufficio stampa: Serena Galasso (Fondazione Teatro Coccia), Annalisa Recchia (LIS). Grafica: Marina Marzatico.
Co – produzione: Fondazione Teatro Coccia, Associazione LIS Lab performing arts

Dal 27 Gennaio all’8 Febbraio, gli artisti e i collaboratori dell’Associazione LIS diretta da Antonella Cirigliano, sono in residenza presso il Teatro Coccia di Novara dove terranno un workshop di creazione e formazione, aperto al pubblico, con l’obiettivo di sperimentare i linguaggi della performance contemporanea attraverso l’esperienza diretta con il pubblico e i linguaggi di interazione sensoriale.

Il pubblico è invitato a sperimentare un rito di partecipazione collettiva immersivo intorno al tema del cibo: sente odori, riceve suggestioni, si nutre di illusioni, in un gioco collettivo che li conduce a ritrovare sé stessi in forma diversa. Domande racchiuse in un seme, sono “servite” in una cena surreale, dove giochi simbolici fatti di profumi, assaggi, consistenze diverse trasformano in chiave profana un consolidato modello di conoscenza sacra.

Questo studio site specific è presentato all’interno di “PerCorpi visionari-percorsi sconfinanti tra danza e performance contemporanea” (www.percorpivisionari.eu), un progetto di cooperazione internazionale di Fondazione Teatro Coccia con Ass. Lis lab performing arts, Ass Didee Arti e Comunicazione, Ass. Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte. PerCorpi Visionari si avvale inoltre del contributo di Fondazione Piemonte dal Vivo.

In particolare Soup è stato realizzato grazie al contributo del network Institute for Intangible Investigations, un network internazionale che lavora sull’interazione a vari livelli (www.sensworkshop.com).

Prenotazioni e biglietteria
(Prenotazione obbligatoria, posti limitati.)

Il numero di posti per ogni appuntamento è limitato a 35 persone massimo. È necessario, pertanto, prenotarsi entro martedì 4 febbraio, al costo di 5,00 euro (ingresso gratuito per gli studenti), presso la biglietteria del Teatro Coccia in via f.lli Rosselli 47, aperta da martedì a sabato, esclusi i festivi, con orario continuato: 10.30 – 18.30.

Contatti

Associazione LIS lab performing arts
Sede operativa: Uff. Turistico ,Via C. Bedone, 28046 Meina (NO)
Tel. + 39 388 2579939 / +39 380 6538718
Mail: associazionelis@gmail.com
Sito web: www.associazione-lis.com
www.facebook.com/lisperformingarts

PerCorpi Visionari

www.corpivisionari.eu
info@corpivisionari.eu
press@corpivisionari.eu
Tel. 392.23020533 – 388.2579939

feb
22
sab
2014
Novara Corpi Visionari – Laboratorio e performance
feb 22 all-day

Novara Corpi Visionari – Laboratorio e performance di danza urbana

22 febbraio 2014
vie del centro storico, Novara

Novara Corpi Visionari
Laboratorio e performance di danza urbana
a cura di Associazione Didee con Paola Colonna

Sabato 22 febbraio – prove aperte laboratorio
h. 15,00 – 17,30

Venerdì 21 e Sabato 22 marzo 2014 – performance finale
orario in corso di definizione

Novara Corpi Visionari
Laboratorio e performance di danza urbana a cura di Associazione Didee con Paola Colonna

Sabato 22 febbraio, dalle 15 alle 17,30, prove aperte nel centro storico novarese della performance finale del laboratorio di danza urbana dal titolo Novara Corpi Visionari iniziato ad ottobre 2013. Il laboratorio propedeutico, che coinvolge una decina di scuole di danza del territorio novarese, è finalizzato ad una performance corale di danza urbana open air, in programma venerdì 21 e sabato 22 marzo 2014. Il progetto introduce il pubblico anche allo spettacolo Open, con le coreografie di Daniel Ezralow, di sabato 22 e domenica 23 marzo prossimi al Teatro Coccia.

Orario

h. 15,00 – 17,30

Partecipazione
gratuita

Contatti

Associazione Didee – arti e comunicazione
t.+39 011 19706468
didee@corpivisionari.eu

PerCorpi Visionari

www.corpivisionari.eu
info@corpivisionari.eu
press@corpivisionari.eu
Tel. 392.23020533 – 388.2579939

 

mar
21
ven
2014
Novara Corpi Visionari – 21 marzo @ Teatro Coccia
mar 21 @ 14:30 – 18:30

NOVARA_CORPI_VISIONARI_Foto_Chiara_Pautasso

venerdì 21 marzo 2014
Teatro Coccia, via Rosselli 47 – Novara

Lezione di danza con Mauro Astolfi e la compagnia Spellbound Contemporary Ballet
a cura di Fondazione Teatro Coccia
e in collaborazione con Associazione Didee e Piemonte dal Vivo

Mauro Astolfi e la compagnia Spellbound Contemporary Ballet da lui diretta, incontrano i giovani danzatori novaresi venerdì 21 marzo dalle 15,30 alle 17,30: lezione di danza su palco, aperta al pubblico, e successivo dibattito al Teatro Coccia di via Rosselli 47 a Novara.

Il dibattito sarà moderato dal professor Alessandro Pontremoli (Università degli Studi di Torino).

Iscrizione alla lezione gratuita su curriculum da inviare a didee@corpivisionari.eu. Prenotazione per il pubblico uditore al numero 342-9243798. L’appuntamento è collegato all’evento Novara Corpi Visionari a cura di Associazione Didee di Torino in collaborazione con il Teatro Coccia di Novara, nell’ambito del Progetto PerCorpi Visionari – PO di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013.

Orario
h. 15,30 – 17,30

Partecipazione
Su iscrizione per i danzatori e gratuita per il pubblico uditore

 

 

Prove aperte Novara Corpi Visionari - Sabato 22 febbraio 2014 – vie e piazze di Novara (photo by Chiara Pautasso)

venerdì 21 marzo 2014
vie del centro storico, Novara

NovaraNovara Corpi Visionari – Improvvisazioni per Novara
a cura di Associazione Didee

Performance di danza e installazioni dislocate in luoghi simbolo della città: da piazza del Duomo a piazza delle Erbe, passando per il cortile del Broletto. In programma Improvvisazioni per Novara con alcuni giovani danzatori novaresi e torinesi, coordinati da Paola Colonna e Cristina PautassoRapatika (To); Effettoserra di e con Aldo Torta e Stefano Botti – Tecnologia Filosofica (To) e In superficie di e con Francesca Cinalli, paesaggio sonoro di Paolo De Santis – Tecnologia Filosofica (To).

Orario
h. 17,30 – 19,30

Partecipazione
gratuita

 

Contatti

Per  prenotazioni/informazioni lezione di Mauro Astolfi (partecipanti e uditori)
+ 39 342-9243798

Associazione Didee – arti e comunicazione
didee@corpivisionari.eu
+39 347 24 87314

Teatro Coccia
press@corpivisionari.eu

 

 

mar
22
sab
2014
Novara Corpi Visionari – 22 marzo @ Centro Storico di Novara
mar 22 @ 15:30 – 18:30

Prove aperte Novara Corpi Visionari - Sabato 22 febbraio 2014 – vie e piazze di Novara (photo by Chiara Pautasso)

sabato 22 marzo 2014
centro storico – Novara

A cura di Paola Colonna
in collaborazione con le insegnanti di Centro Danza Buscaglia, Città della danza, Danza Viva, Rapatika, Tempio della danza, Studio Danza Novara, Yin Yang Club.

Novara Corpi Visionari prosegue sabato 22 marzo dalle ore 16,30 alle 19 con una grande esibizione corale. 7 scuole di danza di Novara e Torino coinvolgeranno, infatti, 100 giovani danzatori in una coreografia comune e performance open air, secondo i propri  linguaggi e il proprio stile coreutico. La performance itinerante si muoverà a passo di danza tra piazza del Duomo, piazza delle Erbe, cortile del Broletto, Galleria dei Portici, piazza Puccini e rotonde con passaggi pedonali. Radio Azzurra fm 92.100 e 100.500, emittente locale novarese diretta da Ugo Ponzio, trasmetterà in diretta la musica di accompagnamento alla coreografia comune.

Orario
h. 16,30 – 19,30

Partecipazione
Gratuita

 

Contatti

Paola Colonna 3388474068 – Michela Caretti 3429243798

Associazione Didee – arti e comunicazione
didee@corpivisionari.eu

Teatro Coccia
press@corpivisionari.eu

 

 

apr
29
mar
2014
Il Gesto Contemporaneo – Masterclass @ Gené 5 - via Gené 5 / Torino
apr 29 – mag 1 all-day

Sara Simeoni - Foto Simone Vittonetto

29/30 aprile 2014
1 maggio 2014

Il Gesto Contemporaneo
Masterclass a cura di Associazione Didee
con Sara Simeoni

Nome di punta tra gli interpreti italiani della visionaria coreografa americana Carolyn Carlson, Sara Simeoni presenta così il suo seminario dal titolo Il gesto contemporaneo: «Il mio movimento è istintivo e viscerale. Energia, ritmo, fisicità e presenza sono elementi fondamentali del mio lavoro. Partendo dalla release technique e floor work, si esploreranno i principi di gravità, peso, caduta e recupero. Il corpo, già in questa fase, verrà condotto gradualmente in un flusso organico e dinamico. L’obiettivo è di portare il danzatore a diventare più consapevole della potenza, leggerezza e creatività del suo corpo».

Destinatari
danzatori, coreografi e allievi scuole di danza di livello avanzato

Date, sedi e orari 

29-30 aprile 2014 – Gené 5 – via Gené 5 / Torino
h. 11.00 – 13.00 livello avanzato

1 maggio 2014 – Gené 5 – via Gené 5 / Torino
h. 11.00 – 13.00 livello avanzato

Costo
Selezione su curriculum per 3 borse di studio a partecipazione gratuita.
Costo per il resto dei partecipanti: € 60,00
€ 50,00 per allievi scuole danza di Novara che abbiano già partecipato a workshop di PerCorpi Visionari

Contatti

Associazione Didee arti e comunicazione
Tel. +39 339 6065349
e mail didee@corpivisionari.eu

 

PerCorpi Visionari
www.corpivisionari.eu
info@corpivisionari.eu
press@corpivisionari.eu
Tel. 392.23020533 – 388.2579939

 

mag
22
gio
2014
Le Foglie e il Vento – Performance di teatrodanza per adulti e bambini @ Piccolo Teatro Coccia di Novara
mag 22 @ 16:30 – mag 23 @ 10:00

Le Foglie e il Vento - Stefano Botti

22/23 maggio 2014
Piccolo Teatro Coccia di Novara, Piazza Martiri 2 – Novara

Le Foglie e il Vento – Performance di teatrodanza per adulti e bambini
ideazione Mariachiara Raviola
interpreti  Stefano Botti e Francesca Cinalli
sguardo coreografico Aldo Torta
tappeto musicale Paolo De Santis

La vita di una foglia e del suo albero sono la traccia narrativa della performance Le Foglie e il Vento, in programma giovedì 22 maggio alle ore 18,30 e in replica per le scuole giovedì 22 e venerdì 23 alle ore 10,30 al Piccolo Coccia di piazza Martiri 2 a Novara, a cura di Associazione Didee Fondazione Teatro Coccia.

Liberamente ispirata a La Foglia Muriel del pedagogista italo americano Leo Buscaglia, la performance Le Foglie e il Vento, ideata da Mariachiara Raviola, è frutto del percorso creativo tout public nell’ambito del progetto PerCorpi Visionari (P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013). Gli interpreti sono Stefano Botti e Francesca Cinalli, con lo sguardo coreografico di Aldo Torta e il tappeto musicale di Paolo De Santis.

L’interpretazione propone un immaginario poetico e una danza rituale capace di far rivivere i ritmi della natura ed entrare nella favola universale del ciclo della vita. «Il racconto è suggerito non dalla classica narrazione, bensì da un linguaggio coreografico nato dalla ricerca del movimento del corpo nella sua relazione con l’ambiente – spiega Mariachiara Raviola, autrice di Le Foglie e il vento e direttrice artistica del progetto PerCorpi Visionari – Anche il tappeto sonoro racconta e rievoca memorie, attraverso i suoni della natura e della quotidianità».

Un racconto danzato per adulti e bambini, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, apre la via a profonde riflessioni. E narra il percorso dell’esistenza nelle sue varie fasi, attraversando un bosco che dalla luce della vita, cresce alimentandosi di amicizie e amore, fino a sperimentare l’abbandono, la solitudine, e la morte, evento che non determina la fine ma, come sottolinea Leo Buscaglia nel suo testo, segna l’inizio…di una nuova storia.

Il lavoro coreografico è anche il risultato della sperimentazione che il percorso formativo previsto dal progetto PerCorpi Visionari ha svolto con le scuole di danza novaresi ed alcune classi delle materne ed elementari.

Firma la regia Mariachiara Raviola, direttrice artistica di Associazione Didee, da tempo impegnata nella realizzazione di laboratori e delicate performance di teatrodanza per bambini e famiglie. L’assistenza alla regia è curata da Lisa Pugliese.

Le Foglie e il Vento è una coproduzione Associazione Didee e Fondazione Teatro Coccia, in collaborazione con Tecnologia Filosofica e sostenuta da Fondazione Piemonte dal Vivo.

Quando
Giovedì 22 maggio 2014 alle ore 18.30
Giovedì 22 e Venerdì 23 maggio ore 10.30 (repliche scolastiche)

Dove
Piccolo Teatro Coccia, piazza Martiri 2, Novara

Costo
5 euro

Pubblico
adulti, bambini, famiglie, insegnanti

 

Contatti

Associazione Didee  arti e comunicazione
M +39 339 6065349 – m. +39 347 2487314
didee@corpivisionari.eu
Pagina Facebook La Piattaforma Teatrocoreografico

PerCorpi Visionari

www.corpivisionari.eu
info@corpivisionari.eu
press@corpivisionari.eu
Tel. 392.23020533 – 388.2579939

giu
21
sab
2014
Trattato della Lontananza + Wolkenheimat @ Museo di Villa Faraggiana
giu 21 @ 19:00 – 20:00

TRATTATO DELLA LONTANANZA ph giuliano di bello09

21 giugno 2014
Museo di Villa Faraggiana – Meina (NO)

Trattato della Lontananza + Wolkenheimat
teatrodanza e video installazione
a cura di Zerogrammi

Trattato della Lontananza:
regia e coreografia Emanuele Sciannamea
con Pieradolfo Ciulli, Roberta De Rosa, Stefano Roveda
costumi e scene Zerogrammi
produzione Zerogrammi
coproduzione Fondazione Teatro Piemonte Europa, Festival TEATRO A CORTE, Festival Oerol
con il sostegno di Regione Piemonte, MiBACT.

Wolkenheimat:
regia e coreografia Emanuele Sciannamea
con Pieradolfo Ciulli
costumi Zerogrammi
produzione Zerogrammi
coproduzione Festival Oerol, Teatro a Corte, Fondazione Teatro Piemonte Europa

Il Trattato della Lontananza, creazione per tre danzatori, è una storia di attraversamenti di soglie, di confini, di distanze. Qui il lontano si fa linea di frontiera e luogo cui appartengono la solitudine e la difficoltà di incontrare e comprendere l’altro. Oggi la lontananza non è più lontana ma prossima, transitabile, persino domestica. Il Trattato della Lontananza, luogo di una geografia interiore, è il tentativo maldestro, goffo e superficiale di cercare l’altro, di attirare la sua attenzione, per non sentirsi smarriti e isolati, perché dell’altro c’è un bisogno primordiale. Ma incontrarsi davvero è complicato, come lo è pensare all’altro come a un approdo, a un salvatore, a qualcuno che ci accoglie senza riserva alcuna. I continui incontri e scontri tra gli interpreti, rendono evidente l’incapacità, dettata da orgoglio, paura e insicurezza, di offrirci all’altro con lealtà; il rischio è di risultare una brutta copia di se stessi. Condividiamo una casa, un letto, i figli, il lavoro, i mezzi pubblici, i tavolini al ristorante, le spiagge affollate, gli uffici…siamo così vicini, eppure così lontani. (E. Sciannamea)

 Wolkenheimat è un video realizzato sull’isola di Terschelling, una laguna che si estende a perdita d’occhio, immensa, accarezzata dal moto perpetuo delle acque del Mare Del Nord che scoprono e coprono questo luogo senza tempo; è la scenografia naturale dove ha debuttato questo assolo. Il titolo del lavoro, Wolkenheimat, deriva dal tedesco “casa sulle nuvole”, un luogo dove fermarsi a contemplare il lontano orizzonte, una linea che circonda, contiene, definisce, ma allo stesso tempo sfonda, disperde, sorpassa.
L’interprete, attraverso la danza, prova a dialogare con la parte più integra di sè stesso.  Arriva dall’orizzonte, cammina attraverso la sua immagine, e quando è davanti al pubblico non sa più chi è. Da questo momento tutta la performance si snoda in un conflitto con sè stesso, nel tentativo di misurare questa lontananza da sè, di misurarsi con essa, di vederci chiaro e da vicino. Ogni tanto perdersi tra le nuvole potrebbe aiutare ad avvicinarci a noi stessi, o almeno a colmare questa lontananza, se ne siamo capaci. (E. Sciannamea)

Quella di Zerogrammi è una danza di piccoli gesti quotidiani, di dettagli minimi, invisibili, imperfetti che rivelano, pur nella loro inconsistenza, gli aspetti più profondi dell’essere umano. La poetica di Zerogrammi vuole restituire alla danza la leggerezza di un linguaggio diretto, colorato, poetico, il paradosso che è la vita stessa, la sensazione che quest’ultimo provoca, piangere dal ridere e ridere di dolore. Sono fondatori e coreografi stabili della compagnia Stefano Mazzotta ed Emanuele Sciannamea, entrambi diplomati presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano. Ogni loro produzione scaturisce non solo dal lavoro in sala ma da un oculato programma di residenze coreografiche, attività di formazione e scambio di competenze tra artisti, progetti video e fotografici intorno alle tematiche narrate. Ogni azione ad esse connessa diviene un segno, una tappa di un diario di viaggio che è ricerca (anche geografica) della più efficace forma di condivisione e di un’onestà scenica costruita sulle parole urgenza e necessità. In scena in Italia e all’Estero, le produzioni della compagnia sono state insignite di riconoscimenti tra cui Premio Hystrio 2013, Golden Mask 2012, Premio Vignale Danza 2011, Premio Miglior Spettacolo Giocateatro 2009 e Premio Danz’è/Festival Oriente Occidente 2008. Dal 2012 Zerogrammi è attiva presso la sua nuova sede torinese, LUFT, uno spazio creativo dove la compagnia ospita attività di produzione, formazione e e residenze artistiche. Zerogrammi è sostenuta da Regione Piemonte e Ministero Per i Beni e le Attività Culturali.
www.zerogrammi.org

Destinatari
Pubblico dai 13 anni

Durata
60 min.

Costo
5 €
prenotazione consigliata

Contatti
Per info e prevendite biglietti:

Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

giu
28
sab
2014
.h.g. @ Sala Consiliare del Comune
giu 28 @ 14:30 – giu 29 @ 17:30

TricksterP_.h.g

28/29 giugno 2014
Sala Consiliare del Comune – Meina (NO)

.h.g.
Installazione interattiva e formazione
a cura di TricksterP
concetto e realizzazione Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl
collaborazione artistica Simona Gonella

 .h.g. nasce come rilettura della fiaba classica di Hansel e Gretel e si sviluppa come un percorso fisico-sensoriale guidato da auricolari; un’installazione in 9 differenti stanze in cui spazio visivo e spazio sonoro si intersecano e dialogano tra loro.
All’inizio del percorso lo spettatore viene munito di cuffie ed invitato a seguire le indicazioni che riceverà attraverso di esse. Le stanze che deve percorrere sono spoglie, al loro interno poche tracce, segni di un turbamento interiore o, più semplicemente, indizi per riannodare i fili della narrazione. La fiaba viene così ripercorsa cercando i punti di rottura e quelli di intersezione, gli anelli di congiunzione tra il mondo dell’infanzia e quello adulto. Sono stanze dove l’estetica si unisce al sensoriale. Lo spettatore percorre lo spazio in assoluta solitudine accompagnato solo dalla voce in cuffia che gli indica come e quando muoversi all’interno dell’installazione. Oltre all’aspetto visivo, una delle principali caratteristiche di .h.g. è rappresentata dallo spazio sonoro realizzato con un sistema di registrazione binaurale. A differenza del sistema stereofonico , il sistema binaurale riproduce tutti e tre i piani della realtà acustica (destra/sinistra; alto/basso; fronte/retro) stimolando il cervello umano ad una percezione sonora tridimensionale estremamente realistica. L’effetto tridimensionale delle regi- strazioni binaurali può essere percepito solo attraverso l’uso di cuffie stereofoniche, per ovvie ragioni di prossimità fisica, la riproduzione attraverso altoparlanti annulla infatti l’effetto tridimensionale. In .h.g. l’utilizzo di auricolari consente anche di creare uno spazio intimo per ciascuno spettatore in cui il piano del reale e quello dell’immaginario possano alternarsi e confondersi; il gioco drammaturgico si articola in una costante compresenza di questi due livelli.

Nato dall’incontro di Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl, TricksterP è un progetto di ricerca artistica che si muove in un territorio di confine e contaminazione tra diversi linguaggi. Dopo una prima fase imperniata su una specifica ricerca sulla centralità e la fisicità del performer, nel corso degli anni il progetto Trickster si allontana dal concetto di teatro in senso stretto per indagare possibili segni espressivi trasversali che, tanto concettualmente quanto formalmente, siano il risultato della commistione di strumenti artistici estremamente eterogenei. La ricerca sul performer si sposta in maniera prioritaria sullo spettatore che diviene uno dei principali nuclei d’interesse del progetto: la riflessione sulle implicazioni del destinatario nel concetto dell’opera e sul significato dell’essere spettatore nella nostra contemporaneità, sono costanti ricorrenti che accomunano i diversi lavori di TricksterP.
La poetica di Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl predilige un’estetica fortemente essenziale che si allontana dal livello narrativo per immergersi nel livello immaginifico ed evocativo. Oltre che nei lavori artistici, la vocazione sperimentale del progetto si è concretizzata nella creazione de la casa del tabacco, spazio di creazione e sperimentazione situato nel borgo di Novazzano, a pochi chilometri dal confine italo-svizzero, e sede del progetto Trickster.
A tutt’oggi i lavori di TricksterP sono stati presentati in Europa, Asia, America del nord e America del sud.
www.trickster-p.ch

Destinatari
Dai 9  anni

Durata
30 min.
ingressi ogni 20 min.

Costo
5 €
prenotazione obbligatoria

Contatti
Per info e prevendite biglietti:

Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

 

lug
4
ven
2014
Le foglie e il vento @ Museo di Villa Faraggiana
lug 4 @ 16:30 – 17:30

Le foglie e il vento_foto di Elisabetta Ajani_1

4 luglio 2014
Museo di Villa Faraggiana  – Meina (NO)

Le foglie e il vento
Performance di danza
a cura di Associazione Didee
progetto e regia Mariachiara Raviola
con Francesca Cinalli e Stefano Botti
paesaggio sonoro Paolo De Santis
sguardo coreografico Aldo Torta
produzione Associazione Didee arti e comunicazione e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Piemonte dal Vivo
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

Liberamente ispirato a La Foglia Muriel di Leo Buscaglia. La vita di una foglia e del suo albero, un racconto danzato per adulti e bambini, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, narra dei cicli della natura del continuo trasformarsi della vita. A seguire ci sarà un momento d’incontro tra gli artisti e il pubblico.

L’Associazione Didee – arti e comunicazione ha in sé diverse figure professionali che operano in molteplici campi (coreografico, teatrale, comunicativo, culturale, educativo e preventivo), orbitanti attorno all’interesse principale di divulgazione, promozione e formazione della danza e della poetica del gesto nei suoi significati espressivi, sociali ed artistici.
Con l’ideazione e la realizzazione di La Piattaforma – tetrocoreograficotorinese&co, (dal 2003 il contributo della Regione Piemonte, del Comune di Torino, della Fondazione CRT e dal 2008 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali), Didee concretizza l’obiettivo di monitoraggio e vetrina delle realtà di danza contemporanea e di ricerca emergenti sul territorio regionale e italiano, e promuove lo sviluppo di reti sinergiche tra gli artisti di differenti codici espressivi e altri progetti di evento e spettacolo.
www.lapiattaforma.eu

Destinatari
Adulti e bambini

Orario
h. 18.30

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

Le foglie e il vento @ Museo di Villa Faraggiana
lug 4 @ 16:30 – 17:30

Le foglie e il vento_foto di Elisabetta Ajani_1

4 luglio 2014
Museo di Villa Faraggiana  – Meina (NO)

Le foglie e il vento
Performance di danza
a cura di Associazione Didee
progetto e regia Mariachiara Raviola
con Francesca Cinalli e Stefano Botti
paesaggio sonoro Paolo De Santis
sguardo coreografico Aldo Torta
produzione Associazione Didee arti e comunicazione e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Piemonte dal Vivo
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

Liberamente ispirato a La Foglia Muriel di Leo Buscaglia. La vita di una foglia e del suo albero, un racconto danzato per adulti e bambini, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, narra dei cicli della natura del continuo trasformarsi della vita. A seguire ci sarà un momento d’incontro tra gli artisti e il pubblico.

L’Associazione Didee – arti e comunicazione ha in sé diverse figure professionali che operano in molteplici campi (coreografico, teatrale, comunicativo, culturale, educativo e preventivo), orbitanti attorno all’interesse principale di divulgazione, promozione e formazione della danza e della poetica del gesto nei suoi significati espressivi, sociali ed artistici.
Con l’ideazione e la realizzazione di La Piattaforma – tetrocoreograficotorinese&co, (dal 2003 il contributo della Regione Piemonte, del Comune di Torino, della Fondazione CRT e dal 2008 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali), Didee concretizza l’obiettivo di monitoraggio e vetrina delle realtà di danza contemporanea e di ricerca emergenti sul territorio regionale e italiano, e promuove lo sviluppo di reti sinergiche tra gli artisti di differenti codici espressivi e altri progetti di evento e spettacolo.
www.lapiattaforma.eu

Destinatari
Adulti e bambini

Orario
h. 18.30

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
5
sab
2014
In Sale @ Piazza Carabelli – Meina (NO)
lug 5 @ 18:30 – 19:30

In Sale_Filippo Armati e Francesca Cola_foto di Manuela Bernasconi_alta

5 luglio  2014
Piazza Carabelli – Meina (NO)

In Sale
Perfomance interattiva audiovisiva
a cura di Filippo Armati
di e con Filippo Armati (CH) e Francesca Cola (IT)
nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

I due artisti riflettono con il loro linguaggio sul tema dell’acqua. Il brainstorming che ha caratterizzato la loro rielaborazione sul tema è partito dalla differenza tra l’acqua dolce e l’acqua salata. Con questa collaborazione italo-svizzera Cola-Armati, provano a creare un nuovo luogo della visione e dell’ascolto, cercando di creare nello spettatore-uditore una deriva emotivo-percettiva che gli permetta di entrare in un “altrove” assaporando simbolicamente quel sale che manca. Percorso con audioguide.

Filippo Armati è laureato la Facoltà di Lettere all’università di Bologna, finendo i suoi studi in spettacolo, storia delle religioni e filosofia. In seguito è stato ammesso all’accademia di danza contemporanea Laban Centre di Londra, in cui ha potuto sviluppare anche uno studio di ricerca post-laurea. Nel 2007 è stato selezionato per partecipare al corso di ricerca Ex.er.ce a Montpellier e nel 2008 beneficia di una borsa di studio indetta da Prohelvetia al Cairo in cui sviluppa diversi progetti culturali.
Lavora come interprete per diversi coreografi e compagnie in tutta Europa. Dal 2003 sviluppa coreografia e lavori suoi, presentati in diversi paesi. Tc-no (2003) My Life As An Art Piece (2005), Ilegal art (2006), 101 Solos (2007), Music my body (2010), Quantum (2012), In Sale (2013), Quantum II (2014) sono i suoi lavori maggiormente conosciuti. Ha collaborato nel suo percorso con diversi coreografi e artisti creando coreografie, performances o progetti specifici. È stato invitato tra i coreografi più rappresentativi della Svizzera nel 2006 e nel 2013 alla biennale di danza Svizzera (Swiss Dance Days). Nel 2011 ha creato assieme all’artista visivo e musicista Tiziano Mincioni lo spazio culturale LA FONDERIA a Bellinzona, uno spazio in cui hanno curato assieme eventi culturali multidisciplinari. Nel 2010 fonda il festival multidisciplinare PERFORMA.

Destinatari
Ragazzi e adulti

Durata
60 min.

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
11
ven
2014
ADD UP > Poetrywalk @ Vie e piazze di Ghevio
lug 11 @ 16:30 – 17:30

Add Up_Meinascapes _photo by Samantha Klein_1

11 luglio  2014
Vie e piazze di Ghevio (NO)

ADD UP > Poetrywalk
Performance di danza urbana
a cura di Senza Confini di Pelle
con Dario La Stella e Valentina Solinas
in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo

Il progetto ADD UP > POETRYWALK è uno strumento di indagine sociologica e antropologica sull’urbanizzazione di una data area che sviluppa risorse artistiche proprie della danza urbana, della performance, dell’happening, del walk show.
Poetrywalk è una passeggiata poetica alla scoperta dell’inaspettato in cui una comunità si racconta attraverso la costruzione dinamica delle sue storie e delle visioni che la prospettiva del paesaggio offre. Una passeggiata lungo le vie create dai racconti di chi ha vissuto quei luoghi e di chi li ha raccolti e composti secondo un itinerario che lascia spazio all’eventualità del quotidiano e alla possibilità di creare proprie mappe emotive, suggestioni del divenire, associazioni evocative, il riflesso dell’altrove. Una visita guidata, in cui l’esperienza del corpo che attraversa attiva le sue sensibilità per captare paesaggi e storie che intrecciano un quadro performativo in evoluzione. Un museo a cielo aperto si dispiega, svelando umori e fantasie, permeando prospettive del possibile.
La passeggiata è pensata come un walk show, una visita guidata in un museo in cui indossando delle cuffie si ricevono istruzioni circa il percorso di visita e nel contempo vengono evocate delle suggestioni poetiche di parole e musiche. Durante la passeggiata alcune azioni performative suggeriranno la prospettiva per una visione poetica.
Il progetto prevede una ricerca di una settimana per raccogliere i materiali narrativi e performativi utili alla composizione della passeggiata. Durante la ricerca è necessario creare un workshop aperto a cittadini di qualunque fascia di età e ad appassionati delle performing arts (allievi di teatro/danza).

 Senza Confini Di Pelle è un progetto di ricerca sul linguaggio delle arti performative nato da Dario La Stella e Valentina Solinas nel 2003 a Torino, Italia. Ogni spettacolo è uno studio critico del mondo contemporaneo. Il nostro progetto sintetizza danza, teatro, performance, video, testo in un unico contenitore performativo.
Senza Confini Di Pelle lavora in situazioni molto diverse: festival internazionali di performing art, progetti con i cittadini, workshop con le Università, progetti con persone disabili, scambi di lavoro internazionali.
www.senzaconfinidipelle.com

Durata
60 min.

Destinatari
Da 0 a 99 anni

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

 

La danza in 1 minuto @ Sala Consiliare del Comune
lug 11 @ 19:00 – 20:00

La danza in 1 minuto_credits MoreThanYouThink_Still01_72dpi

11 luglio 2014

Sala Consiliare del Comune – Meina (NO)
Nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

La Danza in 1 minuto
Presentazione e proiezione video
ideazione Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte (Italia)
in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo
presentazione a cura di Cristiana Candellero e Lucia De Rienzo

La danza in 1 minuto è un contest nazionale di video di danza giunto alla sua quarta edizione, un progetto promosso e curato da COORPI. Un’opportunità per esprimere, attraverso un video della durata di 60”, quali significati possa assumere la danza nel senso più ampio del termine. Tra le novità dell’edizione 2014 un premio speciale dedicato all’animazione, in collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics, e tre temi sui quali declinare le proposte video: le diverse modulazioni dell’impercettibile; quale Italia oggi e il rapporto tra suono e movimento video – coreografico.
http://vimeo.com/coorpi

Destinatari
Ragazzi e adulti

Orario
h  – 21.00

Durata
60 min.

COORPI – Coordinamento Danza Piemonte
COORPI è un’associazione culturale, costituita nel 2002, con lo scopo di valorizzare le realtà coreutiche presenti sul territorio e sostenerne lo sviluppo professionale e creativo. La disseminazione e condivisone di informazioni, la documentazione, l’arricchimento della proposta formativa, la ricerca, la promozione nel rispetto dell’eterogeneità delle espressioni coreutiche e la sensibilizzazione di nuovi pubblici, sono fra gli obiettivi primari dell’associazione.
www.coorpi.org

Contatti

Per info e prevendite biglietti:
Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

 

lug
12
sab
2014
Mapping #3|Meina @ Sala Consiliare del Comune
lug 12 @ 19:00 – 20:00

Sara Marasso_Il Cantinere_Mapping3_Foto di Leonardo Schiavone copia 12 luglio  2014 Sala Consiliare del Comune – Meina (NO) Mapping #3|Meina Performance di danza e arte visiva a cura di Compagnia Sara Marasso | Il Cantiere con Maura Dessì, Sara Marasso, Teresa Norhona Feio contrabbasso e live electronics Stefano Risso, artista visiva Giulia Gallo, disegno luci Davide Rigodanza in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo nell’ambito di Villaggio d’artista 2014

“Mapping” utilizza le caratteristiche particolari di un luogo in un’ottica interdisciplinare che possa creare una coincidenza, una sovrapposizione e un interscambio tra lo spazio cosiddetto espositivo, e quello performativo o scenico, in una direzione di ricerca e riflessione sui luoghi della visione e sulla possibilità di trovare modi e linguaggi per un diverso e rinnovato contatto con il pubblico. Da un punto di vista di ricerca coreografica il progetto prevede l’inserimento di un gruppo di performers e di un musicista dal vivo. Il gruppo lavorerà sull’idea di mappatura attraverso la ricerca di modi misurazione dello spazio a partire dal corpo come unità di misura ed entità percettiva. Il progetto MAPPING ha vinto il bando Motori di Ricerca percorsi d’artisti fra coreografia e arti visive – curato da Chiara Castellazzi in collaborazione con Olga Gambari – e prevede la collaborazione tra la coreografa Sara Marasso e l’artista visiva Giulia Gallo.

Sara Marasso Coreografa e danzatrice, parallelamente a studi di cinema inizia ad interessarsi alla danza contemporanea incontrando a Torino Anna Sagna, Monica Francia, Giorgio Rossi, Paola Bianchi. Prosegue i suoi studi presso il Laban Centre for Contemporary Dance di Londra e successivamente a Parigi presso l’Universitè Paris VIII dove ottiene un diploma post-laurea presso il dipartimento danza. Approfondisce la danza contemporanea, il contact, l’improvvisazione ed inizia la pratica dello yoga con, tra gli altri, Patricia Kyupers, Andrew de L. Harwood, Julien Hamilton, Catherine Diverrès, Vim Vanderkeybus, Dominique Dupuy, Simone Sandroni. Nel 2004 vince il Concorso moving’up – mobilità nel mondo per giovani artisti – ed avvia un proprio percorso di ricerca coreografica intorno ai luoghi non convenzionali ed agli spazi urbani. Nel 2006 è selezionata per il progetto Dance Break di Torinodanza che co-produce una performance di danza urbana per Italyart Olimpiadi della Cultura Torino 2006. Nel 2007 Interplay Festival co-produce, con Lugar à Dança, lo spettacolo “The Tender Inspection” presentato nel cartellone del Festival dello stesso anno. Nel 2008 avvia una nuova fase di ricerca coreografica affrontando un percorso in assolo che inizia con “Solo Carta”, Lo spettacolo è selezionato quale unica proposta italiana al Festival Les Repérages Rencontres Internationales de la Jeunes Chorégraphie di Lille nel Marzo 2009 ed invitato successivamente a Charleroi per Charleroi Danses. Nel 2009 è selezionata per il progetto franco-italiano Marchè Commun per la creazione di una performance di danza contemporanea in spazio urbano, “Volte Sempre” che verrà presentata in tournè in diverse città. Nel 2010 “Soluzione parziale a problema transitorio”, che prosegue la sua ricerca sull’assolo, è prodotto da Torinodanza Festival in co-produzione con il Festival Interplay e con il supporto di Fondazione TPE e N.E.C. Núcleo de Experimentação Coreográfica di Porto. Lo spettacolo debutta nell’ambito del Festival Prospettiva del Teatro Stabile di Torino. Presentato, tra l’altro, in Serbia ed inserito nella programmazione ufficiale dell’Internationale Tanzmesse Dusseldorf 2012. L’ultima produzione “When I dance , I dance. When I sleep I sleep”, del 2012, rappresenta lo sviluppo e il risultato di questa ultima fase di ricerca, terza parte di una trilogia dedicata alla comunicazione e al segno. Ha collaborato negli anni con numerose scuole ed istituzioni per progetti di formazione. www.ilcantiere.net Destinatari da 0 a 99 anni Durata 60 min. Costo 5 €, prenotazione consigliata

Contatti

Per info e prevendite biglietti: Associazione LIS Lab Performing Arts Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO) Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00 + 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.comwww.associazione-lis.com www.corpivisionari.eu Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
13
dom
2014
Phoenix @ Villa Bossi
lug 13 @ 15:00 – lug 20 @ 19:00

Phoenix_ph. by Cindy Rudel

13 – 20 luglio 2014
(escluso lunedì 14)
Villa Bossi, SS Sempione 120 – Meina (NO)

Phoenix
a cura di Wunderland
Performance interattiva
direzione di scena e drammaturgia Sarah John (AUS)
direzione artistica e performer Mette Aakjær (DK)
compositore e sound design Thoranna Bjornsdottir (ISL)
collaborazione alla creazione, performers e danzatrici Cindy Rudel (DE), Nina Matthis (SWE/SRB) e Sara Vilardo (IT),
tecnico di interaction design Rune Brink (DK)
artista visuale Sigrid Astrup (NOR)
testi Sonja Winckelman Thomsen (DK)
traduzioni Sara Vilardo (IT)
direzione di produzione Kirsten Pallesen (DK)

Un’esperienza unica, un viaggio sensoriale, un’avventura personale. Phoenix è una performance interattiva, sviluppatasi dalla collaborazione di 9 artisti internazionali – perlopiú provenienti dal nord Europa – e con differenti background artistici. Lo spettatore si muoverà attraverso questa esperienza da solo, guidato da un sistema sonoro interattivo e dall’incontro coi performers.
Phoenix racchiude diverse forme artistiche: installazioni, soundscape, tecnologie interattive, testi poetici, video, esperienze sensoriali, incontri performativi e molto altro da scoprire. Una coproduzione Wunderland e LIS.

La poetica di Wunderland è creare esperienze, performances e workshops. Le performances hanno luogo di solito in spazi specifici, studiati, e hanno la caratteristica di essere interattive.
Alcuni dei loro lavori assumono la forma del “viaggio performativo”, un’esperienza dove il pubblico si sposta, uno ad uno o in piccoli gruppi, lungo un itinerario predefinito.
Nei lavori di Wunderland tutti i sensi vengono stimolati; le risorse performative possono essere di diverso tipo: dai testi, installazioni e i suoni d’ambiente, al corpo umano, il teatro e la danza.
Il gruppo Wunderland è stato fondato da Mette Aakjaer, una delle prime co-fondatrici dell’organizzazione UDflugt Network.
Wunderland lavora assieme a diversi altri artisti con differenti competenze e qualifiche a seconda dei progetti in corso.

Destinatari
Pubblico da 0 a 99 anni

Durata
55 min.

Costo
5 €
prenotazione obbligatoria

Contatti
Per info e prevendite biglietti:

Associazione LIS Lab Performing Arts
Sede operativa: Uff. Turistico, Via Carlo Bedoni 1, Meina (NO)
Orari: giovedì e sabato dalle 10.00 alle 12.30; martedì e venerdì dalle 16.00 alle 19.00
+ 39 388 2579939 / +39 388 7961319

Acquisto on line su www.fondazioneteatrococcia.it

associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
www.corpivisionari.eu

Facebook/Villaggio d’artista e TW #villaggiodartista

lug
25
ven
2014
Campodanza – Masterclasses @ Scuola di Danza Maria Selvini
lug 25 @ 09:00 – lug 27 @ 10:00

Jenny & Jana

25-26-27 luglio 2014
Scuola di Danza Maria Selvini
Via dei Fontana da Sagno a Chiasso – Ticino

TiD in collaborazione con CAMPODANZA propone
3 giorni di masterclasses per professionisti

Tecnica Forsythe condotta da Brigel Gjoka
Cunningham based contemporary condotta da Alessia Della Casa
Contact Improv Jam condotta da Filippo Armati

CAMPODANZA  è un progetto ideato da Filippo Armati e sostenuto dal progetto PerCorpi Visionari (P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Svizzera 2007-2013)
Grazie  a questo sostegno il prezzo è agevolato.

Orario dalle 10:00 alle 15:30 con pausa pranzo

Corsi  CHF 120.- ( EURO 100.- )

Alloggio CHF 40.- a notte ( EURO 35.- )

Durante i tre giorni di Campo Ticino in Danza darà la possibilità ai partecipanti di presentare estratti di propri lavori in occasione del Festival (vedi pagina Festival)

Il Campo si svolgerà presso le sale di danza in Via dei Fontana da Sagno a Chiasso, Ticino.

Per info e iscrizioni scrivere a
ticinoindanza@gmail.com
http://campodanza.wordpress.com/

ago
11
lun
2014
Crogiolo Primitivo – Esito performativo @ Fabbrica di Losone
ago 11 – ago 29 all-day

Residenza Estiva PerCorpi Visionari

29 agosto 2013
Centro Culturale La Fabbrica – Losone (CH)

Crogiolo Primitivo – Esito performativo

Risultato finale del percorso artistico fatto dai giovani, italiani e svizzeri, che hanno preso parte a Crogiolo Primitivo, la residenza estiva del progetto PerCorpi Visionari, organizzata a La Fabbrica di Losone (CH) da LitroCentimetro e Associazione Didee.  L’evento del collettivo Artisti di confine si tiene venerdì 29 agosto alle ore 21,30 negli spazi di via Locarno 43 a Losone.

I sette giovani artisti sono stati seguiti dai coreografi e performer Filippo Armati, Marco Berettini, Jan Ritsema e Cuqui Jerez.

Per informazioni sulla residenza estiva clicca qui

Contatti

La Fabbrica
info@performa-festival.ch
www.lafabbrica.ch

Associazione Didee – arti e comunicazione
M +39 339 6065349 – m. +39 347 2487314
didee@corpivisionari.eu
Pagina Facebook La Piattaforma Teatrocoreografico

http://crogioloprimitivo.tumblr.com

Residenza Estiva PerCorpi Visionari @ La Fabbrica
ago 11 – ago 29 all-day

Crogiolo Primitivo

11 – 29 agosto 2013
Centro Culturale La Fabbrica – Losone (CH)

Residenza Estiva PerCorpi Visionari
idea di Filippo Armati
organizzata da LitroCentimetro e Associazione Didee
nell’ambito del progetto PerCorpi Visionari

Si svolgerà a La Fabbrica di Losone (CH) dal 11 al 29 Agosto 2014 la Residenza Estiva PerCorpi Visionari, un progetto ideato da Filippo Armati, organizzato da LitroCentimetro di Bellinzona (Canton Ticino) e Associazione Didee di Torino (Piemonte).

Espressione significativa della cooperazione transfrontaliera Italia – Svizzera nell’ambito del progetto europeo PerCorpi Visionari, la residenza estiva ospiterà 6 giovani coreografi (3 svizzeri e 3 italliani) che per tre settimane ospiterà giovani coreografi svizzeri e italiani, che per tre settimane avranno la possibilità di svolgere un percorso di ricerca e scambio, lavorando a creazioni che potranno presentare il prossimo 3 ottobre all’interno del Performa Festival 2014.

I coreografi, invitati dai partner del progetto PerCorpi Visionari, beneficeranno di ampi spazi in cui lavorare. E durante la loro residenza saranno seguiti dagli esperti e coreografi performer come Jan RitsemaCuqui JerezMarco Berrettini e Filippo Armati che li accompagneranno nel processo creativo.

La residenza si svolgerà in 3 parti:

la prima settimana gli artisti avranno bisogno del tempo per conoscersi, per famigliarizzare con lo spazio e per cominciare a riflettere sul tipo di lavoro che intendono sviluppare. La modalità di lavoro dovrà essere decisa democraticamente all’interno del gruppo: come lavorare, come utilizzare gli spazi e come collaborare. In effetti, i coreografi potranno decidere se lavorare assieme, se lavorare separatamente o in piccoli gruppi. In questa fase di lavoro i giovani saranno accompagnati dall’ideatore del progetto, il coreografo, ricercatore, programmatore e performer Filippo Armati;

- la seconda settimana, dopo un periodo di sperimentazione, i coreografi avranno definito una strategia di lavoro, probabilmente uno o dei gruppi di lavoro e cominceranno a delineare le modalità di sviluppo delle loro creazioni. Lo studioso, ricercatore, regista e coreografo Jan Ritsema potrà seguire il lavoro dei giovani coreografi interagendo con loro e portandoli a riflettere maggiormente sul loro operato creativo. interverrà durante la seconda settimana alcuni giorni anche il coreografo ginevrino Marco Berrettini.

- la terza settimana prevede lo sviluppo dei loro lavori che li porterà all’organizzazione di una prima presentazione parziale di quanto fatto durante la residenza. In questa terza settimana saranno seguiti dalla studiosa, ricercatrice, coreografa e performer Cuqui Jerez. Venerdì 29 agosto è prevista la presentazione del periodo di residenza aperta al pubblico, con i risultati in progress ottenuti. Corsi di Pilates con Milena Jotti la mattina.

Per la partecipazione alla residenza, si richiede la comprensione dell’inglese.

 

Jan Ritsema – ha diretto vari teatri bergi e olandesi quali Toneelgroep Amsterdam, Het Werkteater, Het Nationale Toneel, Mug met de gouden Tand, ‘tBarre Land, Maatschappij Discordia, Het Kaaitheater and Dito Dito performances variando da repertori classici (Marlowe, Mishima, Koltes, Shakespeare, Heiner Müller, Elfriede Jelinek, Rene Pollesch), drammi storici (James Joyce, Virginia Woolf, Henry James, Rainer Maria Rilke) e performances in collaborazione con compositori, danzatori e artisti. Nel 1978 ha fondato la casa d’edizione International Theatre Bookshop con la quale ha pubblicato oltre 300 libri su teatro, danza e cinema. Come performer ha creato dei lavori in collaborazione con Jonathan Burrows, Bojana Cvejić, Boris Charmatz e Meg Stuart, tra gli altri. Ritsema ha insegnato indistintamente in diverse scuole per attore o regia in Olanda e Belgio e accademie estive in tutta Europa. Tra il 1990 e il 1995 è stato insegnante alla Rijksacademie ad Amsterdam. Insegna regolarmente a P.A.R.T.S, la scuole di danza contemporanea di Anne Teresa De Keersmaeker, dalla sua fondazione. Nel 2006 ritsema crea il PerformingArtsForum (PAF) in un vecchio convento vicino alla città di Reims (in Francia), uno spazio per residenze e formazione per sperimentare altri modi di produrre e sviluppare lavori performativi e per ripensare alla pedagogia in arti performative. Maggiori info www.pa-f.net .

 Cuqui Jerez – è un’artista coreografo e performer. È nata nel 1973 a Madrid. Vive e lavora tra Madrid e Berlino. Ha studiato danza a Madrid e New York. Nel 1990 si è diplomata al conservatorio di musica e danza a Madrid. Dal 1990 ha lavorato come danzatrice e performer per diverse compagnie, film e produzioni. Nel 1995 ha iniziato a sviluppare il suo lavoro. Ha creato le seguenti produzioni: Me encontraré bien enseguida solo me falta la respiración (1995), Dígase en tono mandril (1996), Hiding Inches (1999), A space odyssey (2002) (2001), The Real Fiction (2005); The Rehearsal (2007) as part of the project The Neverstarting Story in collaboration with Maria Jerez, Cristina Blanco and Amaia Urra; The Croquis Reloaded (2009);  The Nowness Mystery (2011) and Crocodiles and Alligators (2012). I suoi spettacoli sono stati presentati in diversi festival e teatri in Europa, USA e America Latina. Dal 2010 collabora insegnando al Master MA in Performing Arts Practice and Visual Culture a Madrid. Nel 2010 ha co-redatto con Victoria Perez Royo Cairon 14, Journal of Dance Studies. Co-dirige con Juan Dominguez, Maria Jerez e Luis Urculo Living Room Festival a Madrid. Maggiori info www.cuquijerez.com .

 Marco Berrettini - Son intérêt pour la danse commence en 1978, quand il gagne le championnat allemand de danse Disco. Après le baccalauréat, il commence sa formation professionnelle de danseur; tout d’abord à la London School of Contemporary Dance, puis est diplômé de la Folkwangschulen Essen, sous la direction de Hans Züllig et Pina Bausch. Là-bas, il développe son intérêt pour le Tanztheater et débute comme chorégraphe avec le solo Le Père Noël lubrique. En 1988, il signe un contrat comme interprète avec une compagnie de danse parisienne. À côté de son travail pour le chorégraphe marseillais Georges Appaix, il crée ses propres pièces. En 1999 le Kampnagel de Hambourg produit son spectacle  MULTI(S)ME . Depuis, Marco Berrettini a produit une quinzaine de spectacles avec sa compagnie. Avec Sturmwetter prépare l’an d’Emil, il gagne le prix ZKB au Theaterspektakel de Zürich. En 2004, No Paraderan voit le jour au Théâtre de la Ville à Paris. L’activité de Marco Berrettini s’étend de la performance dans un musée à la collaboration avec des réalisateurs de films, de l’installation avec des plasticiens au dîner avec des gens célèbres qui ne le connaissent pas. De 2004 à 2007, il dirige le département Danse de la HES à Lausanne.

 Filippo Armati - Dopo la laurea in Lettere e Filosofia all’università di Bologna, filippo svolge un progetto di ricerca commissionato dal FNS al Laban Centre di Londra, ammesso dopo selezione, ai corsi della prestigiosa accademia. Dal 2003 lavora con compagnie indipendenti in tutta Europa e produce le sue creazioni. Nel 2006 rappresenta la svizzera italiana alle Giornate di danza Svizzera e vince un premio per la sua creatività dalla Società Svizzera degli autori. Nel 2007 é ammesso ai corsi di ricerca Ex.Er.Ce a montpellier sotto la supervisione di Mathilde Monnier e Xavier Le Roy. Nel 2008 sviluppa un progetto di diffusione e sensibilizzazione delle performances al Cairo (Egitto), su mandato di Pro Helvetia. È in seguito incaricato a insegnare alla Supsi di Verscio (2008), ma se ne va in seguito a visione divergenti con alcuni insegnanti dell’istituto. Nel 2010 fonda il Performa, un festival di arti performative che si svolge a losone ogni Ottobre. Co-fonda la Fonderia e collabora alla realizzazione di eventi tra il 2010 e il 2012. Oltra a collaborare con altre compagnie, crea e produce dal 2003 oltre 12 lavori coreografici, rappresentati sia in Svizzera che all’estero.

Contatti

La Fabbrica
info@performa-festival.ch
www.lafabbrica.ch

Associazione Didee – arti e comunicazione
M +39 339 6065349 – m. +39 347 2487314
didee@corpivisionari.eu
Pagina Facebook La Piattaforma Teatrocoreografico

set
12
ven
2014
Soup – Performance Live @ Biblioteca delle Oblate
set 12 @ 17:00 – set 13 @ 21:30

Soup - Estate Fiorentina

12/13 settembre 2014
Biblioteca delle Oblate
Via dell’Oriuolo, 26 –  Firenze

Soup
Performance live

di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
con Antonella Cirigliano, Daria Tonzig, Francesca Amat e Sara Vilardo
con la partecipazione degli studenti NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Maria Luisa Bafunno e Giulio Olivero.
tecnica e sound design Fabrizio Orlandi e Taddo Sergio Taddei
photo Samantha Klein (NABA)
organizzazione Michela Caretti, Annalisa Recchia e Laura Vignati
produzione LIS e Fondazione Teatro Coccia
per “PerCorpi Visionari – percorsi sconfinati tra danza e performance contemporanea” progetto Interreg di cooperazione transfrontaliera ITA-CH, in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo.

Dolce, salato o piccante ?
Lo spettacolo è l’invito ad un banchetto surreale dove, in modo sempre diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato: memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi.
Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto.

Lo spettatore prende parte attiva ad un banchetto surreale dove performer-camerieri servono “pietanze diversamente commestibili”. Il contorno di ogni portata, vero piatto forte della serata, sono le domande e le risposte individuali che invogliano i commensali a rintracciare e condividere memorie sul cibo, sulle ricette, sulle preparazione, sugli ingredienti e le relazioni personali profondamente collegate a ciò di cui ci nutriamo.

Il pubblico, diviso in gruppi da 5-6 commensali tramite un gioco spaesante, verrà fatto accomodare ai tavoli dove, su piatti particolari, diversi per ogni spettatore, vengono servite con speciali attenzioni, mini-porzioni di frutta secca, erbe, semi, ma anche fiori e puri odori, poesie e ”insalate di quotidiani”. E mentre si offre, si pongono domande ai commensali le cui risposte diventano colloqui e scambi personali. Si aggiunge così altro nutrimento, nel senso di occasione di ascolto e crescita e condivisone di pensieri e memorie tra i partecipanti.

Segue poi un tempo di riunione collettiva del gruppo che costituisce una sorta di catarsi- distruzione nella digestione delle emozioni sperimentate.
In fine un momento di saluto intimo accompagna dolcemente il pubblico all’uscita e al ritorno al mondo ordinario.

Oggi il LIS è formato da Antonella Cirigliano e Daria Tonzig che si avvalgono di collaboratori su aree specifiche, prediligendo la multidisciplinarietà di linguaggi diversi: installazione, arte, musica che si incontrano nella scena della live performance dove spazio e tempo non ha più i codici tradizionali.

Questo progetto è stato realizzato anche grazie al contributo del network Institute for Intangible Investigations, un network internazionale che lavora sull’interazione a vari livelli (www.sensworkshop.com).
Con il sostegno dell’Estate Fiorentina 2014. Si ringrazia per la collaborazione il Comune di Firenze, la Biblioteca delle Oblate e Fondazione Fabbrica Europa.

Orario
ingresso alle 17.00 e alle 20.00

Costo
biglietto unico 5 euro

Info e prenotazioni
Biblioteca delle Oblate
Via dell’Oriuolo 26, Firenze
Tel. 055 261 6512 Cell. 388 2579939
bibliotecadelleoblate@comune.fi.it
associazionelis@gmail.com

Prossimi appuntamenti con Soup

20 e 21 settembre 2014

Giardini della Reggia, Venaria Reale (To)
Sezione dedicata al progetto “PerCorpi Visionari” Festival La Piattaforma
Ingresso 5 euro
Prenotazione obbligatoria
www.lapiattaforma.eu

25, 26 e 27 settembre

Lavanderia di Villa Faraggiana, Meina (NO) Percorsi di formazione
Ingresso 5 euro
Prenotazione obbligatoria www.associazione-lis.com

Contatti LIS
Annalisa Recchia
349 3784950 – 388 2579939
associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com

set
18
gio
2014
Città PerCorpi Visionari – Il pensiero del gesto @ Teatro Coccia di Novara
set 18 @ 17:00 – set 21 @ 19:30

Simona Bucci

18, 21 settembre 2014
Teatro Coccia
Via F.lli Rosselli 47 – Novara

in occasione di The European Cooperation Day

Città PerCorpi Visionari

Il pensiero del gesto
Seminario di tecnica Nikolais
con Simona Bucci

Alwin Nikolais, uno dei grandi maestri della danza americana del ‘900 che trova le sue origini artistiche nella danza tedesca di R. Laban e M. Wigman. Innovatore, teorico, visionario, artista dagli innumerevoli talenti, grande osservatore dotato di incredibile sensibilità, creatore di coreografie ancora oggi sorprendenti e originali, ma soprattutto pedagogo attento e generoso, che ha lasciato un nuovo approccio e definizione dell’arte della danza. Nikolais vede nell’analisi del movimento i fondamenti della sua ricerca per lo sviluppo di un linguaggio consapevole, unico e originale, non codificato e predefinito in schemi e stili.

Le lezioni si articoleranno attraverso una prima parte di lavoro sul corpo come strumento primario di questa arte, cercando di sviluppare una consapevolezza dei parametri organici del movimento liberandolo da tensioni non necessarie che spesso interferiscono con l’intento creativo, rendendo il corpo strumento duttile e disponibile alle necessità del danzatore.
Una seconda parte indagherà le possibilità estetiche del movimento e le leggi fisiche con cui è in costante dialogo.
Seguirà poi una parte laboratoriale di teoria, improvvisazione e composizione come ricerca di un’espressione consapevole e originale che rispecchi il proprio intento creativo.

Gli allievi presenti nei due giorni di seminario parteciperanno in veste di danzatori allo spettacolo Nik Lecture demostration su Alwin Nikolais che si terrà presso il Teatro Coccia di Novara, domenica 21 settembre 2014 alle ore 20.30.

Livello unico
Seminario di danza contemporanea per danzatori intermedi/avanzati

Orari
giovedì 18  dalle 17.00 alle 19.30
domenica 21 dalle 17.00 alle 19.30

Costo
Gratuito

Iscrizioni aperte fino al 15 settembre 2014, ad esaurimento posti.

Contatti per prenotazioni al workshop e alla lecture
Fondazione Teatro Coccia Onlus
michela.caretti@fondazioneteatrococcia.it
M. 342.9243798

Info
Città PerCorpi Visionari / Fondazione Teatro Coccia Onlus
www.fondazioneteatrococcia.it
www.corpivisionari.eu

The European Cooperation Day
http://www.ecday.eu
 ECDAY-2014-Banner-1 2

set
20
sab
2014
Giardini PerCorpi Visionari @ Giardini della Reggia di Venaria Reale
set 20 – set 21 all-day

le foglie e il vento _95_foto Samantha Klein (800x534)

20/21 settembre 2014
Giardini della Reggia di Venaria Reale – Venaria Reale (TO)

sabato 20 settembre 2014

Giardini Per Corpi Visionari
in occasione di The European Cooperation Day
nell’ambito di PerCorpi Visionari - Programma Operativo di Cooperazione transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013
a cura di Associazione Didee nell’ambito di La PIATTAFORMA teatrocoreografico
coordinamento Fondazione Via Maestra

Ore 16.30 – Giardini dei fiori

Crogiolo Primitivo #performance
Artisti al confine IT/CH
produzione di LitroCentimetro (CH) e Associazione Didee (IT)

A seguito della residenza estiva ospitata dalla Fondazione La Fabbrica a Losone, l’incontro tra performer svizzeri e italiani è confluito in una performance collettiva che avvicina diversi stili e le personali visioni degli artisti coinvolti.

Ore 17 – Patio dei Giardini
Le Foglie e il Vento
di Mariachiara Raviola
con Francesca Cinalli e Stefano Botti
sguardo coreografico Aldo Torta
tappeto sonoro Paolo De Santis
produzione Associazione Didee e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Tecnologia Filosofica

Spettacolo di danza per bambini e adulti

 Un racconto danzato, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, apre la via a profonde riflessioni. E narra il percorso dell’esistenza nelle sue varie fasi, attraversando un bosco che dalla luce della vita, cresce alimentandosi di amicizie e amore, fino a sperimentare l’abbandono, la solitudine, e la morte, evento che non determina la fine ma, come sottolinea Leo Buscaglia nel suo testo, segna l’inizio… di una nuova storia.

 Ore 17.30 – Patio dei Giardini
Soup
di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
produzione Lis Lab, Fondazione Teatro Coccia
con Antonella Cirigliano, Daria Tonzig, Francesca Amat e Sara Vilardo
con la partecipazione degli studenti NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Maria Luisa Bafunno e Giulio Olivero
tecnica e sound design Fabrizio Orlandi e Taddo Sergio Taddei

 Dolce, salato o piccante? Lo spettacolo è un invito al tavolo, ad un banchetto surreale dove oggi e sempre, in modo diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato. Memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi. Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto.

A cura di Associazione Didee nell’ambito di La PIATTAFORMA teatrocoreografico – Coordinamento a cura de la Fondazione Via Maestra
Performance Live – Necessaria prenotazione al +39 339 6065349

 

domenica 21 settembre

GIORNATE DA RE Natura in movimento

Rassegna di teatro contemporaneo
a cura di Fondazione Live Piemonte Dal Vivo
coordinamento Fondazione Via Maestra

Ore 15.30 – Allea di Terrazza e Giardino a Fiori
SI_SI_FO grunge
progetto, direzione e coreografie Maura Dessì
con Maura Dessì, Francesco Dalmasso ed Ester Fogliano
Liberamente ispirato al libro “Il mito della nostalgia” di Albert Camus.

Secondo Camus la ricerca di una profonda e autentica connessione tra l’essere umano è diventata impossibile a causa dell’assurdo che minaccia l’esistenza umana. Ricerca del rapporto interumano che sempre sfugge, è simile allo sforzo enorme che brama tornare sempre allo stesso punto. Il legame umano sembra essere ignaro della sua assurdità e cercano di superarlo in solidarietà. Ma l’assurdità di certi eventi creati per tagliare il collegamento stesso, come ad esempio la guerra e le diverse visioni del pensiero in generale, minacciano l’umanità nello stesso modo che una divinità malvagia, allo stesso tempo, trasforma gli uomini in schiavi, ribelli, vittime e carnefici.

Ore 16.30 – Boschetto della Musica
Is This Desire?
di Francesca Cola
con Francesca Cola e Daniela Pagani
suono Davide Tomat, Gabriele Ottino
produzione Inteatro festival Polverigi, Officine Caos Torino, Volvon, Superbudda

In “Is This Desire?” si assiste alla danza di un corpo che interroga il desiderio; muove con fluidità e abita delicatamente le immagini di ciò che desidera. Il corpo desiderante porta i tratti di una sposa dal volto rivestito di ricami. Lo spettatore è parte integrante di questa danza rituale del desiderio e ne restituisce la poesia, breve frammento che si rivela nell’ordinario.

Giardini Per Corpi Visionari
in occasione di The European Cooperation Day
nell’ambito di PerCorpi Visionari - Programma Operativo di Cooperazione transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013
a cura di Associazione Didee nell’ambito di La PIATTAFORMA teatrocoreografico
coordinamento Fondazione Via MaestraOre 17 – Patio dei Giardini

Le Foglie e il Vento
di Mariachiara Raviola
con Francesca Cinalli e Stefano Botti
sguardo coreografico Aldo Torta
tappeto sonoro Paolo De Santis
produzione Associazione Didee e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Tecnologia Filosofica

Spettacolo di danza per bambini e adulti

Un racconto danzato, una metafora dell’esistenza che, con semplicità, apre la via a profonde riflessioni. E narra il percorso dell’esistenza nelle sue varie fasi, attraversando un bosco che dalla luce della vita, cresce alimentandosi di amicizie e amore, fino a sperimentare l’abbandono, la solitudine, e la morte, evento che non determina la fine ma, come sottolinea Leo Buscaglia nel suo testo, segna l’inizio… di una nuova storia.

Ore 17.30 – Patio dei Giardini
Soup
di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
produzione Lis Lab, Fondazione Teatro Coccia
con Antonella Cirigliano, Daria Tonzig, Francesca Amat e Sara Vilardo
con la partecipazione degli studenti NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Maria Luisa Bafunno e Giulio Olivero
tecnica e sound design Fabrizio Orlandi e Taddo Sergio Taddei

Dolce, salato o piccante? Lo spettacolo è un invito al tavolo, ad un banchetto surreale dove oggi e sempre, in modo diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato. Memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi. Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto.

Biglietti
ingresso a pagamento ai Giardini della Reggia (comprensivo degli spettacoli)

Intero euro 5
Ridotto euro 4 euro 2

Servizio Navetta gratuito
Solo per spettacoli di sabato 20 settembre. Percorso A/R: Torino piazza Castello fronte Teatro Regio, Reggia di Venaria, Torino. Necessaria prenotazione a didee@corpivisionari.eu / +39 3396065349.

 Info

Giardini PerCorpi Visionari / La Piattaforma teatrocoreografico
www.corpivisionari.eu didee@corpivisionari.eu FB Percorpi Visionari
www.lapiattaforma.eu piattaforma.danza@gmail.com
FB La Piattaforma Teatrocoreografico
+ 390115229810 +39 3396065349

The European Cooperation Day
http://www.ecday.eu
 ECDAY-2014-Banner-1 2

Mediapartner Danzadove
DAnzadove_banner150x75HR

set
21
dom
2014
Città PerCorpi Visionari – NIK Lecture Demonstration su Alwin Nikolais @ Teatro Coccia di Novara
set 21 @ 20:30 – 22:00

NIK_A.Nikolais

21 settembre 2014
Teatro Coccia
Via F.lli Rosselli 47 – Novara

in occasione di The European Cooperation Day

Città PerCorpi Visionari

NIK
Lecture Demonstration su Alwin Nikolais

condotta da Simona Bucci
con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Dipartimento dello Spettacolo, Regione Toscana
con la partecipazione dei danzatori del workshop a cura di Simona Bucci del 18 e 21

Attraverso i principi che costituiscono le basi della pedagogia e della poetica di Alwin Nikolais si osserverà la natura stessa della danza come forma espressiva primaria degli esseri viventi.
Simona Bucci già danzatrice solista della Compagnia Alwin Nikolais Dance Company e assistente pedagogica dello stesso Nikolais condurrà l’incontro attraverso parole, proiezioni di video inediti e interventi di danza che vedranno la presenza dei danzatori partecipanti al laboratorio.

Al termine dell’evento un brindisi come momento d’incontro e di confronto tra il pubblico e gli artisti.

Simona Bucci, già danzatrice solista della Alwin Nikolais Dance Company, coordinatrice e docente dell’Accademia Isola Danza La Biennale di Venezia diretta da Carolyn Carlson, direttore artistico della Compagnia Simona Bucci, portavoce internazionale del processo pedagogico della Tecnica Nikolais-Louis. Simona Bucci, oltre ad un’intensa attività di coreografa, dedica molto del suo tempo alla diffusione della straordinaria eredità pedagogica lasciata dal Maestro Nikolais e proprio per il suo impegno e la profonda convinzione del grande valore di questo processo pedagogico, crea il corso internazionale Nikolais-Louis Technique Teachers Certificate Program, progetto specifico per la formazione d’insegnanti di Tecnica Nikolais-Louis, al presente unico corso riconosciuto dalla Nikolais-Louis Foundation for Dance di New York.

Orario
ore 20.30

Costo
Ingresso gratuito. Si consiglia di prenotare il proprio biglietto entro il 18 settembre 2014.
biglietteria@fondazioneteatrococcia.it – 0321233201

Contatti per prenotazioni al workshop e alla lecture
Fondazione Teatro Coccia Onlus
michela.caretti@fondazioneteatrococcia.it
M. 342.9243798

Info
Città PerCorpi Visionari / Fondazione Teatro Coccia Onlus
www.fondazioneteatrococcia.it
www.corpivisionari.eu

The European Cooperation Day
http://www.ecday.eu
 ECDAY-2014-Banner-1 2

set
26
ven
2014
Soup – Performance Live a Meina @ Lavanderia di Villa Faraggiana
set 26 @ 11:00 – set 27 @ 21:00

Soup Centro Artistico Alik Cavaliere_foto di Samantha Klein2

26/27 settembre 2014
Lavanderia di Villa Faraggiana
Strada statale del Sempione – Meina (NO)

Soup

Performance live

di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
con Antonella Cirigliano, Daria Tonzig, Francesca Amat e Sara Vilardo
con la partecipazione degli studenti NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Maria Luisa Bafunno e Giulio Olivero.
tecnica e sound design Fabrizio Orlandi e Taddo Sergio Taddei
photo Samantha Klein (NABA)
organizzazione Michela Caretti, Annalisa Recchia e Laura Vignati
produzione LIS e Fondazione Teatro Coccia
per “PerCorpi Visionari – percorsi sconfinati tra danza e performance contemporanea” progetto Interreg di cooperazione transfrontaliera ITA-CH, in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo. Percorsi di formazione per Bottega d’artista.

Dolce, salato o piccante ?
Lo spettacolo è l’invito ad un banchetto surreale dove, in modo sempre diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato: memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi.
Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto.

Lo spettatore prende parte attiva ad un banchetto surreale dove performer-camerieri servono “pietanze diversamente commestibili”. Il contorno di ogni portata, vero piatto forte della serata, sono le domande e le risposte individuali che invogliano i commensali a rintracciare e condividere memorie sul cibo, sulle ricette, sulle preparazione, sugli ingredienti e le relazioni personali profondamente collegate a ciò di cui ci nutriamo.

Il pubblico, diviso in gruppi da 5-6 commensali tramite un gioco spaesante, verrà fatto accomodare ai tavoli dove, su piatti particolari, diversi per ogni spettatore, vengono servite con speciali attenzioni, mini-porzioni di frutta secca, erbe, semi, ma anche fiori e puri odori, poesie e ”insalate di quotidiani”. E mentre si offre, si pongono domande ai commensali le cui risposte diventano colloqui e scambi personali. Si aggiunge così altro nutrimento, nel senso di occasione di ascolto e crescita e condivisone di pensieri e memorie tra i partecipanti.

Segue poi un tempo di riunione collettiva del gruppo che costituisce una sorta di catarsi- distruzione nella digestione delle emozioni sperimentate.
In fine un momento di saluto intimo accompagna dolcemente il pubblico all’uscita e al ritorno al mondo ordinario.

Oggi il LIS è formato da Antonella Cirigliano e Daria Tonzig che si avvalgono di collaboratori su aree specifiche, prediligendo la multidisciplinarietà di linguaggi diversi: installazione, arte, musica che si incontrano nella scena della live performance dove spazio e tempo non ha più i codici tradizionali.

Orario
26 settembre ore 11.00 (riservato alle scuole) – ore 20.00
27 settembre ore 18.00 – ore 21.00

Costo
biglietto unico 5 euro

Info e prenotazioni
associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
+39 388 2579939 – +39 380 6538718

ott
1
mer
2014
Performa Festival 2014 @ Lugano, Bellinzona, Locarno e Losone
ott 1 – ott 5 all-day

performa_2014_960x332

1 – 5 ottobre 2014
Lugano, Bellinzona, Locarno e Losone

Performa Festival 2014

 

Programma

Mercoledì 1 ottobre

Lugano
17.30 Nina Willimann – Cie trop cher to share – Prêt-à-s’asseoir – progetto urbano – centro Lugano
19.00 FULL SERVICE di e con Daniel Hellmann – all’esterno del Teatro Foce
21.00 Ivo Dimchev – P project – Studio Foce
22.00 Black Fluo in concerto – Studio Foce

Losone
dalle 20.00 alle 23.30 DRIVE IN – performance per uno spettatore all’interno di un auto – coll. Strasse
**(a intervalli di 45 min ca. su prenotazione – partenza dalla Fabbrica a Losone) 
Collettivo selezionato all’interno del progetto Trans-un network sulle performing arts tra Svizzera e Italia – all’interno del programma ViaVai
Blink Circus – si potrà visitare dalle 18.00 ogni sera alla Fabbrica di Losone

Luoghi vari
Collettivo Berta Koch – ogni giorno interventi non programmati durante il festival

Giovedì 2 ottobre

Bellinzona
17.30 Nina Willimann Cie trop cher to share – Prêt-à-s’asseoir – progetto urbano – centro storico Bellinzona
19.00 FULL SERVICE di e con Daniel Hellmann – centro storico Bellizona
20.00 Performance interattiva con il pubblico – Un acte serieux – Cie Nicole Seiler – Teatro San Biagio
20.45 Concerto gruppo Forse – Teatro San Biagio

Losone
dalle 20.00 alle 23.30 DRIVE IN – performance per uno spettatore all’interno di un auto – coll. Strasse**
Blink Circus – si potrà visitare dalle 18.00 ogni sera alla Fabbrica di Losone

Luoghi vari
Collettivo Berta Koch – ogni giorno interventi non programmati durante il festival

Venerdì 3 ottobre

Locarno
16.30 – Nina Willimann – Cie trop cher to share – Prêt-à-s’asseoir – centro Locarno
17.30 performance in città a Locarno
– “Con-Tatto” – compagnia Da-Motus!

Losone
19.00 vernissage arti visive con gli artisti Una Szeemann e Bohdan Stehlik, !Mediengruppe
Bitnik, Florence Jung, Berta Koch Kollectiv, Pascal Schwaighofer, invitati da Noah Stolz
– “la danza in 1 minuto” – progetto di video danza (Promosso da COORPI-Coordinamento Danza piemonte)
19.00 FULL SERVICE di e con Daniel Hellmann – La Fabbrica
19.00 concerto Lara Fillmore e Lupo Lupazzi – Osteria La Fabbrica a seguire concerto Fedora Saura – Osteria La Fabbrica
dalle 20.00 alle – 23:30 DRIVE IN – performance per uno spettatore all’interno di un auto – coll. Strasse**
21.00 Spettacoli organizzati in collaborazione con il progetto PerCorpiVisionari dal Piemonte Gruppo giovani coreogra-
 Ch/Ita residenza estiva PerCorpiVisionari – crogioloprimitivo.tumbrl.com
00:30 after party dal Mago, Ascona –per maggiori informazioni chiedere allo Staff
Blink Circus – 18°° alla Fabbrica di Losone

Luoghi vari
Collettivo Berta Koch – ogni giorno interventi non programmati durante il festival

Sabato 4 ottobre

Bellinzona
10.30 Nina Willimann – Cie trop cher to share Prêt-à-s’asseoir – progetto urbano – mercato Bellinzona
11.00 Performance in citta a Bellinzona “Con-Tatto” – compagnia Da-Motus! – Piazza Collegiata
19.00 Compagnie Sous Sous Chiffre – Peut-on être révolutionnaire et aimer les eurs? – Castelgrande – Bellinzona – progetto promosso in collaborazione all’interno del progetto di scambio ViaVai

Losone
19.00 Concerto Lonesome Southern Comfort Company – Osteria La Fabbrica
19.00 FULL SERVICE di e con Daniel Hellmann – La Fabbrica
21.00 300 grammi di cuore – di Cristina Zamboni – Sala Ampia La Fabbrica
22.00 I’LL BE YOUR MIRROR – di Francesca Cola – Sala Ampia La Fabbrica artista selezionata all’interno del progetto Trans-un network sulle performing arts tra Svizzera e Italia – all’interno del programma ViaVai
20.00 – 23:30 DRIVE IN – performance per uno spettatore all’interno di un auto – coll. Strasse**
23.00 Festa Performa 2014 – Dj Set
Blink Circus – si potrà visitare ogni sera dalle 18°° alla Fabbrica di Losone

Luoghi Vari
Collettivo Berta Koch – ogni giorno interventi non programmati durante il festival

Domenica 5 ottobre

Losone
Piattaforma Ticino – giornata con vari
lavori di artisti ticinesi
17.00 Solitudini di Giuseppe Asaro in
collaborazione con Luca Spadaro – Sala
Ampia La Fabbrica
17.30 VOC.solo – Compagnia AiEP con
Ariella Vidach e Claudio Prati – Sala
Ampia La Fabbrica
18.30 I hate this job di Ledwina Costantini
e Camilla Parini – Sala Ampia La
Fabbrica
19.00 FULL SERVICE di e con Daniel
Hellmann – La Fabbrica
19.00 Pascal Schwaighofer – lecture a
sfondo antropologico sulle api – Sala
Ampia La Fabbrica
20.00 Concerto Tatum G. Rush – Osteria
La Fabbrica
21.00 Alessandro Veletta alias Mistik
Barrito in The return of the jedy – Osteria
La Fabbrica
dalle 20.00 alle 23:30 DRIVE IN – performance
 per uno spettatore all’interno di
un auto – coll. Strasse**
Blink Circus – si potrà visitare ogni sera 
dalle 18.00 alla Fabbrica di Losone

Luoghi vari
Collettivo Berta Koch – ogni giorno
interventi non programmati durante il
festival

Tariffe spettacoli

Per gli spettacoli a Losone Fr. 25.-/ *15.-
Per gli spettacoli presso Teatro San Biagio e Teatro Foce incluso concerto Fr. 25.-/ *15.-
Concerti presso Teatro San Biagio e Studio Foce Fr. 5.-
**Per lo spettacolo del collettivo Strasse per uno spettatore Fr. 40.-/*25.- a persona
*Riduzioni: Infocard e Amici di Performa 50%; AVS/AI, apprendisti, studenti, disoccupati, professionisti dello spettacolo, artisti 25%. Mostrare i documenti alla cassa.

 Boxoffice

Vendita biglietti in loco
30 minuti prima dell’inizio della performance
Prenotazione biglietti
boxoffice@performa-festival.ch
Direttamente sul sito www.performa-festival.ch
Telefono: 079 768 37 82

Informazioni generali

www.performa-festival.ch
www.facebook.com/performafestival
info@performa-festival.ch
Telefono: 076 321 31 06

ott
22
mer
2014
Radici e germogli della danza d’arte e di comunità in Piemonte. Coreografie e ricerche contemporanee @ Villa La Tesoriera
ott 22 @ 09:30 – 00:00

ph S. Mazzotta_dancer C. Guglielmi
Photo by S. Mazzotta | Dancer C. Guglielmi

22 ottobre 2014
Biblioteca civica musicale Andrea Della Corte – Villa La Tesoriera, corso Francia 192, Torino

Evento PerCorpi Visionari
Promosso da Associazione Didee in collaborazione con Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte
nell’ambito del progetto PerCorpi Visionari (P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013)

Convegno
Radici e germogli della danza d’arte e di comunità in Piemonte. Coreografie e ricerche contemporanee
Conversazioni con artisti, studiosi, giornalisti e operatori intorno alla trasmissione dei processi creativi, dai maestri della danza moderna ai coreografi contemporanei

 a cura di Rita M. Fabris e Chiara Castellazzi
in collaborazione con DAMS – Università degli Studi di Torino
coordinamento Patrizia Veglione e Mariachiara Raviola

Intorno alla trasmissione dei processi creativi è stata da poco avviata una ricerca specifica nell’ambito degli studi di danza. Infatti, sono sempre state privilegiate le tecniche corporee di tipo imitativo, attraverso un approccio di trasmissione orale da maestro ad allievo. Ma come sono stati trasmessi o reimpiegati i processi creativi di tipo esperienziale? Dalla riflessione sulle origini novecentesche della cultura femminile della danza, quando il mecenatismo teatrale torinese e le signore della danza affermavano una individuale e irripetibile espressione del corpo e una nuova sensibilità coreografica, questa giornata intende raccontare e studiare le caratteristiche di quei cenacoli prevalentemente femminili nei quali lo sguardo reciproco di affetto, fiducia e stima nelle potenzialità uniche di ogni donna, concedevano ad ognuna di emergere dalla sfera privata per rivelarsi personalità capaci di agire nel confronto pubblico degli sguardi e dei discorsi.

Bella Hutter, Cesarina Gualino, Sara Acquarone e Susanna Egri rappresentano le radici di questa modalità di trasmissione artistica, indagata dalla storiografia di danza più recente. Negli anni Settanta Anna Sagna apre la stagione più fervida della rielaborazione dei processi creativi in direzione comunitaria, dall’animazione teatrale all’espressione corporea. Successivamente si diffondono le nuove sperimentazioni pedagogiche della danza sensibile di Claude Coldy e delle metodologie mutuate da Carolyn Carlson, Pina Bausch e dal post-modern americano.

Le conversazioni di oggi costituiscono un ritorno urgente alla riflessione e alla trasmissione secondo una sensibilità femminile attenta agli altri nella costruzione di gesti, discorsi, comportamenti e soprattutto corpi, movimenti e danze. Artiste come Raffaella Giordano, Caterina Sagna, Doriana Crema fino ai germogli più freschi come Ambra Senatore, dialogheranno con studiosi, giornalisti e operatori alla ricerca di una nuova comunità di sguardi sui processi creativi della danza.

Programma

ore 9.30
Saluti istituzionali

ore 10.00 – 12.30
Radici, presiede Rita M. Fabris

Alessandro Pontremoli (Università di Torino), Danze e danzatrici moderne in Italia
Giulia Agnese (operatrice culturale), Cesarina Gualino, mecenate e persona danzante
Susanna Egri in conversazione con Chiara Castellazzi (giornalista e critico di danza)
Susanne Franco (Università di Salerno), Rudolf Laban: memoria, mito, storia
Rosanna Rabezzana e Claudia Serra in conversazione con Norma De’ Piccoli (Università di Torino)

Discussione

ore 12.30 – 13.30
Pausa buffet con proiezione video Al Femminile – Sguardi dal territorio, a cura di Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte

ore 13.30 – 16.45
Germogli, presiede Alessandro Pontremoli

Video-intervista a Carolyn Carlson di Chiara Castellazzi, prodotta da Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte
Rita M. Fabris (danzeducatore®), Processi creativi fra danza d’arte e di comunità: una mappatura
Caterina Sagna e Raffaella Giordano in conversazione con Alessandro Pontremoli
Doriana Crema, Ambra Senatore, Barbara Altissimo, Stefano Mazzotta, Emanuele Sciannamea e Elena Rolla, tavola rotonda condotta da Chiara Castellazzi
Franca Zagatti (Ass. Mousikè, Bologna), La danza di comunità: un modello metodologico
Emanuele Masi (Bolzano Danza), Mariachiara Raviola (Festival La Piattaforma teatrocoreografico), Luisa Cuttini (NID Platform, Brescia 2015) in conversazione con Rita M. Fabris

Discussione

Costo
Ingresso libero al convegno. Vivamente consigliata la prenotazione entro il 18 ottobre ore 12 a didee@corpivisionari.eu

In sinergia con il Convegno

21 – 25 ottobre 2014
Laboratori formativi
Movimento, sguardo e danza di comunità Laboratori condotti da Raffaella Giordano, Franca Zagatti e Doriana Crema
A cura di Associazione Didee, ZEROGRAMMI/LUFT Casa Creativa, Associazione Filieradarte

21 –  22 ottobre 2014
ore 21.00 Teatro Astra, Via Rosolino Pilo 6
Spettacoli nell’ambito del Festival La Piattaforma teatrocoreografico
Compagnie Caterina & Carlotta SAGNA; Franceschini/Droste & Co. e compagnia tardito/rendina; Giulia Lazzarino; Proiezione di opere video provenienti dal contest La danza in 1 minuto, a cura di Coorpi – Coordinamento Danza Piemonte
Programma completo su www.lapiattaforma.eu

 

Evento PerCorpi Visionari

promosso da
Associazione Didee in collaborazione con COORPI – Coordinamento Danza Piemonte, nell’ambito del Progetto PerCorpi Visionari – percorsi sconfinanti tra danza e performance contemporanea

e con
DAMS-Università degli Studi di Torino, Associazione Filieradarte

con il sostegno di
Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera ITALIA SVIZZERA 2007 – 2013 su Fondo FESR, Regione Piemonte e Canton Ticino

con il contributo di
Fondazione CRT

con il patrocinio di
Città di Torino, DES Associazione nazionale Danza Educazione Società, AIRDanza Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza

in rete con
Sistema Biblioteche Civiche Torinesi-Biblioteca civica musicale “Andrea Della Corte”, La Piattaforma teatrocoreografico, Zerogrammi/LUFT Casa Creativa, Genè5

media partner
DanzaDove

Info

La Piattaforma teatrocoreografico
+ 390115229810 +39 3396065349
www.corpivisionari.eu
didee@corpivisionari.eu / FB PerCorpi Visionari
www.lapiattaforma.eu
piattaforma.danza@gmail.com / FB La Piattaforma Teatrocoreografico

nov
6
gio
2014
Le foglie e il vento @ Centro Culturale di Cogne
nov 6 all-day
le foglie e il vento _95_foto Samantha Klein (800x534)

6 novembre 2014

Cogne – Aosta
In collaborazione con Teatro Instabile di AostaLe Foglie e il Vento 

a cura di Associazione DideeLe Foglie e il Vento – Performance di teatrodanza per adulti e bambini
ideazione Mariachiara Raviola
interpreti  Stefano Botti e Francesca Cinalli
sguardo coreografico Aldo Torta
tappeto musicale Paolo De Santisscene e costumi Elisabetta Ajani
oggettidi scena Gianni Cocomazzi
in collaborazione con Cattedra di scenografia Accademia Albertina di Belle Arti di Torinocostumi in carta Sara Peretti – abiti Poncif
assistenza alla regia Lisa Pugliese
comunicazione Patrizia Veglione
immagine coordinata Alberto Valente
foto Samantha Klein, Alexandrino De Sousa
video Rossella Schillaci
produzione Associazione Didee arti e comunicazione con Fondazione Teatro Coccia in collaborazione con Compagnia Tecnologia Filosofica

La vita di una foglia e del suo albero, dallo spuntare delle prime gemme, allo sbocciare dei fiori la primavera successiva. Una crescita secondo natura, passando dalle esperienze del sole, del vento e dell’amicizia con i bambini che giocano ad arrampicarsi; attraverso il giorno e la notte, i colori e i primi freddi dell’autunno, il silenzio e il bianco dell’inverno… momenti che non determinano la fine di un ciclo, ma l’inizio di una nuova vita. Un racconto danzato, una metafora dell’esistenza, dove nulla muore e tutto si trasforma.

Giornata in collaborazione con il Parco Nazionale del Gran Paradiso nell’ambito del progetto Alcotra “e-PHENO Reti fenologiche nelle Alpi”Quando

6 novembre 2014Dove

Centro Culturale di Cogne – in collaborazione con Teatro Instabile di AostaNote

Il percorso è riservato alle scuole che aderiscono al progetto.
Per partecipare o organizzare una replica per la propria scuola contattare Associazione Didee.Contatti

Associazione Didee  arti e comunicazione
M +39 339 6065349 – m. +39 347 2487314
didee@corpivisionari.eu
promozione.didee@gmail.it
Pagina Facebook Associazione DideePerCorpi Visionari

dic
23
mar
2014
Le foglie e il vento @ Casa del Teatro Ragazzi e Giovani
dic 23 all-day

Le Foglie e il Vento - Photo by A. De Sousa

Le Foglie e il Vento – Photo by A. De Sousa

23 dicembre 2014
Casa del Teatro Ragazzi e Giovani
Corso Galileo Ferraris 266 –  Torino

Le Foglie e il Vento 

a cura di Associazione DideeLe Foglie e il Vento – Performance di teatrodanza per adulti e bambini
ideazione Mariachiara Raviola
interpreti  Stefano Botti e Francesca Cinalli
sguardo coreografico Aldo Torta
tappeto musicale Paolo De Santisscene e costumi Elisabetta Ajani
oggettidi scena Gianni Cocomazzi
in collaborazione con Cattedra di scenografia Accademia Albertina di Belle Arti di Torinocostumi in carta Sara Peretti – abiti Poncif
assistenza alla regia Lisa Pugliese
comunicazione Patrizia Veglione
immagine coordinata Alberto Valente
foto Samantha Klein, Alexandrino De Sousa
video Rossella Schillaci
produzione Associazione Didee arti e comunicazione con Fondazione Teatro Coccia in collaborazione con Compagnia Tecnologia FilosoficaLa vita di una foglia e del suo albero, dallo spuntare delle prime gemme, allo sbocciare dei fiori la primavera successiva. Una crescita secondo natura, passando dalle esperienze del sole, del vento e dell’amicizia con i bambini che giocano ad arrampicarsi; attraverso il giorno e la notte, i colori e i primi freddi dell’autunno, il silenzio e il bianco dell’inverno… momenti che non determinano la fine di un ciclo, ma l’inizio di una nuova vita. Un racconto danzato, una metafora dell’esistenza, dove nulla muore e tutto si trasforma.
Quando
23 dicembre 2014Dove
Casa del Teatro Ragazzi e GiovaniNote
Il percorso è riservato alle scuole che aderiscono al progetto.
Per partecipare o organizzare una replica per la propria scuola contattare Associazione Didee.Contatti
Associazione Didee  arti e comunicazione
M +39 339 6065349 – m. +39 347 2487314
didee@corpivisionari.eu
promozione.didee@gmail.it
Pagina Facebook Associazione DideePerCorpi Visionari
mar
19
gio
2015
SOUP @ Teatro degli Scalpellini
mar 19 – mar 21 all-day

SOUP_foto di Samantha Klein_Piccolo Coccia Novara

8 maggio 2015
Teatro degli Scalpellini
Via Guglielmo Marconi, 1, – San Maurizio D’opaglio NO

LIS LAB PERFORMING ARTS in
SOUP Spettacolo sensoriale

di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
con Antonella Cirigliano e Sara Vilardo.
con la partecipazione degli studenti del Triennio di scenografia di NABA Nuova Accademia di Belle Arti Milano: Giulio Olivero e Valentina Carnevali
Produzione LIS e Fondazione Teatro Coccia per “PerCorpi Visionari – percorsi sconfinati tra danza e performance contemporanea” progetto Interreg di cooperazione transfrontaliera ITA-CH.

Soup, lo spettacolo sensoriale in programma venerdì 8 maggio, coinvolgerà il pubblico in prima persona, a stretto e diretto contatto con gli attori.

Dolce, salato o piccante?
Lo spettacolo è l’invito ad un banchetto surreale dove, in modo sempre diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato: memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi.
Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto.

Lo spettacolo
Lo spettatore prende parte attiva ad un banchetto surreale dove performer-camerieri servono “pietanze diversamente commestibili”. Il contorno di ogni portata, vero piatto forte della serata, sono le domande e le risposte individuali che invogliano i commensali a rintracciare e condividere memorie sul cibo, sulle ricette, sulle preparazione, sugli ingredienti e le relazioni personali profondamente collegate a ciò di cui ci nutriamo.
Il pubblico, diviso in gruppi da 5-6 commensali tramite un gioco spaesante, verrà fatto accomodare ai tavoli dove, su piatti particolari, diversi per ogni spettatore, vengono servite con speciali attenzioni, mini-porzioni di frutta secca, erbe, semi, ma anche fiori e puri odori, poesie e ”insalate di quotidiani”. E mentre si offre, si pongono domande ai commensali le cui risposte diventano colloqui e scambi personali. Si aggiunge così altro nutrimento, nel senso di occasione di ascolto e crescita e condivisone di pensieri e memorie tra i partecipanti.

Segue poi un tempo di riunione collettiva del gruppo che costituisce una sorta di catarsi-distruzione nella digestione delle emozioni sperimentate.
In fine un momento di saluto intimo accompagna dolcemente il pubblico all’uscita e al ritorno al mondo ordinario.

LIS LAB Performing Arts

LIS nasce nel 1999 a Milano e muove a Meina (NO) nel 2011. Svolge prevalentemente attività di ricerca teatrale e artistica attraverso la produzione e la circuitazione degli spettacoli del gruppo LIS, a questa attività affianca l’organizzazione di festival e rassegne multimediali e il coordinamento e gestione di spazi per l’arte (pittura, scultura, video installazioni, fotografia, musica, teatro). L’interazione con il pubblico e l’interdisciplinarietà sono il punto centrale della sperimentazione della compagnia che molto spazio dedica in parallelo, alla formazione e alla didattica. La Direzione artistica del LIS è di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig che, insieme o autonomamente, progettano e producono laboratori e performances.
L’Associazione dirige il Festival Villaggio d’Artista, una sezione di “PerCorpi Visionari”, Progetto Interreg di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera con capofila la Fondazione Teatro Coccia di Novara.

Orario
19 e 20 marzo – dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 19.00 alle 22.00 /
21 marzo dalle ore 16.00 alle ore 19.00 (ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura)

Costo
Biglietto unico 5 Euro. Ogni spettatore dovrà portare un cibo di suo gradimento.
Accompagnamento alla visione a cura di Tommaso Sacchi sabato 21 marzo dalle 15 alle 16

Posti limitati: prenotazione obbligatoria al n 3396616179 o a info@teatrodelleselve.it
E’ richiesto allo spettatore di portare un cibo di proprio gradimento.

Informazioni biglietteria
Spettacolo IN ABBONAMENTO BOTTEGHE
Biglietto: intero € 7.00; ridotto € 5,00
Promozioni sospese.

SOUP @ Villa Giulia
mar 19 – mar 21 all-day

COMUNICATO STAMPA

19, 20 21 marzo 2015
Villa Giulia – Pallanza (VB)

SOUP
LIS LAB Performing art
di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig
con Antonella Cirigliano, Francesca Amat e Sara Vilardo
con la partecipazione degli studenti del Triennio di Scenografia e Arti visive di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, Milano: Giulio Olivero, Valen- tina Carnevali, Isabella Benshimol, Mati Jhurry.
tecnica e sound design Fabrizio Orlandi e Taddo Sergio Taddei, photo Samantha Klein
organizzazione Annalisa Recchia e Michela Caretti
produzione LIS e Fondazione Teatro Coccia per “Per- Corpi Visionari – percorsi sconfinati tra danza e performance”, progetto Interreg di cooperazione transfrontaliera IT-CH.

SOUP è un percorso, un’installazione, un lavoro site specific e human specific.
E’ un banchetto surreale dove, in modo sempre diverso, si servono un‘infilata di sicurezze in bilico fra ovvietà apparenti e certezze assurde, il tutto condito con domande che affondano nel nostro passato: memorie di cibi, di ingredienti, di preparazioni, di esperienze che, nutrendoci, si fanno corpo con noi. Siamo ciò che mangiamo: carne, poesia, musica e tramonti, corse in bicicletta e foto ricordo. Tutto sarà spezzato, mischiato, condito e consumato con chi, per una sera, ci siede accanto. Lo spettatore prende parte attiva ad un banchetto surreale dove performer- camerieri servono “pietanze diversamente commestibili”. Il contorno di ogni portata, vero piatto forte, sono le domande e le risposte individuali che invogliano i commensali a rintracciare e condividere memorie sul cibo, sulle ricette, sulle preparazione, sugli ingredienti e le relazioni personali profondamente collegate a ciò di cui ci nutriamo. Si pongono domande ai commensali le cui risposte diventano colloqui e scambi personali. Si aggiunge così altro nutrimento, nel senso di occasione di ascolto e crescita e condivisone di pensieri e memorie tra i partecipanti.

Lis Lab
LIS nasce nel 1999 a Milano e muove a Meina (NO) nel 2011. Svolge prevalentemente attività di ricerca teatrale e artistica attraverso la produzione e la circuitazione degli spettacoli del gruppo LIS, a questa attività affianca l’organizzazione di festival e rassegne multimediali e il coordinamento e gestione di spazi per l’arte (pittura, scultura, video installazioni, fotografia, musica, teatro). L’interazione con il pubblico e l’interdisciplinarietà sono il punto centrale della sperimentazione della compagnia che molto spazio dedica in parallelo, alla formazione e alla didattica. La Direzione artistica del LIS è di Antonella Cirigliano e Daria Tonzig che, insieme o autonomamente, progettano e producono laboratori e performances.
L’Associazione dirige il Festival Villaggio d’Artista, una sezione di “PerCorpi Visionari”, Progetto Interreg di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera con capofila la Fondazione Teatro Coccia di Novara.

 

Genere
performance site specific

Orario
19 e 20 marzo, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 19.00 alle 22.00, 21 marzo dalle 16.00 alle 19.00
Ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura.

Destinatari
ragazzi e adulti

Costi
5 € biglietto unico

 

Info

Associazione LIS lab Performing Arts
associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
349 3784950 – 388 2579939

apr
12
dom
2015
LA STORIA DI NERANUBE @ Villa Giulia
apr 12 @ 17:00 – 18:00

selve_Neranube
12 aprile 2015
Villa Giulia – Pallanza (VB)

LA STORIA DI NERANUBE, favola ecologica, con canti
Teatro delle Selve
regia e drammaturgia Franco Acquaviva
con Franco Acquaviva e Anna Olivero
una produzione Teatro delle Selve

Un giorno il Cielo, indignato per le cose orribili che gli esseri umani compiono sulla terra, decide di non concedere più il bene prezioso della pioggia. Chi risolverà la drammatica situazione? La risposta è semplice e strana: un asino. Due personaggi girovaghi, forse profughi provenienti da qualche lontano paese, raccontano e fanno raccontare a un asino e una gallina di pezza e lana la storia della Nera Nube che tutto allagò.

Teatro delle Selve
Fondato nel 1998 da Franco Acquaviva e Anna Olivero, il Teatro delle Selve si radica dal 1999 nel territorio cusiano con un’attività che spazia dalla produzione di spettacoli di ricerca, di strada e di figura per l’infanzia. Alla costruzione di un’intensa e continuata relazione pedagogica con le scuole, con i giovani e con gli adulti attraverso l’organizzazione di seminari e laboratori. Si fa promotore di un’idea di cultura teatrale che valorizzi le relazioni tra ambiente (naturale, architettonico), e persone/comunità che lo abitano (la loro memoria – comune o personale). Gli spettacoli del Teatro delle Selve mettono al centro la ricerca sull’attore. Ricerca rivolta sia a indagare i modi e le tecniche dell’attore nel suo lavoro (preparatorio e di scena); sia i modi del suo porsi in relazione ai diversi contesti comunicativi in cui è necessitato ad agire (coi bambini, con spettatori “senza teatro”, con disabili, con adolescenti, con stranieri).
franco@teatrodelleselve.it | www.teatrodelleselve.it

Genere
Teatro

Orario
h. 17.00

Destinatari
pubblico bambini e adulti

Costi
Biglietto unico 5 €

Info

Associazione LIS lab Performing Arts
associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
349 3784950 – 388 2579939

apr
22
mer
2015
Carolyn Carlson – SHORT STORIES @ Teatro Coccia di Novara
apr 22 @ 21:00 – 23:00
Carolyn-Carlson-RFrederic_Iovino
mercoledì 22 aprile 2015
Teatro Coccia
Via F.lli Rosselli 47 – Novara
SHORT STORIES
IMMERSION | WIND WOMAN | MANDALA

Mandala 

Solo, creazione 2010
Coreografia | Carolyn Carlson
Interpretazione | Sara Orselli
Musica | Michael Gordon: Weather parts 3 & 1
Costumi | Chrystel Zingiro
Luci | Freddy Bonneau
Durata | 30 min
Produzione delegata | Carolyn Carlson Company
Produzione originale | Centre Chorégraphique National de Roubaix Nord-Pas de Calais
in collaborazione con l’Atelier de Paris-Carolyn Carlson

Un cuore che batte, che pulsa vita in un corpo che a sua volta ondeggia, volteggia. Mandala affascina lo spettatore con il suo ritmo ipnotico, accompagnato dalla musica intensa di Michael Gordon.
Al cerchio dell’ensō, che simboleggia sia l’universo sia il gesto artistico perfetto, si aggiunge anche il riferimento agli agroglifi, motivi circolari apparsi nei campi di grano. Manifestazioni geometriche dalle origini misteriose, appaiono come un messaggio emesso da una forza dello spirito, forse venuta da altrove, e sembrano volerci ricordare le forze sconosciute che ci circondano.
Sara Orselli dà corpo a questo solo, risultato della complicità che la lega a Carolyn Carlson da oltre un decennio.

Immersion 

Solo, creazione 2010
Coreografia e interpretazione | Carolyn Carlson
Musica originale | Nicolas de Zorzi
Luci | Guillaume Bonneau
Durata | 18 min
Produzione delegata | Carolyn Carlson Company
Produzione originale | Centre Chorégraphique National Roubaix- Nord Pas de Calais

«Water lady» eterna, Carolyn Carlson incarna il gesto puro e unico come un’espressione del movimento acquatico nella sua metamorfosi infinita. Al suono delle onde, la coreografa s’immerge nella sua fluidità, nella sua intensa presenza dalle profondità insondabili. Come preludio alla creazione eau interamente dedicata al suo tema prediletto, Carolyn Carlson offre al pubblico la visione affascinante di una danza mossa dalla forza vitale dell’elemento naturale.

Wind Woman

Solo, creazione 2011

Coreografia | Carolyn Carlson
Interpretazione | Céline Maufroid
Musica originale | Nicolas de Zorzi
Luci | Guillaume Bonneau
Durata | 8 min
Produzione delegata | Carolyn Carlson Company
Produzione originale | Centre Chorégraphique National Roubaix Nord-Pas de Calais
Con il sostegno del Teatro San Carlo, Napoli

Con Wind woman, Carolyn Carlson esplora il senso dell’effimero. Il vento che soffia e corre via mostra a volte estrema dolcezza e altre volte una forza terribile. Céline Maufroid, interprete di sue creazione da diversi anni, si è messa all’ascolto dei respiri che ci circondano e che emaniamo dal nostro interno.
Ogni essere vivente, con la respirazione, rappresenta una macchina che crea vento. Wind woman rivolge a ciascuno di noi un invito ad ascoltare, a sentire il respiro del mondo e della propria anima.

Carolyn Carlson
Nata in California, si definisce innanzitutto una nomade. Dalla baia di San Francisco all’Università dello Utah, dalla compagnia di Alwin Nikolais di New York a quella di Anne Béranger in Francia, dall’Opéra di Parigi al Teatrodanza de La Fenice di Venezia, dal Théâtre de la Ville a Helsinki, dal Ballet Cullberg alla Cartoucherie di Parigi, da la Biennale di Venezia a Roubaix, Carolyn Carlson è una viaggiatrice instancabile, in continua ricerca, sviluppo e condivisione del suo universo poetico.

Ereditaria della composizione coreografica e della pedagogia di Alwin Nikolais, è arrivata in Francia nel 1971. L’anno successivo con Rituel pour un rêve mort ha firmato il manifesto poetico del suo stile, che non ha mai abbandonato: una danza decisamente votata alla filosofia e alla spiritualità. Al termine “coreografia” Carolyn Carlson preferisce “poesia visiva” per definire il suo lavoro. La creazione delle sue opere è una testimonianza del suo pensiero poetico e della sua forma d’arte in cui il movimento ricopre un posto privilegiato.
Da quattro decenni vanta un’influenza e un successo considerevoli in diversi Paesi europei. Ha ricoperto un ruolo fondamentale nella nascita della danza contemporanea in Francia e in Italia con il GRTOP all’Opéra di Parigi e al Teatrodanza de La Fenice di Venezia.
Ha creato più di 100 coreografie, di cui molte fanno parte delle pagine più importanti della storia della danza, da Density 21,5 a The Year of the horse, da Blue Lady a Steppe, da Maa a Signes, da Writings on water a Inanna.
Nel 2006 la sua carriera è stata coronata da un Leone d’Oro, non era mai accaduto prima che alla Biennale di Venezia un coreografo ne fosse insignito. È inoltre Commendatore dell’Ordine delle Arti e delle Lettere e ufficiale della Legione d’onore.

Direttrice artistica fondatrice dell’Atelier de Paris-Carolyn Carlson, dal 2014 per un periodo di due anni è artisita associato al Théâtre National de Chaillot, dove ha sede la Carolyn Carlson Company.

Céline Maufroid
Nata in Francia, studia danza alla Scuola del Centre Chorégraphique National di Roubaix. Entra a far parte della compagnia nel 1997, interpreta numerose pièce di Maryse Delente e dei coreografi invitati al CCN come Ivan Favier, Jean-Claude Gallotta, Renatus Hoogenraad, Itzik Galili, Ohad Naharin, Guy Weizman e Roni Haver.
Dal 2003 al 2004 ha danzato creazioni di Andy De Groat, Christine Bastin, Ivan Favier, Motaz Kabbani, Hervé Diasnas, Thonas Duchatelet, Michel Keimenis e Rui Horta; dall’anno successivo è stata interprete di coreografie di Carolyn Carlson, Juha Marsalo e Yutaka Nakata (Salt, Pepper, or Sugar?).
Ha ideato Lou(p) y es-tu ? una produzione presentata nell’ambito dell’iniziativa per bambini DanseWindows e successivamente in tour nell’anno 2011.

Sara Orselli
Sara Orselli inizia a studiare danza presso la scuola Dance Gallery di Perugia, diretta da Valentina Romito e Rita Petrone. Prosegue la sua formazione dal 1999 al 2002 a Isola Danza, l’accademia della Biennale di Venezia allora diretta da Carolyn Carlson. Fa parte del cast delle seguenti creazioni della Carlson alla Biennale: Parabola nel 1999, di Light Bringers nel 2000, di J. Beuys SonG nel 2001.
Nel 2003 si trasferisce a Parigi ed entra a far parte del cast di Prologue d’une Scène d’amour, Perle Parfum di Juha Marsalo. Nello stesso periodo è assistente di Carolyn Carlson: Wash the Flowers a Lucerna (2005), Les Rêves de Karabine Klaxon (2006), Woman in a room (2013) e Pneuma per il Teatro dell’Opera di Bordeaux (2014). Si esibisce spesso in pièce di Carolyn Carlson: InannaWater borneauPresent MemoryMundus ImaginalisMandalawe were horsesSynchronicity.

 

Info
Fondazione TEATRO COCCIA
Via f.lli Rosselli, 47
28100 – Novara (NO)
Tel. +39.0321.233200
Fax +39.0321.233250
Biglietteria +39.0321.233201
www.fondazioneteatrococcia.it

 

mag
19
mar
2015
As it Happens @ Villa Giulia
mag 19 – mag 20 all-day

 ph. Tecnologia Filosofica

19 maggio, h. 19.00
Villa Giulia – Pallanza (VB)

As it Happens
Compagnia
Tecnologia Filosofica
di Francesca Cinalli e Paolo De Santis
con il patrocinio del Dams/Università di Torino e di Abruzzo Circuito Spettacolo
si ringrazia Museo d’Arte Contemporanea Castello di Rivoli, Officine Caos-Stalker Teatro, Verdecoprente Festival.

As it Happens è un dispositivo ideato per favorire l’avvicinamento del pubblico ai linguaggi della danza. All’interno di tale dispositivo, chiediamo al pubblico di giocare con noi. Prepariamo il campo da gioco in una dimensione accogliente ed ospitale, senza rinunciare ai codici della nostra ricerca nei territori dell’istante tra suono, parola e movimento. As it Happens per compiersi ha bisogno del pubblico: la natura del progetto richiede nel momento stesso del suo compiersi di potersi misurare con un pubblico, anche di transito come ad esempio può avvenire nel caso di un museo d’arte, un pubblico colto nel mezzo di ciò che accade, oppure un pubblico invitato, come in un party.
Giochiamo con il pubblico per (in)formarlo, obbedendo a 3 semplici regole del gioco: lasciarsi al bosco, senza contatto fisico e con un paio di occhiali da sole.

Tecnologia Filosofica
Una comunità di artisti tra ricerca, impegno e contaminazione interdisciplinare dei linguaggi, ai confini fra danza e teatro. Una predilezione per il lavoro sul corpo e sulla presenza, nell’idea di un teatro concepito come atto totale. Il suo studio si colloca su una linea di demarcazione e di confine con la figura del danzatore-attore non solo interprete, ma anche “autore” del suo lavoro.
Una comunità teatrale di artisti a struttura orizzontale, non verticistica, nè gerarchica in cui non è prevista la figura tradizionale del direttore artistico. Le linee guida sono definite e orientate grazie a un continuo confronto dinamico all’interno del gruppo, mentre le responsabilità artistiche dei lavori sono stabilite a progetto, sulla base delle urgenze portate dai singoli. L’apertura all’incontro e allo sguardo esterno di artisti che nel tempo si sono avvicinati al gruppo, completano i tasselli dell’identità della compagnia.
PREMIO GABER 2014 per le nuove generazioni | UNAR 2013 | PREMIO ERMOCOLLE 2012 | PREMIO GABER 2012 per le nuove generazioni | TORINODANZA 2011 – Italian Dance Platform.
info@tecnologiafilosofica.it
www.tecnologiafilosofica.it

Genere
danza

Durata
durata laboratorio 2 h. / durata performance 2 h. 

Orario
19 maggio, h. 19.00 laboratorio (per tutti), 20 maggio, h. 20.30

Destinatari
pubblico bambini e adulti

Costi
Laboratorio a ingresso libero con prenotazione obbligatoria Costo perfomance 5€ biglietto unico

 

Info

Associazione LIS lab Performing Arts
associazionelis@gmail.com
www.associazione-lis.com
349 3784950 – 388 2579939

giu
9
mar
2015
Le Foglie e il Vento @ Sala Fornero
giu 9 @ 16:00 – 19:00

Le_Foglie_e_il_Vento_Photo_A.de_SOUZA

9 giugno 2015

Le Foglie e il Vento
Sala Fornero, Corso Siracusa 213, Torino

Laboratorio intergenerazionale di danza di comunità, aperto a famiglie e anziani – ore 16.00
“LE FOGLIE E IL VENTO” Spettacolo di danza / tout public – ore 17.00
Merenda sinoira – ore 18.00 

Le Foglie e il Vento

Spettacolo di danza e festa intergenerazionale, a cura di Associazione Didee e Associazione Filieradarte
coproduzione Associazione Didee e Fondazione Teatro Coccia
in collaborazione con Tecnologia Filosofica
con il sostegno di Fondazione Piemonte dal Vivo
nell’ambito del progetto “PerCorpi Visionari” – P.O. di Cooperazione Transfrontaliera Italia – Svizzera 2007/2013

Il progetto vede protagonisti anziani, giovani e famiglie della Circoscrizione 2 insieme con artisti italiani e internazionali. Un laboratorio di danza di comunità per famiglie e anziani introduce lo spettacolo “LE FOGLIE E IL VENTO”: la vita di una foglia e del suo albero, dallo spuntare delle prime gemme, allo sbocciare dei fiori la primavera successiva. Una crescita secondo natura, passando dalle esperienze del sole, del vento e dell’amicizia con i bambini che giocano ad arrampicarsi; attraverso il giorno e la notte, i colori e i primi freddi dell’autunno, il silenzio e il bianco dell’inverno… momenti che non determinano la fine di un ciclo, ma l’inizio di una nuova vita. Un racconto danzato, una metafora dell’esistenza, dove nulla muore e tutto si trasforma.

La Festa è realizzata in collaborazione con: Centro per le Famiglie via Balla 13 e Centro Ragazzi Lilliput Mirafiori Nord della Circoscrizione 2, gestiti dalla Cooperativa G. Accomazzi.

Orario
h. 16,00 – 19,00

Partecipazione
gratuita

Contatti
Associazione Didee, arti e comunicazione – Associazione Filieradarte
t.+39 347 9413920
filieradarte@gmail.com
www.corpivisionari.eu

Nell’ambito della Festa intergenerazionale di danza di comunità sostenuta dalla Circoscrizione 2 – Santa Rita Mirafiori Nord, Torino, Progetto Argento Vivo 2014-2015, l’ASSOCIAZIONE DIDEE, arti e comunicazione e l’ASSOCIAZIONE FILIERADARTE presentano martedì 9 giugno 2015 presso la Sala Fornero di Corso Siracusa 213, lo spettacolo “LE FOGLIE E IL VENTO” di Mariachiara Raviola, con lo sguardo coreografico di Aldo Torta, il tappeto sonoro di Paolo De Santis, interpreti Stefano Botti e Francesca Cinalli, in collaborazione con Compagnia Tecnologia Filosofica.

Il progetto vede protagonisti anziani, giovani e famiglie della Circoscrizione 2 insieme con artisti italiani e internazionali. Un laboratorio di danza di comunità per famiglie e anziani introduce lo spettacolo “LE FOGLIE E IL VENTO”: la vita di una foglia e del suo albero, dallo spuntare delle prime gemme, allo sbocciare dei fiori la primavera successiva. Una crescita secondo natura, passando dalle esperienze del sole, del vento e dell’amicizia con i bambini che giocano ad arrampicarsi; attraverso il giorno e la notte, i colori e i primi freddi dell’autunno, il silenzio e il bianco dell’inverno… momenti che non determinano la fine di un ciclo, ma l’inizio di una nuova vita. Un racconto danzato, una metafora dell’esistenza, dove nulla muore e tutto si trasforma.

La Festa è realizzata in collaborazione con: Centro per le Famiglie via Balla 13 e Centro Ragazzi Lilliput Mirafiori Nord della Circoscrizione 2, gestiti dalla Cooperativa G. Accomazzi.

Orario
h. 16,00 – 19,00

Partecipazione
gratuita

Contatti
Associazione Didee, arti e comunicazione – Associazione Filieradarte
t.+39 347 9413920
filieradarte@gmail.com
www.corpivisionari.eu